Perché l’attivismo fa bene agli adolescenti e al Paese

La protesta nonviolenta adolescenziale migliora lo sviluppo ed è prosociale.

iStock photo

Fonte: foto iStock

Quando ero un alunno del 1964, fui sospeso dalla scuola per aver venduto pulsanti di pace per il Comitato di coordinamento nonviolento degli studenti.

Ero un po ‘ansioso di come mia madre avrebbe reagito, ma quando sono tornato a casa quella mattina, lei era raggiante. “Buon per te! Non vendere più sulla proprietà della scuola “, ha detto.

Avrei dovuto aspettarmi la sua reazione. Era stata un’attivista adolescente per il lavoro organizzato negli anni ’30. Questa era la nostra tradizione di famiglia. Sono entrato a far parte di un gruppo di ragazzi legati ai diritti civili. Poi, quando ero al college, la mia missione si è rivolta al movimento contro la guerra in Vietnam.

Non voglio scrivere di pistole, o la tragedia della Florida, o il movimento che ne scaturisce e ha il mio pieno sostegno. Piuttosto, lasciami indossare il mio cappello antirumore e chiedi perché è così buono per gli adolescenti diventare politicamente attivi, da Twitter alle strade.

Diamo un’occhiata ad alcuni componenti principali della loro curva di crescita adolescenziale. Dobbiamo anche apprezzare che lo sviluppo non avviene nel vuoto, né è un costrutto teorico. Deve avvenire in tempo reale con persone reali e in situazioni reali. Deve essere vissuto e vissuto.

E attraverso tutto questo, anche se gli adolescenti non lo ammettono spesso, hanno bisogno della supervisione di un adulto perché sono guidati da impulsi e, a volte, non si fermano a pensare prima di agire.

Identità : una delle missioni primarie degli adolescenti è diventare individui autonomi, che si vantano di ciò che sono e di ciò che rappresentano. Parte di questa è l’immagine, ma soprattutto sta rafforzando un forte senso di sé. Stanno sviluppando la propria narrativa personale. Assumere un ruolo in un movimento aiuta moltissimo questo processo.

Inclusione di gruppo : allo stesso tempo, i ragazzi hanno bisogno di sentirsi connessi l’uno con l’altro. Essere parte di un gruppo – una squadra, un club o un gruppo politico – sentirsi in contatto con gli altri è un atto di equilibrio: essere un individuo separato da un lato, ma parte di un collettivo dall’altro. Per quanto sia importante l’individualità, l’appartenenza al gruppo, l’accettazione da parte degli altri e l’essere riconosciuti come parte di una missione più grande è un compito fondamentale dello sviluppo.

Test ribelli sui limiti : tutti sappiamo della ribellione adolescenziale. Siamo stati tutti lì. Quanto lontano può un adolescente spingere i limiti del comportamento accettabile e non avere grossi problemi? Oppure, anche se vengono catturati, può essere piuttosto interessante rompere le regole. Questa è la chiave. Come facciamo a conoscere i limiti del comportamento appropriato o inappropriato a meno che non lo testiamo in tempo reale (come ha fatto un sopravvissuto sparando su Twitter, respingendo le condoglianze del presidente Trump e definendolo oscenità)? A volte è la ribellione, a volte è messa in discussione l’autorità, a volte è difesa e lotta per ciò che è giusto.

Espressione : anche gli adolescenti sono profondamente emotivi. La loro passione è palpabile: ai concerti, guardando film, in una conversazione animata. Hanno bisogno di una voce e di un mezzo per esprimerlo. Alcuni journal, alcuni disegnano, alcuni suonano musica, alcuni recitano. La creatività come mezzo di espressione di sé è parte di questa immagine.

Alcuni dei loro sforzi creativi sono intenzionalmente stridenti per gli adulti. Questo è il loro motivo. (Era quando i miei non capivano Dylan oi Rolling Stones. Devo ammettere che ho avuto un periodo difficile con l’heavy metal, anche se i miei figli erano più attratti dalla musica degli anni ’70, grazie a Dio.)

Attivismo e chiamata di protesta per espressione, per persuasione. Incanalano l’espressione creativa in una causa e la causa accende la creatività.

Crescita intellettuale : e infine, forse la cosa più importante, il cervello dell’adolescente è capace di un pensiero astratto molto più grande che mai nella vita. Gli adolescenti sono filosofi in erba, o avvocati. Si cimentano con giustizia, equità, beneficenza, virtù, diritti e responsabilità. E discutono. È difficile vincere una discussione con loro, ma sempre divertente, se non addirittura frustrante.

La necessità di supervisione

Il cervello dell’adolescente è governato dalle strutture rettiliane che sono guidate da emozioni, piacere e gratificazione immediata. Dai 14 ai 26 anni, i neuroni che collegano i centri della passione immediata alle regioni corticali superiori (pensiero) che rallentano le cose e pesano azioni e conseguenze diventano mielinizzati, un processo di isolamento dei fili in modo che l’emozione sia modulata dalla ragione.

Questo significa senza sorveglianza, gli adolescenti tendono a fare cose impulsive, a volte stupide. E anche se raramente lo riconoscono, hanno bisogno della supervisione di un adulto per guida e sicurezza.

Ai miei tempi, “non fidarmi mai di nessuno con più di 30 anni” era uno slogan. Anche se quando è arrivato il momento critico, ero davvero contento di avere i miei genitori e altri mentori per guidarmi. E ora sono felice di vedere gli adulti lavorare con i giovani attivisti.

Torna a #NeverAgain

Considerando le norme di sviluppo, questi ragazzi sono sulla buona strada. Hanno così tanto da guadagnare dai loro sforzi coraggiosi. Dovremmo applaudirli e incoraggiare il loro lavoro.

Non solo il loro attivismo favorirà il loro sviluppo adolescenziale, ma potrebbero ricordare a tutti noi cosa significa avere una voce e usarla per cercare di rendere il mondo un posto migliore.

Il Dr. Gene Beresin è direttore esecutivo del MGH Clay Center per Young Healthy Minds e professore di psichiatria presso la Harvard Medical School. Le osservazioni qui espresse sono esclusivamente quelle del dott. Beresin e non rappresentano la Harvard Medical School o il Massachusetts General Hospital.

Originariamente pubblicato su CommonHealth.org.

Solutions Collecting From Web of "Perché l’attivismo fa bene agli adolescenti e al Paese"