Perdi il telefono, trova il tuo corpo

Se ti piace, prima di iniziare a leggere, prova ad ascoltare questo brano di Calvin Harris e Rihanna (lo trovo più efficace senza le immagini) e poi guardo questa clip di Marx Brothers. Cosa li unisce? Cosa li distingue? Cosa ti fanno sentire?

Distrazioni tecnologiche

Forse perché in un altro progetto di scrittura mi sono concentrato sull'emergere dell'autocoscienza nei bambini e in altri animali, e forse anche perché recentemente ho accompagnato il mio compagno dall'Inghilterra alla California per aiutarlo a stabilirsi in un nuovo lavoro, Ho pensato all'autocoscienza, in particolare all'autocoscienza corporea.

Mi sento piuttosto bene con il mio corpo. Ma di recente ho notato che ne sono molto consapevole, in un modo distaccato, osservando dall'esterno. Sono consapevole di osservarlo e vedere o immaginare gli altri osservarlo. A volte questa consapevolezza scivola lungo la china scivolosa del confronto del mio corpo con gli altri; spesso no. Ma anche se no, sospetto che la vita sarebbe ancora migliore se la mia consapevolezza fosse diversa: più radicata in quello che sto facendo, non fluttuando nel guardarmi mentre lo faccio. E sospetto anche di non essere il solo a sentirmi così: in effetti, penso che mi infastidisca di me stesso perché lo vedo negli altri. Lo vedo nella donna-ragazza che si sdraia a chiacchierare con il suo corpo abbronzato ore dopo l'ora in piscina, e non voglio nemmeno avvicinarmi di un centimetro.

Ora, la prima fase del mio processo di pensiero su questo non è affatto un romanzo, ma una volta che la si inizia a vedere, il numero e la gamma di metodi che utilizziamo per salvarci dall'essere presenti corporei è davvero notevole. Parliamo al telefono mentre camminiamo; guardiamo la TV o ascoltiamo musica mentre ci esercitiamo in palestra; leggiamo o guardiamo o ascoltiamo mentre mangiamo; noi ci fotografiamo e filmiamo con il più sottile pretesto; riempiamo ogni breve momento in attesa di qualcuno, o per l'autobus, con il controllo riflesso dei nostri telefoni. Non c'è nulla di nuovo nell'osservare che con la più auto-riflessiva di queste attività, è proprio il desiderio di catturare la propria presenza – sulla spiaggia al tramonto, al concerto, nel momento commovente di un addio – che ci rende assenti ovunque: sempre alla ricerca dello scatto migliore, il momento giusto per fare il disco che ci permetterà di fingere, in un futuro immaginario, di essere davvero qui ora, e che è stato perfetto.

Non ho mai fatto una gran quantità di questo – né la distrazione né l'autocontrollo – anche se trovo le cose più caricate emotivamente difficile da non conservare in forma fotografica, probabilmente perché ho troppa poca fiducia nel mio memoria. L'unica volta che mi distraggo deliberatamente, però, è quando, di tanto in tanto, vado a correre. Spesso faccio degli sprint perché non mi piace nulla di più, ma quando faccio qualcosa oltre qualche minuto trovo che avere musica aiuta. Ho trovato la giusta gamma di BPM per mantenere un ritmo decente, ma penso che la cosa fondamentale non sia proprio il tempo, è il mascheramento dei segnali dal mio corpo che dicono che è stanco e non gli piace molto .

Al di là della rarissima apparizione di me in esecuzione, però, non ascolto quasi mai la musica o uso il mio telefono contemporaneamente mentre sto facendo qualcos'altro. La mia peggiore abitudine al telefono la sta usando per segnalare, inutilmente, al mondo che sono impegnato in altro modo: occupato, non solo in attesa. A questo proposito, è interessante fare uno sforzo per farne meno. Ora, se mi sorprendo a cercare il mio telefono come riflesso contro l'imbarazzo del solo essere , dico di no, perché ora semplicemente mi siederò, o starò in piedi, e mi guarderò intorno, e sarò, e persino incontrerò lo sguardo di qualcuno, e persino sorridili. (In questo, essere all'estero e avere i dati mobili disattivati ​​in modo permanente è di grande aiuto).

