Perfezione o perfezione?

C'è un documentario che sta facendo il giro dei teatri ultimamente: Jiro Dreams of Sushi . Qui incontriamo Jiro Ono, un gentiluomo giapponese di 85 anni che lavora 6 giorni alla settimana nel suo ristorante da 10 posti in una metropolitana di Tokyo. Inoltre, è anche considerato il più grande chef di sushi del mondo. Nel corso del film lo vediamo trascinarsi al mercato del pesce per scegliere il miglior pescato del giorno, tagliando metodicamente le scaglie di pesce, impegnandosi in discussioni dettagliate con i coltivatori su varie trame di riso. Ha perfezionato il suo mestiere nel corso dei decenni che nelle sue cene di gruppo notturne (prenotate con mesi di anticipo), deliberatamente dà alle donne porzioni leggermente più piccole in modo che tutti nel gruppo possano finire i loro pasti esattamente nello stesso momento.

Mentre non è un capo cuoco, Matt ammette prontamente che gli piace cucinare, e in realtà fa la maggior parte dei pasti per lui e sua moglie. Come Jiro, anche lui ha degli standard elevati. Ma se, per una qualsiasi ragione, il pasto non risulta all'altezza delle sue aspettative, butta tutto lì e là (e nonostante le frequenti proteste di sua moglie) e inizia tutto.

Ovviamente entrambi gli uomini stanno lavorando su diverse mentalità. Per Jiro creare sushi è un'arte; la perfezione può essere perseguita ma mai pienamente raggiunta; fa il meglio che può dal meglio che il suo mondo gli offre in un dato giorno. Inoltre, crede fermamente che l'apprendimento del proprio mestiere provenga solo da anni di esperienza (gli apprendisti si allenano con lui per un minimo di 10 anni), ma che gli errori saranno fatti e fanno parte del processo. Matt pensa diversamente. Per lui cucinare è meno arte e più realizzazione. La perfezione è prevista fin dall'inizio e non dovrebbe mai rinunciare. E quando il risultato, se diverso da quello che ha visualizzato, assume errori e incompetenza; diventa un'opportunità di infinita autocritica.

La forza trainante per ciascuno è diversa. Per Jiro è la creatività e la visione di un ideale, per Matt è l'ansia e la paura di un disastro onnipresente e onnipresente. Sforzo dedicato alla perfezione contro infinita limitazione del perfezionismo. Jiro diventa il maestro; Matt si sottomette a un maestro.

Matt, o tu, puoi diventare simile a Jiro? Assolutamente. Ecco alcuni modi per iniziare:

Realizza ciò che ti sta guidando. Non sei tu, né la tua creatività, o alti ideali. È perfezionismo e perfezionismo è un prepotente. Mentre pensi di essere solo te, il perfezionismo sta facendo la guida. Prendi il controllo della ruota, guida te stesso.

Spegnerlo. Quando senti quella vecchia voce che abbaia ordini, ti colpisci con quel bastone mentale quando non fai abbastanza "bene", ignora gli ordini, porta via il bastone e invece ti accarezza le spalle. Lascia che tu, le tue visioni, i tuoi talenti, la tua creatività ti guidino. Ignora l'inevitabile ciarlare che implacabile mamma o papà nella tua testa.

Renditi conto che non tutto è importante. L'approccio di Matt al cibo è il suo stesso approccio a tutto il resto della sua vita – tutto o niente – il suo lavoro, il suo aspetto, persino il fatto di avere rapporti sessuali con sua moglie. Tutto quello che fa ottiene un voto, e meno che i gradi perfetti finiscono nella spazzatura mentale. Jiro, d'altra parte, può dedicare la sua vita al sushi, ma probabilmente ha dei coniglietti di polvere sotto il letto che non guarda mai.

Il perfezionismo livella continuamente il campo di gioco. Assolutamente tutto diventa una prova, un'altra misura irragionevole della tua abilità e carattere. Lasciar perdere. È sia irraggiungibile che stupido. La vita è relativa Alcune cose possono solo diventare importanti perché qualcos'altro non lo è. Ciò che ti preoccupa ora sarà davvero importante 3 giorni, 3 mesi da adesso? Tu, l'adulto, non il perfezionismo, devi decidere su cosa è importante concentrare la tua vita. E, a proposito … sei libero di cambiare idea e concentrarti in qualsiasi momento tu voglia.

Decidi cosa vuoi   La porta della creatività è sapere cosa vuoi fare; la porta del perfezionismo sta facendo ciò che dovresti. Ovviamente non sono la stessa cosa. Il desiderio è guidato e determinato; i doveri sono inebrianti e gravati dal senso di colpa e dalla paura anticipata. Una spruzzata giudiziosa di shoulds può aiutare a formare i tuoi valori e il tuo carattere, ma con troppi e pochi desideri si finisce semplicemente per finire in un mucchio ansioso.

Tagliati un po 'di fatica. La perfezione al primo tentativo è un'altra idea irrazionale all'insegna della perfezione. Non siamo robot; l'apprendimento e la creatività sono disordinati. Prova, impara, affina, ripeti. Nulla di meno è irragionevole.

Puoi diventare Jiro? No. Ma puoi diventare te.

Quindi scendi dal treno perfezionista. E sentiti libero di rovinarti ovunque lungo la strada.

Solutions Collecting From Web of "Perfezione o perfezione?"