Perfezionismo: beneficio o pregiudizio per gli artisti?

Ho il piacere di interagire con molti aspiranti artisti eccezionali, per lo più studenti universitari di musica. Stanno dedicando le loro vite a diventare musicisti professionisti. La loro spinta a migliorare la loro musicalità mi stupisce. A volte li sento esprimere cose come "Nessuno ha aspettative più alte per me di me" e "Io sono il mio critico più aspro." In effetti ho sentito molti musicisti vantarsi, "Sono un perfezionista".

Musicisti vari come il grande operista Luciano Pavarotti e il rapper Ludacris si sono definiti perfezionisti (almeno secondo le citazioni su questo sito, le cui fonti non sono citate). Secondo questa prospettiva, il rifiuto degli interpreti di accettare qualcosa di meno della perfezione è la loro chiave per raggiungere il più alto livello di successo. Sentiamo spesso questo sentimento da atleti d'élite. Dobbiamo solo guardare al tennis professionistico femminile per alcune citazioni provocatorie. La leggenda del tennis Chris Evert ha detto "Ogni volta, per tutto il tempo, sono un perfezionista. Sento che non dovrei mai perdere. "E più recentemente Serena Williams ha dichiarato:" Sono un perfezionista. Sono praticamente insaziabile. "

Ashlyn Discover Life Photography on Flickr Creative Commons
Fonte: Ashlyn Scopri Life Photography su Flickr Creative Commons

Per quanto apprezzi i paralleli tra musica e sport, per me è difficile applicare la musica alla nozione di performance perfetta. Direi che per determinare la perfezione, bisogna definire la correttezza . Negli sport è spesso più facile identificare quando è stata raggiunta la correttezza. Nel bowling, ad esempio, un punteggio perfetto di 300 viene raggiunto se tutti i tiri risultano nel battere tutti e 10 i birilli verso il basso. Posso capire che i giocatori di bocce professionisti aspirerebbero a questa misura di perfezione ogni volta che si avvicinano alle corsie. La correttezza del punteggio nelle prestazioni musicali, tuttavia, non è così prontamente fatta, a parte l'idea semplicistica di colpire tutte le note giuste, dove "giusto" è definito dalle altezze e dai ritmi indicati nella partitura stampata. Mi piacerebbe pensare che al di là degli studi per pianoforte e delle scuole medie per bambini, l'eccellenza musicale non sia solo la corretta esecuzione di note e ritmi. Sfortunatamente in tali prime esperienze formative formali, gli insegnanti di musica sono più interessati agli studenti che ottengono i tiri e i ritmi corretti. È possibile che molti musicisti non escano mai completamente da questa mentalità rudimentale.

Sicuramente i musicisti più adulti considerano le loro esibizioni di successo solo se sono espressive in modo tale che i membri del pubblico abbiano risposte emotive concordanti con le loro intenzioni espressive. E c'è una gamma di espressività che gli ascoltatori ritengono accettabile e evocativa di emozioni. Sospetto, tuttavia, che, nonostante l'importanza riconosciuta dell'espressività, molti musicisti in via di sviluppo occupino la loro attenzione durante le esibizioni con una sorta di riscontro di momenti corretti e non corretti. Trovo particolarmente preoccupante che alcuni possano guardare alle prestazioni musicali con un punto di vista perfezionista, definendo in modo semplicistico la perfezione come evitare errori o brutti momenti nelle prestazioni.

Una prospettiva perfezionista può persistere tra alcuni musicisti perché ritengono che li motiva verso la pratica produttiva e la crescita delle abilità prestazionali. Forse hanno sottoscritto una filosofia del genere, una volta articolata dal leggendario allenatore di football americano Vince Lombardi, che ha dichiarato: "La perfezione non è raggiungibile, ma se inseguiamo la perfezione, possiamo raggiungere l'eccellenza." Il campo della psicologia, però, offre molto per confutare questo idea. In un recente articolo intitolato "Esiste un antidoto al perfezionismo", lo psicologo Thomas Greenspon ha attirato l'attenzione clinica da 35 anni di pratica psicoterapeutica per sottolineare che l'ansia e altri problemi di salute mentale spesso accompagnano una mentalità perfezionista (una conclusione raggiunta anche da molte precedenti ricerche (Greenspon, 2014) "Le persone di maggior successo in un dato campo", afferma Greenspon, "hanno meno probabilità di essere perfezioniste, perché l'ansia di commettere errori si intromette." (Dahl, 2014).

La ricerca mostra che il perfezionismo può essere piuttosto malsano e persino controproducente per lo sviluppo. Il perfezionismo come tratto di personalità è un forte correlato all'ansia della performance. E 'anche collegato ad altri comportamenti disadattivi come procrastinazione e disturbi alimentari, e persino al suicidio (Flett, Hewitt, & Heisel, 2014) Quando una mentalità perfezionista in effetti spinge i musicisti a fare molto per sviluppare le loro abilità, sospetto la passione è dell'ossessivo – piuttosto che dell'orientamento armonioso, che può venire con sentimenti di colpa e rabbia, e una generale mancanza di soddisfazione per la propria vita musicale.