Ci si sente sempre più alieni, seduti, in piedi o camminando. È strano riflettere su quanto è successo velocemente. Anche quando ero un adolescente tra la metà e la fine degli anni '90, quasi nessuno di questi metodi per l'auto-alienazione era disponibile per chiunque. Se dovessi camminare da qualche parte, hai camminato, e quel tempo era per camminare. Era per frequentare l'ambiente circostante, per fare il viaggio. Potresti anche usare il tempo per sognare ad occhi aperti, o agitarti, o rivedere per un esame, ma quella distrazione è stata creata da te stesso, con tutto lo sforzo e l'arco temporale finito che tale attività cognitiva comporta.

E poi, circa 35 anni fa, arrivò il Sony Walkman. E ora, dopo così tante rivoluzioni tecnologiche, la distrazione è senza fine, senza sforzo, più che senza sforzo: attentamente progettata per essere compulsiva. Molto è stato detto e scritto sui probabili effetti della nostra cultura in streaming wireless sulla concentrazione e altre capacità cognitive, comprese quelle coinvolte nell'interazione sociale. C'è anche una letteratura crescente su come i media sociali e convenzionali influenzano l'immagine del corpo – in modo abbastanza uniforme in modo negativo (Cohen e Blaszczynski 2012, Grabe et al., 2008). Ma gli effetti negativi sulle misure relative al corpo finora investigate sono, a mia conoscenza, solo quelli che derivano direttamente dalle rappresentazioni di altri corpi, siano essi i corpi di persone che conosciamo (ad esempio su Facebook) o gli pseudo-corpi costruiti deliberatamente per renderci invidiosi e insoddisfatti (ad esempio nella pubblicità).

Ma mi chiedo se la continua distrazione in se stessa, indipendentemente dal contenuto di ciò che ci distrae, possa causare danni significativi quando si tratta delle nostre relazioni con i nostri corpi. Probabilmente questo argomento è già stato fatto prima, ma non l'ho mai incontrato in questo contesto.

L'idea di fondo è che spendiamo sempre più tempo in modo proporzionale nel trattare i nostri corpi come cose che possediamo, perché siamo distratti durante il sempre più spesso quando essere presenti dovrebbe essere facile . O, in termini più scientifici: la distrazione cognitiva aumenta la frequenza di auto-oggettificazione relativa a esperienze più positive di incarnazione . E questo causa problemi.

Modi di essere incarnati

Nel modo ordinario delle cose, o in quello che era una volta ordinario, ogni giorno contiene innumerevoli opportunità per sperimentarmi come agente di recitazione. Io, come corpo, mi muovo attraverso il mondo, interagisco con altri corpi e con oggetti e paesaggi. La mia esperienza costante è delle mie capacità mentre originano nella mia incarnazione. Osservo le fluttuazioni settimanali, giornaliere, orarie, minuscole nei miei punti di forza fisici e vulnerabilità, le mie armonizzazioni e disallineamenti con aspetti del mio ambiente, e mi adeguo a loro, spesso senza accorgermene, ma forse notando i risultati: se mi sciolgo attraverso l'incurvamento istintivo delle mie spalle al freddo, mi sento più caldo e rilassato; che se mi trascino di meno al tavolo mi sento più sveglio e assaporo di più il mio cibo. Il mio corpo è ciò che vivo e solo sporadicamente e secondariamente ciò che gli altri valutano.

Emily Troscianko
Fonte: Emily Troscianko

Ora confrontalo con il modo in cui ci troviamo così facilmente a vivere ora. La presenza fisica è l'eccezione e non la norma. Raramente c'è silenzio: ogni esperienza fisica ha una colonna sonora o una chat. Raramente c'è immobilità: c'è sempre qualcosa da scorrere o cliccare, non importa quanto breve sia l'interludio. O se c'è l'immobilità, è il tipo inerte che viene fornito con l'assenza mentale. Raramente c'è qualcosa che si avvicina alla semplice presenza: qualcosa di diverso da qui e ora ha sempre un richiamo alla mia attenzione. E cosa significa tutto questo? Che quando faccio esperienza del mio corpo, quei momenti sono un'anomalia e dovrebbero essere preziosi nella loro rarità: abbiamo bisogno che siano davvero buoni, perché ne abbiamo sempre di meno. Ma invece, in realtà, i tipi di esperienza corporea che lo fanno negli spazi ristretti tra le distrazioni sono probabilmente i cattivi. Quelli che ci afferrano nonostante noi stessi.

