Perché l’eccesso di consumo ci rende infelici

Crea una vita significativa e salva il pianeta!

Comprare roba può renderti felice per un breve periodo. Ma tornerai ad aver bisogno di un altro aumento di felicità acquistando ancora più cose. Possiamo, tuttavia, sostituire il boom e il fallimento di una ricerca guidata dal consumo per la soddisfazione di una vita più soddisfacente ed economicamente sostenibile. Gli psicologi hanno, per esempio, scoperto che l’altruismo crea felicità e produce un ciclo di feedback positivo che porta a più altruismo. Inoltre, i neuroscienziati hanno scoperto che aiutare gli altri genera attività cerebrale che portano a sentimenti felici.

Con una visione più olistica del mondo, le decisioni che hanno senso morale sono anche valide dal punto di vista economico.

Le recenti scoperte del sociologo Rachel Sherman – che i ricchi liberali sono spesso a disagio per le loro ricchezze, nascondendo i cartellini dei prezzi dal loro aiuto assunto e proteggendo i loro saldi bancari con più attenzione rispetto ai dettagli delle loro vite sessuali – possono essere estesi ben oltre gli attici e le seconde case in gli Hamptons.

La complessa relazione tra ricchezza e stigma sociale è esposta quotidianamente qui a UC Berkeley. È raramente più evidente che tra gli studenti universitari privilegiati che navigano in un ambiente molto più vario rispetto alle loro città d’origine e che imparano a giocare ai giochi sociali dell’età adulta. Venti anni in jeans stracciati e maglioni di buona volontà acquistano caffè da cinque dollari due volte al giorno. Una giovane donna che ha versato acqua frizzante sul suo laptop ha un nuovo MacBook Pro in tempo per presentare i compiti a casa il giorno successivo. Uno studente ha pubblicato un’immagine di Instagram della sua nuova Mercedes un giorno e, a distanza di appena una settimana, uno screenshot del saldo del suo conto in banca, in rosso, con una didascalia su quanto era al verde.

La nostra tendenza collettiva a confrontarci con quelli più ricchi di noi, dimenticando quelli con meno, non è solo un capriccio del carattere umano o una testimonianza della nostra cecità sociale selettiva. Thorstein Veblen, l’economista del ventesimo secolo che ha coniato i termini “consumo appariscente” e “confronti invidiosi”, per prima cosa ha sottolineato come gli individui usano i beni di lusso per mostrare il loro status sociale. Già nel 1899, Veblen osservava che le persone vivevano sul tapis roulant dell’accumulo di ricchezza, gareggiavano incessantemente con gli altri, ma raramente aumentavano il loro stesso benessere.

La nostra valutazione del consumo si basa sul confronto tra noi stessi e questi invidiosi confronti portano persone di diversa provenienza socioeconomica ad attribuire valori molto diversi agli stessi oggetti materiali. Il modo in cui misuriamo la nostra posizione sociale ha conseguenze di vasta portata, guidando gran parte della nostra soddisfazione di vita personale e determinando il nostro impatto collettivo sull’ambiente.

La ricerca di Brown sugli standard di vita degli Stati Uniti tra il 1918 e il 1988 ha rilevato che con il crescere del reddito familiare nel tempo, le famiglie tendevano a emulare gli schemi di spesa delle famiglie più ricche, spendendo una quota maggiore del loro reddito in beni di lusso o posizionali. Con l’aumentare delle entrate degli americani, essi hanno soddisfatto i loro bisogni di base e poi hanno speso sempre più denaro per mostrare la loro ricchezza agli altri.

Con l’aumento dei redditi arriva la spesa frivola, che a sua volta porta a un consumo sempre più inutile, in modo da poter cercare di mantenere la nostra posizione relativa e la soddisfazione della vita. La ricerca di Sherman rafforza qualcosa che abbiamo conosciuto dall’inizio del ventesimo secolo: i beni di lusso non aumentano il benessere personale e possono anche far sentire le persone meno felici. I sentimenti di malcontento sociale e ansia aumentano con la crescente disuguaglianza e impediscono alle persone di lottare per mantenere la loro posizione sociale, lasciandoli insoddisfatti dal loro nuovo, più elaborato, stile di vita.

