Perché non riesco a superare la mia dolorosa infanzia?

Nuovi studi spiegano gli effetti duraturi delle avversità iniziali.

Image Point Fr/Shutterstock

Fonte: Image Point Fr / Shutterstock

Nel suo libro How People Change , lo psichiatra Allen Wheelis descrive gli eventi infantili che hanno continuato a influenzarlo fino alla sesta decade della sua vita, e probabilmente oltre. Un capitolo è dedicato a un episodio in cui Wheelis aveva 8 anni e suo padre lo fece trascorrere le sue vacanze estive tagliando il loro grande prato con un rasoio dritto anziché giocare con i suoi amici. Scrive di suo padre:

“Mi ha lasciato il segno su quell’estate, e dopo la sua morte, quella caduta ha continuato a parlare su un sistema di alta fedeltà nella mia coscienza, mi parla ancora, mi dice che sono stato convocato, che sono di nuovo in piedi davanti a lui su quel portico di vetro che dà un resoconto di me stesso, che sarò trovato carente, ancora dopo tutti questi anni un ‘mascalzone senza scrupoli e senza conto’! “

Wheelis non è il solo a continuare a reagire in modi che sembrano essersi sviluppati durante l’infanzia. Innumerevoli studi hanno dimostrato che le esperienze infantili avverse (ACE) aumentano il rischio di molte difficoltà più avanti nella vita.

Uno dei risultati per adulti più studiati nel contesto delle ACE è la depressione. Nella sua recente revisione, lo psicologo Richard Liu ha concluso che le ACE rendono la depressione adulta due volte più probabile e più probabile che si ripresenti. Gli ACE sono anche associati a un tempo più lungo per riprendersi dalla depressione. Liu ha osservato che le avversità nell’infanzia aumentano il rischio di depressione, sia sotto forma di abuso sessuale, abuso emotivo, abuso fisico o negligenza.

I problemi dell’infanzia possono influenzare non solo la nostra salute emotiva, ma anche la nostra salute fisica. Uno studio longitudinale nel Regno Unito ha mostrato che l’ambiente familiare all’età di 4 anni prevedeva che una persona avrebbe avuto un mal di schiena persistente alla sua fine degli anni ’60. Allo stesso modo, lo status socioeconomico inferiore (SES) all’età di 4 anni è stato associato a un rischio sostanzialmente maggiore di problemi alla schiena sei decenni più tardi.

E non sono solo gli umani a mostrare questi effetti delle prime esperienze sul benessere successivo. La ricerca del laboratorio di Michael Meaney ha dimostrato che il modo in cui i cuccioli di ratto vengono gestiti durante la loro infanzia influisce sul modo in cui i loro corpi e il loro cervello rispondono allo stress durante la loro vita, influenzando anche la salute del cervello legata all’età e il declino della memoria. Queste scoperte hanno ovvie implicazioni per gli umani.

Come terapista comportamentale cognitivo, tendo a concentrarmi sulla situazione attuale e le sfide di una persona. Allo stesso tempo, sono colpito da quanto sia utile capire da dove provengono i modelli di vecchia data. Riconoscere semplicemente i collegamenti dall’infanzia all’età adulta può essere una parte importante della propria crescita. Di solito l’intuizione non è sufficiente, ma può fornire indizi cruciali che promuovono il processo di guarigione.

Molte persone con cui lavoro si chiedono perché stanno ancora lottando con le cose di tanti anni fa. Spesso combattono contro l’autocritica, dicendo a se stessi che “dovrebbero essere finiti ormai” e sentirsi autoindulgenti discutere di alcuni aspetti della loro infanzia e della loro educazione.

In realtà, il tempo da solo non garantisce che gli effetti delle nostre prime esperienze svaniranno. Consideriamo alcuni dei fattori che spiegano perché queste esperienze ci seguono nell’età adulta.