Altre ricerche hanno associato il perfezionismo con il narcisismo (Stoeber, Sherry, & Nealis, 2015), una condizione che è lontana dalla nozione quasi accattivante del musical "diva". Il narcisismo è caratterizzato da un'eccessiva preoccupazione per la propria importanza e una mancanza di empatia per gli altri. In relazione ai tratti narcisistici, coloro che si considerano perfezionisti possono tendere a fissare standard perfezionisti per gli altri, il che porta a frequenti critiche e incolpare gli altri. Ciò può comportare relazioni personali e professionali molto tese.

I perfezionisti possono incolpare gli altri come parte di un meccanismo di difesa dell'ego per assolvere l'autocritica. Se non riescono a trovare un capro espiatorio intorno a loro o sono altrimenti costretti a guardare dentro di sé, possono essere particolarmente duri con se stessi ed esagerare i loro fallimenti. La ricerca mostra che i perfezionisti sono particolarmente suscettibili alla depressione e all'ansia.

Per molti perfezionisti autoproclamati, nei momenti in cui accettano che non possono raggiungere il loro obiettivo desiderato di essere perfetti, possono accontentarsi di apparire perfetti . Questo può portare a comportamenti bizzarri come un musicista cerca di trasmettere a coloro che lo circondano l'immagine di qualcuno che in realtà non lo è. Questi comportamenti possono includere l'autoassistenza, in cui un musicista fa di tutto per avere scuse pronte in vista di un potenziale fallimento. Avere una scusa convincente riceve più dello sforzo e dell'attenzione del musicista che la preparazione per una performance di successo. I comportamenti di autoassistenza estremi includono farsi ammalarsi o ferirsi o danneggiare il proprio strumento musicale prima di una grande prestazione.

Come mostrato sopra, il perfezionismo è considerato dagli psicologi come uno dei tratti più distruttivi della personalità e possibilmente indicativo di malattia mentale. Quando parlo con musicisti con tendenze perfezioniste, cerco di far loro capire che aspirare alla perfezione è in realtà irrazionale; la perfezione è solitamente indefinibile, non tracciabile e irraggiungibile dagli esseri umani nella vita reale. Superare una mentalità perfezionista inizia con il diventare reale . Letteralmente. Sono convinto che negli sforzi per raggiungere una buona salute psicologica, le regole della realtà . Gli esecutori non dovrebbero tenere un conto corrente di momenti corretti e non corretti durante la performance; piuttosto dovrebbero valutare le loro prestazioni in modo più olistico, dopotutto, è così che la maggior parte dei membri del pubblico lo fa. E non posso sottolineare abbastanza quanto sia importante per gli artisti pensare meno sulla correttezza e più sulla comunicazione. Yo-Yo Ma ha detto così:

Mentre ero seduto lì al concerto, suonando correttamente tutte le note, ho cominciato a chiedermi, "Perché sono qui? Sto facendo tutto come previsto. Quindi cosa c'è in gioco? Niente. Non solo il pubblico è annoiato ma io stesso sono annoiato ". La perfezione non è molto comunicativa. Tuttavia, quando si sottomette la propria tecnica al messaggio musicale, si diventa veramente coinvolti. Quindi puoi correre dei rischi. Non importa se fallisci. (Blum, 1998, pp. 6-7)

Quindi, anche se i musicisti potrebbero suonare correttamente tutte le note, ciò non significa che abbiano dato una buona performance. E con l'intuizione di Yo-Yo Ma per sostenermi, direi che la natura espressiva della musica richiede una mentalità non perfezionista. Forse se una persona ha un così forte orientamento verso la vita da perfezionista – cioè, lui o lei è praticamente controllata dal bisogno sentito di identificare il bene e il male nelle loro attività – forse quella persona non è tagliata per essere un musicista.

Lo psicologo Thomas Greenspon (citato sopra) suggerisce che è fondamentale che le persone facciano una distinzione tra ricerca dell'eccellenza e ricerca della perfezione. Quindi, invece di sperare di "catturare l'eccellenza" mentre si trova in una irrealistica inseguimento della perfezione (per usare i termini di Coach Lombardi), i musicisti stanno meglio ad essere onesti con se stessi e con gli altri intorno semplicemente facendo dell'eccellenza il loro obiettivo in primo luogo.

Riferimenti

Blum, D. (1998). Quintetto: cinque viaggi verso la realizzazione musicale . Ithaca, NY: Cornell University Press.

Dahl, M. (2014, 30 settembre). L'allarmante nuova ricerca sul perfezionismo. Rivista di New York . Estratto da http://nymag.com/scienceofus/2014/09/alarming-new-research-on-perfection…

Flett, GL, Hewitt, PL, e Heisel, MJ (2014). La distruttività del perfezionismo rivisitato: implicazioni per la valutazione del rischio di suicidio e la prevenzione del suicidio. Revisione di Psicologia generale, 18 , 156-172.

Greenspon, TS (2014). C'è un antidoto al perfezionismo? Psicologia nelle scuole, 51 (9), 986-998.

Shafran, R. & Mansell, W. (2001). Perfezionismo e psicopatologia: una rassegna di ricerca e trattamento. Clinical Psychology Review 21 (6), 879-906.

Stoeber, J., Sherry, SB, & Nealis, LJ (2015). Perfezionismo multidimensionale e narcisismo: grandioso o vulnerabile? Personalità e differenze individuali, 80 , 85-90. DOI: 10.1016 / j.paid.2015.02.027

Copyright 2015 Robert H. Woody

Fonte dell'immagine: Ashlyn su Flickr Creative Commons.

Solutions Collecting From Web of "Perfezionismo: beneficio o pregiudizio per gli artisti?"