Non esiste un arazzo uniforme di esperienza corporea alla base di ogni momento; invece, è più probabile che l'esperienza corporea mi salti addosso, prendendoti alla sprovvista. A volte ciò accade in modo innocuo: quando si riaggancia o nel momento tra questa fine della traccia e l'inizio successivo. A volte viene da realtà corporee che si intromettono nelle distrazioni stesse: non puoi goderti la musica perché la tua testa fa male. Forse, più positivamente, ti disconnetti da Facebook perché il cibo ha un sapore così buono, o il sole è così caldo, o hai appena avuto un pensiero interessante su qualcosa. Ma quando sei stanco e occupato, come molti di noi sono così tanto tempo, è facile per i negativi predominare.

E così, molto spesso, quando arriva l'auto-consapevolezza, non viene come un miglioramento della consapevolezza irriflessiva che era già lì, ma improvvisamente, dal nulla in qualcosa. E il qualcosa che viene è, più spesso, l'autoosservazione. Questo afflusso sporadico di incarnazioni è provocato più facilmente, dopo tutto, dalle situazioni in cui il mio corpo è rappresentato visivamente da me. Mi prendo allo specchio o provo a scattare una foto di me stesso – vedo me stesso dall'esterno. Il senso visivo è altamente dominante negli esseri umani e le forme umane sono così visivamente salienti che possiamo persino immaginare dove non lo sono. Quindi, anche se la visione funziona meglio, l'immaginazione visiva può funzionare anche abbastanza bene. Forse catturerò l'attenzione di un passante prima che entrambi i nostri sguardi scivolino via goffamente – immagino me stesso dall'esterno. Vedo una foto di un amico o di una modella – mi immagino attraverso il confronto. Invece di essere me, sto osservando me.

Ma cosa succede se quando vedo il mio riflesso in una vetrina o mi confronto con qualcun altro, il verdetto è positivo? Beh, forse i problemi non sorgono solo se la mia auto-valutazione in questi momenti è apertamente autocritica. Forse il risultato non ha nemmeno importanza. Se mi guardo allo specchio in un negozio e sono contento perché penso di sembrare piuttosto carino, o sono leggermente scoraggiato perché quando ho iniziato a sembrare così stanco, in entrambi i casi forse c'è un potenziale problema perché io sto trattando il mio corpo come un oggetto. Un oggetto in entrambi i sensi: come l'oggetto grammaticale del mio verbo, il mio aspetto – e come entità fisica da cui sono separato.

Quindi potresti pensare che la tua immagine corporea sia abbastanza buona e che tu stia apprezzando in modo sano il tuo corpo così com'è, ma stai ancora cadendo nella trappola di apprezzarlo troppo pervasivamente come un possesso oggettivato – qualcosa che puoi apprezzare, nonostante il suo ' difetti ', come oggetto estetico. È piuttosto difficile non farlo quando si utilizza un pezzo di vetro riflettente per studiare se stessi nell'inversione destra-sinistra dalla testa ai piedi, quindi la chiave è forse, semplicemente, non fare troppo di questo, rispetto a come molto ti lasci vivere il tuo corpo in azione – anche se l'azione è solo respirare.

C'è qualche ricerca interessante su come i tipi visivi e non visivi di consapevolezza corporea possono interagire. Alcune evidenze suggeriscono che una ridotta consapevolezza del proprio corpo "dall'interno" (interocezione) è correlata con una maggiore suscettibilità alle illusioni che implicano "deriva propriocettiva": uno spostamento percepito della propria posizione corporea e proprietà del corpo che si verifica quando l'input visivo sovrascrive l'input tattile (Tsakiris et al., 2011). C'è anche una certa certezza che è la dipendenza dal contesto visivo piuttosto che la consapevolezza corporea che predice la quantità di deriva (David et al., 2013). I ballerini possono contare meno sul senso visivo di altri per il controllo posturale, e meno si basano sulla visione, migliore è il loro equilibrio dinamico (Golomer et al., 1999), e chi soffre di disturbi alimentari sembra mostrare una deriva più propriocettiva rispetto a quella sana controlli, forse perché si basano maggiormente sul senso visivo per le loro valutazioni corporali (Eshkevari et al., 2012). Le relazioni tra le diverse forme di consapevolezza del corpo sono naturalmente complesse, ma potrebbe esserci qualcosa all'idea che abbiamo bisogno di fare più sensazioni e meno vedere: "può essere che guardare se stessi più da una prospettiva basata sull'apparenza, come in se stessi -objectification, distorce l'esperienza interocettiva del sé corporeo '(Eshkevari et al 2012, 826).

