Perdere la tua fresca sotto pressione

Sia che siate seduti per il SAT, che intervistate per un lavoro o che state per dare un brindisi di nozze che avete memorizzato alla perfezione, è probabile che sperimenterete un simile insieme di reazioni cerebrali e corporee. Sotto pressione, la tua frequenza cardiaca aumenta, l'adrenalina entra in azione e le tue menti iniziano a correre, spesso con preoccupazioni.

Quando iniziano le preoccupazioni, se stai facendo qualcosa che richiede una dose massiccia di memoria di lavoro (ad esempio, risolvendo un difficile problema di test o ragionando attraverso una dura domanda in loco da un potenziale capo), le tue prestazioni possono risentirne. La memoria di lavoro è il nostro gratta e vinci mentale che ci permette di "lavorare" con le informazioni bloccate nella coscienza. Sotto pressione, le preoccupazioni riempiono il cervello quindi non c'è abbastanza memoria di lavoro (cioè potenza cognitiva) per andare in giro.

Ma le preoccupazioni non sono l'unica ragione per cui le persone si soffocano sotto pressione (o si comportano in modo più scadente del previsto data la loro abilità quando lo stress è attivo). Molte attività altamente praticate – che vanno da un putt di golf ben istruito a un discorso memorizzato – non attingono pesantemente al potere del cervello che preoccupa la cooptazione. Piuttosto, queste attività sono svuotate perché, quando la posta in gioco è alta, le persone spesso cercano di controllare quello che stanno facendo, il che può ritorcersi contro. Portare nella routine delle abitudini altamente praticate li sconvolge: paralisi per analisi.

Come succede, entrambi questi tipi di fallimenti hanno a che fare con il fatto che, sotto pressione, la corteccia prefrontale (e la memoria di lavoro lì alloggiata) smette di funzionare come dovrebbe. Questo malfunzionamento della corteccia prefrontale provoca anche il caos sulla nostra capacità di controllare le nostre emozioni. Un componente importante della memoria di lavoro è l'inibizione, che ci aiuta a mantenere ciò che vogliamo in mente e ciò che non vogliamo. Ci aiuta anche a controllare i nostri pensieri, emozioni e comportamenti. Quando lo stress è attivo, la nostra inibizione è una delle prime cose da fare. Quando perdi la pazienza o dici qualcosa che non dovresti affrontare nei momenti di stress, è spesso un segnale che la corteccia prefrontale non è in grado di mantenere i centri emotivi del cervello sotto controllo.

È come se le situazioni piene di pressione ci spingessero a tornare indietro nei nostri anni dell'adolescenza. La corteccia prefrontale si sta ancora sviluppando negli adolescenti, quindi gli adolescenti spesso hanno difficoltà a tenere sotto controllo le aree emotive del cervello. Sotto pressione, il cervello degli adulti tende a imitare le loro controparti adolescenti.

Come esempio delle differenze tra adulti e adolescenti in situazioni non piene di pressioni, prendi uno studio condotto alcuni anni fa. Ai giovani adolescenti e agli adulti (tra i 20 ei 30 anni) è stato chiesto di guardare le immagini dei volti emotivi presentati sullo schermo di un computer. Facendo così, gli adolescenti tendevano a mostrare una maggiore attivazione nell'amigdala rispetto agli adulti, insieme alla corteccia orbitofrontale e alla corteccia cingolata anteriore, parte dei sistemi cerebrali coinvolti nella paura e nella valutazione delle situazioni emotive. È interessante notare che quando alle persone è stato chiesto di spostare la loro attenzione tra una componente emotiva del viso (come pensare a come il viso le fa sentire spaventate) e una caratteristica non emotiva (quanto distanti gli occhi sono distanziati), gli adulti erano molto meglio a farlo. Quando è necessario, gli adulti sembrano essere in grado di disattivare le loro aree emotive di valutazione emotiva o almeno tenerli sotto controllo in un modo che i ragazzi non sono in grado di fare. 1,2

Tuttavia, sotto pressione, tutto cambia. La corteccia prefrontale smette di funzionare come dovrebbe, il che può portare a una eccessiva attenzione alle prestazioni, a una mancanza di potenza cognitiva dedicata al compito in questione oa un'esplosione emotiva che sembra più tipica di un adolescente. Man mano che gli adolescenti invecchiano, la corteccia prefrontale si sviluppa e le persone sono più capaci di modulare le loro reazioni. Ma, sotto stress, questo controllo può uscire dalla finestra.

Basti pensare al calciatore francese Zinedine Zidane e alla sua famigerata testa a testa nelle finali della Coppa del Mondo del 2006. Dopo il difensore italiano, Marco Materazzi, e con lo scambio di parole accese, la corteccia prefrontale di Zidane stava probabilmente lavorando duramente per frenare un'esplosione emotiva. Ma con lo stress del campionato del mondo sulla linea, questa inibizione non si è concretizzata e, invece di allontanarsi da Materazzi, Zidane ha speronato la sua testa nel petto Materazzi, mandando Materazzi a terra e Zidane dal gioco. Gestirsi adeguatamente sotto pressione implica riconoscere quando la corteccia prefrontale ha più probabilità di assomigliare a quella di un cervello adolescente e applicare tecniche efficaci per affrontare la regressione.

Per una revisione di queste tecniche, consulta il mio libro CHOKE. Nei negozi ora!

Seguimi su Twitter.

__
1 Choudhury, S., Blakemore, S., e Charman, T. (2006). Sviluppo cognitivo sociale durante l'adolescenza. Neuroscienze sociali, cognitive e affettive, 1, 165-174.

2 Monk, CS, McClure, EB, Nelson, EE, et al. (2003). Immaturità adolescenziale nell'impegno del cervello attinente l'attenzione alle espressioni facciali emotive. NeuroImage, 20, 420-8.

Solutions Collecting From Web of "Perdere la tua fresca sotto pressione"