Perché le donne devono onorare la loro rabbia

Come possiamo aiutarli a soddisfare questo compito impegnativo.

Beth ha stretto le braccia attorno al cuscino mentre iniziava a parlare. Appariva pensosa e ansiosa, condividendo gli eventi che l’avevano portata a cercare il mio aiuto. Ha descritto una visita del fine settimana da suo padre durante la quale ha ripetutamente parlato dei risultati ottenuti dalla sorella maggiore. Mentre Beth aveva scelto di lavorare in un’azienda pubblicitaria, sua sorella si era recentemente laureata in medicina.

“Mi sono sentito intensamente ansioso non appena ha lasciato il mio appartamento. Ho avuto difficoltà a respirare e sembrava che il mio petto stesse per esplodere. “Ha avuto un attacco di panico, ma alla fine è riuscita a calmarsi, usando le stesse strategie che aveva imparato in terapia da adolescente.

Ha descritto un secondo attacco di panico che è sorto in seguito a una riunione in cui diversi colleghi hanno preso il merito del suo lavoro, di fronte al supervisore. Anche se ansiosa e turbata, Beth non ha detto nulla ai suoi colleghi di lavoro o supervisore e, successivamente, ha vissuto l’attacco di panico poco dopo la fine della conferenza.

Dopo diverse sessioni Beth dichiarò orgogliosamente di non essere più ansiosa. Ha invece riferito sentimenti di depressione e tristezza – sul fatto di non ottenere riconoscimenti da suo padre e sul non sentirsi rispettato e riconosciuto al lavoro.

Dopo molte altre sedute, Beth era entusiasta di riferire che non era né ansiosa né depresso. Invece, ha riconosciuto di essere furioso! Poi ha ammesso: “Non mi sono mai sentito a mio agio con la rabbia. Ho sempre faticato per evitarlo. ”

Beth ha poi ricordato molte delle prime esperienze che hanno sostenuto la repressione e la repressione della sua rabbia. Ha condiviso una sfida affrontata da molte donne, in una cultura che non supporta l’aperta espressione assertiva di rabbia, anche quando è espressa in modo sano.

È contro questa realtà che l’attrice Tracee Ellis Ross ha fatto la sua appassionata richiesta alla donna come parte del suo TED talk ad aprile a Vancouver (2018). Con potente convinzione dichiarò:

“La tua furia non è qualcosa di cui avere paura. Tiene vite di saggezza. Lascia che respira e ascolta. “

Il suo discorso era un invito per le donne a riconoscere, accettare e onorare la rabbia – come una delle tante emozioni che aiutano a definire cosa significa essere umani. Ross ha evidenziato intensamente una storia di oggettivazione delle donne che ha contribuito a rendere questa una sfida formidabile.

123rd StockPhoto/bialasiewicz

Fonte: 123rd StockPhoto / bialasiewicz

Le sue affermazioni fanno eco ai risultati della ricerca secondo cui le donne sono troppo spesso inclini a dubitare delle loro reazioni di rabbia. Sono pronti a credere che stanno esagerando o semplicemente sono troppo sensibili o irragionevoli. Inoltre, Ross ha citato la tendenza radicata delle donne a sentirsi responsabili quando vengono trattate in modo irragionevole o quando i loro confini vengono violati.

Durante i miei anni di lavoro clinico ho osservato il forte impatto che queste tendenze hanno sul benessere emotivo delle donne. Coloro che mascherano, esternano e proiettano la loro rabbia corrono un rischio maggiore di ansia, nervosismo, tensione e attacchi di panico (Cox, 2004). Inoltre, hanno maggiori probabilità di sperimentare depressione e somatizzazione. Le reazioni di Beth offrono solo un esempio di questo risultato.

E mentre le donne possono sperimentare la depressione più degli uomini, molti uomini possono “essere” depressi ma provare invece rabbia. In quanto tali, evitano i sentimenti associati alla depressione abbracciando la rabbia.