chiarimenti

Ora, tempo per alcuni avvertimenti e qualifiche. In primo luogo, ovviamente non sto dicendo che tutta la "distrazione" è cattiva. Ascoltare musica, leggere, anche i social network, possono naturalmente avere effetti piacevoli e terapeutici, o essere divertenti, o semplicemente alleviare la noia; usati giudiziosamente, possono persino migliorare la nostra capacità di presenza, come un colpo di tamburo a un temporale. Ascolto molta musica durante la guida, forse perché la mancanza di rumore ambientale significa che c'è una tela più neutrale su cui il ritmo e il testo possono aiutare la mia consapevolezza a stare felicemente da qualche parte tra tutte le complesse abilità richieste per guidare bene e pensieri che possono rimanere inattivo. Quindi il mio suggerimento è solo che quando ci impegniamo in queste attività non per se stesse ma come fondamenti per altre attività, e quando esse non sono più l'eccezione ma la norma, possono diventare dannose.

Non sto nemmeno dicendo che l'assenza di distrazione è per definizione buona per noi. Possiamo essere profondamente auto-focalizzati nei modi più distruttivi, e questi includono l'auto-oggettificazione: ripenso all'espressione di auto-lucidatura insoddisfatta e intensamente programmatica nella donna a bordo piscina. (Probabilmente sono profondamente ingiusto con lei, e in realtà non sta studiando la sua linea bikini, ma riflettendo attentamente sull'ultima parte della teoria dei campi quantici che ha letto nella sua stanza prima che lei scendesse.)

E infine, non sto dicendo che ciò a cui dovremmo mirare è uno stato di completa unità meditativa Zen con i nostri corpi come parti inseparabili di un universo infinito – almeno non sempre. La questione di dove sullo spettro (o dove nello spazio multidimensionale) dei modi di interagire con i nostri corpi può esserci una sorta di ideale quotidiano – e dove sono i punti finali – è una domanda per un'altra volta.

Ma forse c'è qualcosa nell'ipotesi che se il modo di essere predefinito non è l'esperienza del mio corpo come agente capace di agire, allora ho bisogno di assicurarmi che queste esperienze non scompaiano del tutto. Ho bisogno di abbastanza di queste esperienze per impedirmi di trattare il mio corpo come qualcosa che sembra piuttosto che fare . E che quando la norma non è un'incarnazione enattiva, è facile essere spinti a sperimentare il nostro corpo, in particolare da stimoli ambientali che incoraggiano l'oggettivazione fisica (ad esempio specchi) o l'insoddisfazione oggettivante (ad esempio la pubblicità aerografata). E così le nostre esperienze di noi stessi sono più probabilità di essere come soggetto e oggetto separati l'uno dall'altro: io contro il mio corpo, non io come il mio corpo. Abbiamo trascorso poco tempo come nostri corpi e, quando ce n'è una possibilità, spesso lo lasciamo sfuggire a causa della grabbiness e della viscosità degli stes in attesa di giudizio su di loro. (Vedi van Vugt e Broers 2016 sulla "viscosità" dei pensieri intrusivi che vagano nella mente e la loro correlazione negativa con la consapevolezza).

Modi di valutare il tuo corpo

Ritorniamo per un momento alla sotto-ipotesi che non importa se la vostra auto-valutazione del corpo arriva con un verdetto positivo o negativo. Sono consapevole che dire che non c'è alcuna differenza tra valutare l'apparenza in modo positivo o negativo potrebbe essere pericoloso, e non intendo questo. Ma intendo che i due hanno la stessa struttura di base: il processo inizia lo stesso, e poi diverge in un secondo momento per raggiungere un verdetto più negativo o più positivo. Quindi forse tutto si riduce a proporzioni: se nella tua vita c'è ancora dell'altro in cui il tuo corpo non è un oggetto per te, è bello decidere di sembrare sexy stasera. Se no, e quel tipo di auto-valutazione ha troppa importanza nella tua vita – allora forse c'è un problema.