Personalità

Le nostre personalità sono i modi relativamente coerenti che pensiamo, agiamo e sentiamo in risposta al nostro ambiente, ei risultati di un nuovo studio sottolineano gli effetti delle nostre esperienze familiari sulle nostre personalità e relazioni. Gli autori dello studio hanno scoperto che la qualità delle nostre relazioni nella nostra famiglia di origine era un importante fattore predittivo della nostra attuale soddisfazione nei rapporti con il nostro altro significativo.

Andarono poi ad esplorare come quelle prime relazioni influissero sui nostri attuali, che è il luogo in cui la personalità entrò. Gli individui con esperienze di famiglia d’origine peggiori tendevano a segnare più in alto il tratto di personalità del nevroticismo, che è la tendenza a provare emozioni negative. Livelli più elevati di nevroticismo, a loro volta, hanno portato a una qualità della relazione più scadente con il proprio partner.

Quindi, le nostre prime relazioni possono dirigere la formazione delle nostre personalità, che poi influenzano le nostre esperienze successive. (Dovrei menzionare che una parte significativa delle differenze di personalità sono spiegate da differenze genetiche, quindi le famiglie possono influenzarci attraverso sia la natura che l’educazione).

Modelli sovraffrontati

Più pratichiamo certi modi di rispondere, più forti diventano queste tendenze. Nel momento in cui siamo adulti, abbiamo probabilmente avuto migliaia di opportunità per praticare vecchie abitudini.

Ad esempio, immagina di essere stato spesso svergognato da bambino per qualche piccolo errore. Forse hai imparato a nascondere i tuoi errori a tutti i costi, perché era il modo migliore per evitare di essere maltrattato. Da adulto, potresti continuare a proteggerti vigorosamente contro la vergogna, anche in situazioni che non lo richiedono più. Forse hai sposato un partner gentile e amorevole che non opera sulla base della vergogna, eppure il vecchio modello di comportamento continua mentre temi di esporti al giudizio.

Ci vuole molta cura e attenzione per cambiare le abitudini di una vita. Anche quando sappiamo cosa vogliamo cambiare, possiamo tornare ai vecchi modi in un momento di crisi.

Mancanza di consapevolezza

Potremmo anche ignorare i possibili effetti della nostra educazione sul nostro comportamento attuale, supponendo che stiamo rispondendo esclusivamente alla situazione che abbiamo di fronte. Potremmo non riconoscere il filtro attraverso il quale vediamo il mondo, o le credenze profondamente radicate che colorano le nostre percezioni. Quindi potremmo anche non sapere che abbiamo una scelta nel modo in cui rispondiamo in determinate situazioni.

Quando ero appena uscito dall’università, ho avuto un’accesa discussione con un vecchio amico, che a un certo punto si è fermato e ha detto con improvviso riconoscimento: “Stai reagendo a me come se fossi tuo padre”. Ho negato rabbiosamente che la mia risposta aveva qualcosa a che fare con mio padre, e mi ci è voluto più di un decennio per considerare che probabilmente aveva ragione. Le nostre reazioni sono sempre una miscela del presente e della nostra storia di vita.

Possiamo anche dimenticare com’è stata la nostra esperienza in quel momento. Ad esempio, essere fisicamente puniti da un genitore arrabbiato può sembrare abbastanza terrificante per un bambino piccolo. Come una persona guarda indietro alla punizione con il beneficio del senno di poi, potrebbe sembrare ovvio che il genitore non stava per annientarli. Di conseguenza, la persona potrebbe sottostimare l’impatto della punizione in quel momento sulla versione infantile di se stessi e il suo segno duraturo.

Propria identità

Le relazioni solide nella prima fase della vita possono aiutarci a sviluppare un senso stabile di ciò che siamo – ciò che i ricercatori chiamano “chiarezza di sé.” Il nostro senso dell’identità si sviluppa attraverso le nostre interazioni con gli altri e le relazioni positive e prevedibili offrono un contesto affidabile in cui sviluppare questa identità.