Ho sentito i molti modi con cui le ragazze sviluppano una sceneggiatura interna che suggerisce che le donne non dovrebbero essere arrabbiate, che la rabbia non è femminile o che è inappropriata. Sfortunatamente, aderendo a queste linee guida culmina il tumulto interiore, evidenziato nell’autodifesa, nell’elusione emotiva e nei conflitti con gli altri e con se stessi.

Come tutti i messaggi che incoraggiano negare, minimizzare o sopprimere i nostri sentimenti, questo copione è disumanizzante nel suo impatto. Fa sì che le donne sperimentino una dis-connessione con i loro sentimenti, risultando in una mancanza di autocoscienza che impatta la loro capacità di riconoscere più pienamente i loro bisogni e desideri. In quanto tale, mina il self-empowerment e la capacità di soddisfare in modo soddisfacente i loro bisogni e desideri fondamentali.

Mentre le donne tendono a reagire con rabbia alle stesse cause scatenanti che fanno reagire gli uomini, la gestiscono in modo diverso. Gli uomini hanno maggiori probabilità di colpire con rabbia, con parole o atti fisici. E mentre le donne fanno sempre lo stesso, sono molto più inclini a dirigere la loro rabbia verso l’interno. Fare ciò diventa la base per un dialogo interno fortemente autocritico che può informare o diventare parte della depressione.

Le donne sono anche più propense degli uomini, per deviare la loro rabbia. Nello specifico, possono sopprimere, esternare o proiettare la loro rabbia. Questo è stato il caso di Loren, una cliente di ventotto anni con cui ho lavorato e che ha descritto numerosi conflitti nella sua relazione. Ha riferito di essere molto sensibile a sentirsi controllata. Inoltre, spesso credeva che il suo fidanzato fosse arrabbiato con lei. In parte, questo era dovuto al fatto che lei spesso nascondeva le sue opinioni riguardo a molte decisioni, come ad esempio quanto tempo trascorrere insieme, come trascorrere del tempo insieme e quando desiderava un po ‘di tempo da solo.

La tendenza di Loren a essere evitata dai conflitti, basata sulla paura della rabbia, la teneva inconsapevole della propria rabbia. Di conseguenza, ha spesso proiettato la sua rabbia sul suo fidanzato. Inoltre, sentiva di avere il controllo poiché, di fatto, prendeva decisioni quando non condivideva le sue opinioni. Nel corso del tempo, non riuscendo a esprimere i suoi desideri, ha sempre perso il contatto con loro.

Rebecca, una trentacinquenne con cui ho lavorato, fornisce un altro esempio del fardello che le donne provano nella gestione della rabbia. Ha descritto la sua intensa autocoscienza al lavoro, soprattutto da quando è stata promossa a una posizione manageriale. Riconobbe rapidamente di aver confuso fermezza e assertività con rabbia e che, troppo spesso, esprimeva la propria rabbia in modo aggressivo, più tipico degli uomini con cui lavorava.

Sfortunatamente, molte donne lottano con questo problema sul posto di lavoro, il doppio standard per quanto riguarda la rabbia. Nello specifico, gli uomini ottengono maggiore libertà nella loro espressione di rabbia, mentre le donne sono spesso viste come provocatori quando esprimono rabbia.

Un’altra sfida affrontata dalle donne è che la loro rabbia può avere meno potenziale di quanto gli uomini possano avere per influenzare gli altri con la loro rabbia (Salerno e Hagene, 2015). In questo studio, 210 studenti universitari (2/3 donne) hanno letto le trascrizioni dei giurati che erano giuristi di “hold-out” in una deliberazione di un caso. Agli studenti è stato dato il caso e formate le loro opinioni e sono stati poi invitati a leggere i commenti del giurato. I commenti sono stati etichettati come espressione di rabbia, paura o neutralità e quindi etichettati come “maschi” o “femminili”. Coloro che hanno letto le dichiarazioni di rabbia sono stati più influenzati dall’opinione data da un uomo che da una donna.