Oggi, la storia di un confronto invidioso e di un consumo sempre crescente è anche ambientale. Settimane prima della COP 21, un documento degli economisti Thomas Piketty e Lucas Chancel hanno riferito che i più ricchi del mondo sono responsabili della parte del leone delle emissioni di gas serra da parte di individui. In cima alla lista dei maggiori emettitori mondiali ci sono gli 1 percento americani, che rappresentano oltre 300 tonnellate di emissioni di gas serra a persona. Quella è una quantità di emissioni quindici volte superiore a quella media americana e cinquanta volte superiore alla media di tutto il mondo, secondo i dati del World Resources Institute.

Clair Brown

Fonte: Clair Brown

Eppure la maggior parte degli americani, non solo i ricchi, hanno bisogno di ridurre drasticamente il consumo per raggiungere l’obiettivo fissato dall’Accordo sul clima di Parigi: 2,1 tCO2e (tonnellate di carbonio) per persona all’anno entro il 2050. Gli attuali 16,5 tCO2 degli Stati Uniti a persona (2014 dati) significa che gli Stati Uniti devono ridurre le emissioni di carbonio di quasi il 90%. Questo tipo di riduzione è una sfida da capogiro, eppure una combinazione di cambiamenti nello stile di vita personale e di governo attivista può creare un’economia moderna in cui le persone vivono vite più significative e meno materialistiche. Il consumo sontuoso sarà finalmente visto come la follia che è. Quando consumiamo per stare al passo con i nostri vicini, non stiamo semplicemente fallendo nel soddisfare i nostri desideri, stiamo spendendo il nostro budget a emissioni limitate senza migliorare le nostre vite.

Nel suo lavoro più recente, Brown esplora come possiamo ristrutturare la nostra economia con politiche che riducono la disuguaglianza, riducono le emissioni di carbonio e conducono una vita più significativa. Quando chiediamo a studenti e amici ciò che è importante per loro, tendiamo a ottenere risposte sulle relazioni, aiutare gli altri e usare i loro talenti per aiutare il mondo. Contrariamente a ciò che molti modelli economici assumono, nessuno dice di voler consumare di più.

Quando le persone si concentrano su ciò che porta loro la soddisfazione più grande, e non ciò che garantisce loro un reddito sempre crescente, stanno inconsapevolmente praticando ciò che chiamiamo Economia Buddista . Clair ha dedicato la sua recente ricerca alla comprensione di come il benessere individuale e la sostenibilità globale possano essere integrati in un quadro economico.

Quando la soddisfazione e la felicità sembrano eludere te, pensa a ciò che ti interessa veramente. Spendi tempo e denaro per attività che ritieni significative e che conducano ad una vita utile. Smetti di preoccuparti di come diventare ancora più ricco o di quali beni di lusso comprare. Concentrati su quanto sei fortunato con le tue entrate, lavoro, famiglia e amici. Studenti privilegiati come quelli che vediamo intorno a UC Berkeley dovrebbero essere grati per ciò che hanno, e andare oltre il cospicuo consumo per trovare una felicità duratura. Renditi conto che, come un americano medio, sei una delle persone più ricche del pianeta e che se lasciamo la nostra relazione conflittuale con la ricchezza alle spalle, possiamo trovarci incommensurabilmente più ricchi.

Nota: Clair Brown ha scritto questo blog con Simon Greenhill, uno dei principali esperti in economia presso l’UC Berkeley, che sta scrivendo una tesi sulla povertà globale e le crisi dei rifugiati.

Solutions Collecting From Web of "Perché l’eccesso di consumo ci rende infelici"