Uno studio recente ha dimostrato che le ACE sono collegate a una bassa chiarezza di auto-concezione, che a sua volta porta a una maggiore depressione, solitudine, stress percepito e stress della vita. Gli autori hanno proposto che un “senso di impoverimento del sé può quindi portare a una cattiva salute mentale degli adulti”. Al contrario, avere un chiaro senso della propria identità può proteggere nuovamente la depressione e l’isolamento.

Interazioni con altri

Alcuni dei modelli che sviluppiamo presto nella vita possono effettivamente diventare più forti più tardi nella vita, in particolare attraverso le nostre interazioni con gli altri. Considera lo stile di attaccamento, che è il modo in cui ci relazioniamo (o “leghiamo”) per chiudere gli altri nella nostra vita. Le nostre relazioni con i primi operatori sanitari giocano un ruolo importante nel sapere se siamo generalmente sicuri o ansiosi in queste connessioni.

Qualcuno con uno stile di attaccamento ansioso avrà difficoltà a sentirsi curato in una relazione, il che potrebbe portare a sforzi frenetici per evitare di essere abbandonato. Questi comportamenti, a loro volta, potrebbero indurre un partner a prendere le distanze, il che innescherà ulteriormente la paura dell’abbandono e dell’aggrapparsi man mano che il ciclo continua.

Di conseguenza, le nostre interazioni con gli altri possono amplificare le tendenze che abbiamo sviluppato durante l’infanzia. Uno studio recente ha confermato questo modello tra gli adulti con una storia di abusi fisici e negligenza. I ricercatori hanno scoperto che il maltrattamento infantile ha portato a uno stile di attaccamento ansioso, che a sua volta ha portato a depressione, ansia e bassa autostima.

Cambiamenti al cervello

È passato più di un decennio da quando la neuroscienziata cognitiva (e la mia consigliera di dottorato) Martha Farah ha dimostrato gli effetti della povertà sullo sviluppo del cervello. Nel suo articolo di revisione, Liu evidenzia anche alcune delle differenze cerebrali associate alle avversità nell’infanzia, tra cui la ridotta dimensione dell’ippocampo (fondamentale per l’apprendimento e la memoria), la maggiore reattività dell’amigdala (coinvolta nella paura e altre emozioni) e le anormalità nelle parti dei lobi frontali associate alla regolazione delle emozioni e alla pianificazione di comportamenti complessi.

Questo tipo di studi chiarisce che le nostre esperienze modellano letteralmente il nostro cervello, proprio come Michael Meaney e i suoi colleghi hanno dimostrato con i cuccioli di topo. Per fortuna, le nostre esperienze successive possono continuare a modellare il nostro cervello e le risposte allo stress in una direzione positiva, date le giuste condizioni.

Credenze di base

Dato che le nostre esperienze influenzano il nostro cervello, non dovrebbe sorprendere che influenzino anche le nostre menti. Nella terapia cognitivo comportamentale, “credenze fondamentali”   sono definiti come il nostro modo fondamentale di vedere il mondo e noi stessi, che si sviluppa attraverso le nostre esperienze.

Ho parlato delle convinzioni fondamentali nel contesto della terapia cognitivo comportamentale nel mio libro Retrain Your Brain ; Nel mio prossimo libro CBT Made Simple, dedico un intero capitolo a riconoscerli e modificarli, grazie al loro potere di influenzare i nostri pensieri automatici e le nostre sensazioni e comportamenti.

Per esempio, se ho la convinzione di essere sfortunato, e mia moglie non mi saluta calorosamente quando torna a casa, interpreterò il suo comportamento come “Non le importa di me”. Quel pensiero automatico mi porterà a sentirmi triste e abbattuto, e forse a ritirarmi, indebolendo così la mia relazione.