Le stesse forze che costringono le donne a sopprimere la rabbia, le portano a trattenerle più a lungo degli uomini. Questo ha perfettamente senso. Quando ignoriamo, minimizziamo o neghiamo certe sensazioni, esse non semplicemente scompaiono semplicemente. Piuttosto, richiedono la nostra attenzione, specialmente quando riflettono la sofferenza interiore.

E mentre gli uomini sono più supportati nelle loro espressioni di rabbia, anche nella misura in cui riflette un livello di “iper-mascolinità”, sono sfidati a sedere e riconoscere la sofferenza interiore che alimenta la loro rabbia. Le donne, al contrario, a causa della soppressione della rabbia, sono più propense a sedersi con la sofferenza piuttosto che riconoscere la loro rabbia.

Tracie Ellis Ross sottolinea che, per quanto riguarda la loro rabbia, le donne dovrebbero: “Dagli un linguaggio. Condividilo in luoghi sicuri di identificazione e in modo sicuro … “Questa è l’essenza della rabbia sana. Questa è una sfida particolarmente difficile per le donne a patto che uomini e donne minimizzino o valutino criticamente la propria rabbia. Allo stesso modo, coltivare una sana rabbia è una sfida difficile per gli uomini, a patto che uomini e donne agiscano celebrando la recitazione.

Stiamo vivendo un periodo di grandi cambiamenti sociali nel modo in cui le donne affrontano una storia di rabbia repressa. Sia il movimento “Me Too” sia gli insegnanti che marciano per ottenere migliori salari e maggiori finanziamenti per l’istruzione, sono il risultato di donne che onorano la loro rabbia. Questo cambiamento dello “status quo” può sembrare molto minaccioso per molte persone. Alcuni potrebbero sentire una perdita di potere. Altri denunciano la rabbia delle donne e il loro desiderio di uguaglianza in tutte le aree, come una minaccia alla distinzione tra uomini e donne.

Un maggiore benessere emotivo richiede di abbracciare l’intera gamma delle nostre emozioni, potendole riconoscere, distinguere e accettarle. Inoltre, richiede che possiamo sederci con e auto-calmare il disagio suscitato dai nostri sentimenti, piuttosto che reagire impulsivamente a loro. Al contrario, le difficoltà emotive e il conflitto sorgono quando ci impegniamo a “evitare emotivamente” – negando, sopprimendo o riducendo al minimo i nostri sentimenti.

Lo dobbiamo alle nostre madri, sorelle e figlie per sostenerle sia onorando la loro rabbia sia coltivando modi sani per esprimerla. Possiamo farlo aumentando le nostre discussioni sulla rabbia e offrendo istruzione riguardo alla gamma di abilità che fanno parte di una sana rabbia. Possiamo sostenere e incoraggiare l’insegnamento di queste abilità nelle nostre scuole, ai genitori, sul posto di lavoro, attraverso le politiche pubbliche, nei tribunali e nei media. Alla fine, tutti noi trarremo beneficio quando ci impegneremo a fornire le competenze in modo che le donne non temano più la loro rabbia, siano in grado di attingere alla loro saggezza e “possano lasciarla respirare …”

Riferimenti

www.huffingtonpost.com/entry/tracee-ellis-ross-on-the-power-of-womens-fury_us_5ae3265ce4b055fd7fcb3a40

Cox, DL, Van Velsor, P. e Hulgus, JF (2004). Chi sono arrabbiato? Modelli di diversione della rabbia nelle donne. Healthcare Women Int. 25 ottobre (9), 872-893.

Salerno, J. e Peter-Hagene, L, (2015). Una donna arrabbiata: l’espressione della rabbia aumenta l’influenza per gli uomini, ma diminuisce l’influenza per le donne, durante la deliberazione di gruppo. Legge e comportamento umano. 39 (6) doi: 10.1037 / Ihb0000147.

Solutions Collecting From Web of "Perché le donne devono onorare la loro rabbia"