Le auto-valutazioni su cui mi sono concentrato qui sono quelle corporee: trattare il proprio corpo come un oggetto piuttosto che un soggetto, di solito attraverso il senso visivo – sono carino, magro, abbronzato, abbastanza tonico? Ma possono assumere anche altre forme: sono forte, in forma, intelligente, altruista?

I casi paradigmatici derivano il loro potere dal modo in cui il senso visivo può bypassare interi settori del ragionamento, e saltare alla conclusione non abbastanza . Perché è importante che io sia abbastanza carina di solito non è determinata: il giudizio estetico è rapido e tutto ciò che esiste. Puoi imparare a tornare indietro e sbloccarlo, anche se ciò richiede uno sforzo.

I casi non visivi e non percettivi sono più interessanti, perché la linea divisoria tra il trattare sé stessi come oggetto e come oggetto è così difficile da rintracciare quando si tratta di abilità piuttosto che di apparenze. Se, in palestra, paragono la mia performance, per non parlare del mio fisico, con quello di un'altra donna, e mi trovo a voler essere (o guardare) più forte di lei, questo è un caso abbastanza chiaro di auto-oggettificazione: sono in piedi giudizio su me stesso e fare le mie azioni non per se stessi ma per la valutazione del mio corpo di recitazione contro quello di qualcun altro. Lo stesso vale per sentire gli occhi di altre persone su di me mentre mi preparo a sollevare, anche regolando i miei comportamenti per adattarli a un'immagine che potrei voler trasmettere – di sicuro oblio, per esempio. Se, d'altro canto, focalizzo tutti i miei sensi con precisione sull'ascensore che sto per tentare, e riempio i polmoni di aria e passo sotto la barra e faccio un passo indietro con esso e controllo il posizionamento del piede – beh, dove Lo classifico? In un certo senso, qualsiasi concentrazione su se stessi è un'oggettivazione ( io guardo i miei piedi), ma nel senso più significativo, tutte queste micro-azioni sono orientate verso l'azione presente, come soggetto: posso sollevare questo peso o no? Sono un sistema complesso che agisce attraverso molteplici forme di feedback incarnato e feedforward per eseguire questo movimento complesso. Poi ci sono casi intermedi: se mi sento frustrato con me stesso per aver fallito un passaggio, l'autocritica è anch'essa auto-oggettivante, o sto solo cercando di essere un soggetto più capace?

Quando ci pensi abbastanza lontano, può sembrare che l'intera idea rischi di disintegrarsi. Per cominciare, il nostro linguaggio non si è evoluto bene per trasmettere l'auto-percezione come qualcosa di diverso dall'auto-separazione; tutti i possessivi con cui parliamo di sé diviso tra il corpo (ciò che possiedo) e la mente (il vero io) sono difficili da allontanare. Anche l'onnipresente frase "immagine corporea" implica di per sé e incoraggia una riduzione del corpo a un'entità staticamente immaginabile separata dalla mia esperienza dinamica di esso. È così che gli psicologi dovrebbero invitare le persone a pensare alle loro relazioni con il loro corpo? Sta piuttosto dicendo che questa è ormai diventata la stenografia standard per queste relazioni?

E poi c'è il fatto che siamo creature sociali la cui sopravvivenza è sempre dipesa dalla lettura della mente di altre persone: intuendo con un migliaio di meccanismi complessi e altamente evoluti se questa persona sta per provare a rubarmi il cibo, a dirmi bugie o a prendermi incinta. Una gran parte di queste operazioni costanti di cognizione sociale è la comprensione che creo tali impressioni anche su altre persone, e che posso modulare quelle impressioni, con mezzi che diventano sempre più sofisticati. Non possiamo semplicemente spegnere tutto, anche se avvicinarci può essere piacevole. Mi piace farlo rimuovendo del tutto le altre persone. Mi sento più profondamente calmo e libero quando ho spazio e silenzio intorno a me, preferibilmente uno spazio vasto, come nel deserto californiano, con nessun altro lì, tranne forse una o due persone che conosco e di cui mi fido, e dove i giochi di auto-monitoraggio sono dissolti fuori dall'esistenza da strutture molto più vaste e impassibili di quella che chiamiamo civiltà umana.