Le convinzioni fondamentali hanno la qualità velenosa di essere auto-rinforzanti, perché distorcono la nostra percezione della realtà, guidando i nostri pensieri automatici, che a loro volta rafforzano le nostre convinzioni fondamentali. Ci vuole uno sforzo considerevole per riconoscere e rimodellare queste convinzioni, spesso nel contesto di un lavoro mirato con un terapeuta.

Ricordi non elaborati

Eventi della vita molto traumatici possono così sopraffare il nostro sistema nervoso che i nostri ricordi degli eventi non sono completamente elaborati. Il nostro desiderio di evitare questi ricordi dolorosi ci impedisce ulteriormente di affrontare – e alla fine fare pace – questi episodi inquietanti.

Eppure, nonostante i nostri migliori sforzi per seppellire questi ricordi, essi si intromettono nella nostra consapevolezza – scoppiando nelle nostre menti dal nulla, scatenando reazioni di panico ai ricordi di traumi, inondando il nostro corpo di ormoni dello stress e influenzando il modo in cui vediamo noi stessi, gli altri e il mondo.

Queste dinamiche possono essere più chiare nel disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Se il trauma è avvenuto durante l’infanzia o più tardi nella vita, i ricordi non digeriti possono continuare a perseguitarci. Ho lavorato con i veterani per affrontare il trauma legato al combattimento di 40 anni prima, e i ricordi erano freschi come quando avevano 22 anni sul campo di battaglia.

Affrontando i nostri ricordi più oscuri in un ambiente sicuro e solidale, possiamo permettere alla ferita aperta di guarire. Saremo lasciati con una cicatrice, ma il dolore non sarà più acuto.

Come cambiano le persone?

Dati tutti i fattori che perpetuano gli effetti delle nostre prime esperienze di vita, forse dovremmo chiederci che le persone riescano a cambiare. E così, tornando a Wheelis, sono colpito dal titolo piuttosto ottimista del suo libro, How People Change . Come propone che il cambiamento è possibile, alla luce della citazione che ha aperto questo post? Più tardi nel libro Wheelis scrive:

“Che curiosità, però, che questa percezione della qualità determinante dell’esperienza infantile sia allo stesso tempo la creazione della libertà.”

Wheelis suggerisce che avvicinando le nostre esperienze e esaminandole, possiamo riconoscere nelle nostre attuali reazioni la firma del nostro passato; quel riconoscimento ci consente una scelta più ampia nel modo in cui rispondiamo.

Quindi, la volontà di affrontare il passato non significa rifiutarsi di assumersi la responsabilità, crogiolarsi nella propria infelicità, incolpare i propri genitori o dispiacersi per se stessi. In realtà, è vero il contrario: la comprensione della nostra storia riguarda il riconoscimento e l’assunzione di responsabilità per schemi di lunga data che probabilmente risalgono alla nostra infanzia, perché siamo determinati a cambiarli. Negare l’influenza del nostro passato significa che non impareremo mai da esso. Wheelis raccomanda un approccio equilibrato:

“Dobbiamo affermare la libertà e la responsabilità senza negare che siamo il prodotto delle circostanze e dobbiamo affermare che siamo il prodotto delle circostanze senza negare che abbiamo la libertà di trascendere quella causalità”.

Mi sono concentrato sulla ricerca che ha affrontato il maltrattamento franco, ma non dobbiamo essere abusati o trascurati per essere stati modellati dalle prime esperienze di vita. Ognuno di noi ha una storia che si è scritta sui nostri corpi e cervelli, e che portiamo avanti nel resto della nostra vita. Ad esempio, ogni famiglia ha un modo particolare di affrontare emozioni forti, gestire conflitti o usare sensi di colpa o vergogna. E in modi grandi o piccoli, ognuno di noi è stato ferito.

Può essere doloroso rivisitare le parti difficili del nostro passato e riconoscere i loro effetti persistenti. Alcune persone possono scegliere di lasciare che il passato sia il passato e tenerlo sepolto, che ognuno di noi è libero di fare. Se sei interessato a capire di più su come il tuo passato influisce sul tuo presente, considera di parlare con una persona amata o un terapeuta. Come Wheelis conclude:

“Più ci convinciamo di essere stati plasmati dalle cause, più opportunità creiamo per cambiare”.

Riferimenti

Chen, R., & Busby, DM (2018). Esperienze di famiglia d’origine sulla soddisfazione delle relazioni: un modello di mediazione. Journal of Family Therapy . doi: 10.1111 / 1467-6.427,12217

Liu, RT (2017). Le avversità infantili e la depressione in età adulta: risultati attuali e direzioni future. Psicologia clinica: scienza e pratica, 24 , 140-153.

Meaney, MJ, Aitken, DH, Van Berkel, C., Bhatnagar, S., e Sapolsky, RM (1988). Effetto della manipolazione neonatale delle menomazioni associate all’ippocampo legate all’età. Scienza, 239 , 766-768.

Muthuri, SG, Kuh, D., & Cooper, R. (2018). Profili longitudinali del mal di schiena nell’età adulta e il loro rapporto con i fattori dell’infanzia: prove della coorte di nascita britannica del 1946. Dolore. doi: 10,1097 / j.pain.0000000000001143

Wheelis, Allen. (1973). Come cambia la gente . New York: Harper.

Widom, CS, Czaja, SJ, Kozakowski, SS, e Chauhan, P. (2018). Lo stile di attaccamento degli adulti medita la relazione tra maltrattamento infantile e risultati di salute mentale e fisica? Child Abuse and Neglect, 76 , 533-545.

Wong, AE, Dirghangi, SR, e Hart, SR (2018). La chiarezza del concetto di sé media gli effetti delle esperienze infantili avverse sul comportamento suicida degli adulti, la depressione, la solitudine, lo stress percepito e l’angoscia. Sé e identità. doi: 10,1080 / 15298868.2018.1439096

  • Star del cinema e genitore mirato
  • Anonimato e lo stigma di essere alcolizzato
  • Conosci una donna con una mestruazione blu?
  • Perché l'olfatto ci fa scegliere Bad Boys (a volte)
  • Misandry e Misogyny
  • Portare i metodi di "The Voice" ai dibattiti presidenziali
  • Vuoi battere la dipendenza? Smetti di tossicodipendenti
  • The Stanford Rape Case
  • Non lasciare che il governo (o chiunque) ti spinga a sposare
  • Quando la passione è una prigione
  • Cosa dovresti sapere quando colpisce il disastro
  • Se A Jane Austen Novel fosse un videogioco, vorresti suonarlo?
  • Padri tossici e la loro eredità: vedere i danni fatti
  • Quando il tuo partner vuole non monogamia e tu no
  • Il potenziale della frustrazione
  • Un ambiente di vita sobrio costruito attorno alla cura e alla comunità
  • Resa appassionata
  • Sviluppo del personale: spesso trascurato, sempre apprezzato
  • Sposato con un uomo con la sindrome di Asperger?
  • Amare il tuo corpo attraverso una malattia cronica
  • Ripensare la terapia
  • Quante decisioni prendiamo ogni giorno?
  • Timeout: buono per gli adulti, ma non per i bambini
  • Il silenzio non è sempre d'oro
  • Il potere dei rinforzi sociali nella dipendenza
  • Donald Trump può "Unring a Bell?"
  • Cosa c'è nel gatto?
  • Teen suicidio non è solo un problema individuale
  • Come possiamo aiutare le vittime di abusi clericali?
  • Suggerimenti pratici per la gestione di cani con problemi comportamentali
  • Imparare dagli altri Come gestire la mascolinità
  • Invocare la clausola Almeno
  • Quando Parenting diventa uno spettatore sportivo
  • Come fai a sapere se tuo figlio ha un disturbo alimentare?
  • Il tuo coniuge aveva una relazione. Hai bambini. Ora cosa?
  • Suicidio Versus Psychiatry