Forse questa è una delle ragioni per cui la maggior parte delle persone nelle grandi città sembra così infelice il più delle volte: lo squilibrio tra le richieste di incarnazione e l'auto-osservazione è così grande. (Il vandalismo costruttivo contro le pubblicità negli spazi pubblici si confronta con una parte del problema). Ma per la maggior parte di noi, ritirarsi nella natura non è una soluzione – per più di ritiri mirati "fuori dalla rete", comunque. Forse mentre cresce la sofisticazione dei nostri strumenti per la cognizione sociale, dobbiamo crescere con essa. Ma di nuovo, ci può essere una lezione piuttosto semplice da imparare: che tutto si riduce alle proporzioni, alla frequenza e alla durata dei tempi in cui noi siamo i nostri corpi come soggetti, o li valutiamo come oggetti. Forse più costantemente ci confrontiamo con gli inviti a vedere noi stessi come gli altri reali o immaginati, più dovremmo scegliere di non farlo – non saltare in quei confronti autocritici, non volere, senza nemmeno chiederci perché, a sii il più carino o il più intelligente tutto il tempo.

Scegliere la presenza

Emily Troscianko
Fonte: Emily Troscianko

E quindi è tutto molto semplice. Non si tratta dei media cattivi che distorcono le nostre menti e le relazioni con i nostri corpi; si tratta semplicemente di scegliere di essere presente. Ciò non significa resistere al godimento del canto degli uccelli perché potrebbe allontanarmi dalla comunione preziosa con il mio corpo infinitamente prezioso. Significa solo creare spazio per sensazioni e altre esperienze che hanno una connessione intrinseca al mio corpo qui e ora: il canto degli uccelli sopra e intorno a me mentre cammino, non il canto degli uccelli sull'MP di rumori naturali che fluiscono lungo i miei canali uditivi dal nulla.

Forse questa curva di apprendimento inizia con il reclamare il vasto territorio di ogni giorno che potrebbe essere plasmato dalle esperienze di noi stessi che agiamo con forza e con competenza (o solo con competenza) nel mondo. Non sono io come una riflessione bidimensionale, né io come una debole eco ai testi dell'ultimo singolo di Nicki Minaj, né io a tre rimossi dagli sforzi delle mie membra, né io intrappolato in un momento incorniciato di imperfezione digitale, né Ho bisogno di segnalare a chiunque stia guardando che sono impegnato a non impegnarmi con loro, né ho paura di dove la mia mente mi guiderà o non mi condurrà se in questa passeggiata, semplicemente vado a piedi invece di chiamare qualcuno.

Questo sono io, camminando, sentendo il calore dell'autunno della LA venire a incontrarmi, sentire la tensione di muscoli posteriori della coscia leggermente stretti, sentire il solletico di capelli sciolti sul collo, sentire il ronzio dell'autostrada e l'abbaiare di un cane e il rantolo di un trapano da qualche parte, incontrando l'occhio dell'uomo che passa, sentendo l'inclinazione della mia testa, sentendo il peso della mia borsa, sentendo il fresco dell'edificio che mi fa ombra, sentendo i miei pensieri vagare tra lavoro ed email e cibo e piscina e famiglia e torna da me qui.

Come sarebbe se fossi in me molto più del tempo? Cos'altro cambierebbe?

Penso che per il resto del mio tempo qui fuori al sole, ricorderò:

Ricorda l'equilibrio tra i tempi spesi come me e i tempi spesi per valutarmi.
Ricorda che i tempi trascorsi come sono venuti gratuitamente.

Emily Troscianko
Fonte: Emily Troscianko

Oh, quella canzone e il filmato? L'epitome dell'attrazione sessuale: essere osservati da una donna che tutti stanno guardando? La rovina definitiva della dipendenza dallo specchio: capire che la mia riflessione non sono io?

Solutions Collecting From Web of "Perdi il telefono, trova il tuo corpo"