Perché i veterani hanno problemi con il sesso e l’intimità?

La ricerca suggerisce che i veterinari lottano con l’intimità più di quanto non facciano i civili.

Due degli argomenti più tabù nella nostra società: trauma e sesso. C’è da meravigliarsi che quando i due si scontrano, esitiamo a parlarne?

L’intimità tra due persone può essere difficile anche senza i fattori complicanti delle separazioni prolungate, la vita di due vite completamente diverse durante quel periodo, e la realtà che molti membri del servizio riportano relazioni con i loro compagni – non gli altri significativi – essendo il più vicino nella loro vite.

Tuttavia, l’intimità per i veterani con sintomi psicologici legati all’esposizione al combattimento è molto più che una sfida. Può sembrare impossibile. E non solo intimità coperta, ma sesso.

I veterani di combattimento maschi con stress post-traumatico sono significativamente più probabili rispetto alle loro controparti civili nell’esperienza di disfunzione erettile o altri problemi sessuali. Quelli con PTSD hanno 30 volte più probabilità di avere la disfunzione erettile.

U.S. Air Force photo/Airman 1st Class Nicholas Pilch/Labeled for Reuse

Fonte: Foto della US Air Force / Airman 1st Class Nicholas Pilch / Etichetta per il riutilizzo

Al culmine della guerra globale contro il terrore (GWOT), l’età media di coloro che erano stati schierati era di circa 27 anni per il servizio attivo e di 33 anni per la Riserva e la Guardia Nazionale. La metà della popolazione dispiegata nel 2010 aveva un’età compresa tra i 25 ei 34 anni (il 72% aveva 25-44 anni), con il 25% dei Marine Corps con meno di 25 anni.

Durante il picco di, o subito dopo, il loro primo sessuale, gli uomini esposti a eventi potenzialmente traumatici in un teatro di combattimento di operazioni possono trovarlo (o trovarlo) difficile da esibirsi sessualmente. Questo può essere vero anche se il veterano, o membro del servizio, non ha PTSD completamente attualizzato o diagnosticato. I dati sulle donne veterane con PTSD correlato al combattimento sono più limitati, ma suggerisce che provano difficoltà simili.

Molti sintomi di PTSD impediscono la sensazione di piacere, vicinanza e fiducia. L’intorpidimento e / o l’irritabilità che si sviluppa possono comportare una mancanza di desiderio di contatto o connettività emotiva di qualsiasi tipo, anche con qualcuno che sanno amarli.

C’è un desiderio in competizione per stare da solo e allo stesso tempo aver bisogno di sapere che a qualcuno importa è presente. Riconoscere questi due desideri contraddittori, e allo stesso tempo essere in grado di comunicarli efficacemente, è un compito arduo. Come potresti dire a qualcuno che ami: “Ho bisogno di te, ma non ti voglio, non posso avere te, vicino a me in questo momento”, senza causare danni alla relazione?

Per chi non è in una relazione, questa necessità può manifestarsi, al contrario, come attività iper sessuale. Il desiderio di connessione e di sollievo dalla solitudine, specialmente nell’età delle app per appuntamenti e della facile superficialità, viene raggiunto temporaneamente senza una vera tregua.

Tuttavia, il sesso funge da potente rinforzo. La solitudine è entrambe diminuita, anche se solo per un momento, e l’orgasmo è una ricompensa in sé e per sé. Pertanto, interrompere il ciclo, ricondizionare o interrompere questo schema di apprendimento pone una serie di altre sfide. Quindi sì, il sesso è ottimo ma alla fine può impedire la formazione di una connessione significativa.

A parte lo stereotipo del “veterinario spezzato”, ci sono pronunciate aspettative della società occidentale nei confronti della mascolinità e della virilità quando si tratta dei nostri uomini combattenti (e anche delle donne). Con il DPTS già un disturbo e una diagnosi altamente stigmatizzati, le disfunzioni sessuali possono sentirsi particolarmente come un insulto alle ferite e avere un impatto sull’autostima già instabile.

Inoltre, questi cambiamenti nell’autostima possono essere duraturi. Significato, una volta risolte le ragioni fisiologiche per la disfunzione, il danno emotivo e psicologico accumulato potrebbe persistere, perpetuando il problema. La salute sessuale è uno stato di benessere fisico, emotivo, mentale e sociale in relazione alla sessualità e una buona salute sessuale si traduce in una migliore qualità della vita. L’opposto è altrettanto vero.

Per molti veterani e membri del servizio, avere una conversazione sulle prestazioni sessuali è carica di vergogna. Esprimere difficoltà con il sesso equivale a riconoscere la debolezza, il fallimento e l’evirazione. Al contrario, il coniuge potrebbe sentirsi poco attraente, indesiderato o indesiderabile. Il percorso verso la guarigione sembra pieno di opportunità di sbagliare e creare più problemi. Tuttavia, avere questa conversazione è il primo passo verso il miglioramento dell’intimità e della connessione.

Al membro del servizio o veterano : se stai lottando contro la disfunzione sessuale, non sei il solo. Quello che stai vivendo è un effetto collaterale molto reale, un costo, di guerra. E, c’è aiuto e speranza. In un mondo perfetto, gli operatori sanitari della tua vita inizieranno la conversazione. In assenza di quella perfezione, abbraccia la mentalità che ti ha portato a servire in primo luogo. Essere audace. Prendilo dopo … così puoi farcela.

All’altro significativo : non sei tu o su di te. Sii paziente e comprensivo. Questo non è per invalidare la tua esperienza. Hai il tuo fardello da sopportare, che merita il suo posto. Tuttavia, quando il tuo compagno sta lottando, cerca di essere in pace, invece di un’altra battaglia da combattere. Una vita sessuale sana è essenziale. Il primo passo verso quello potrebbe essere una conversazione delicata durante un momento di calma sulla riconnessione e la ricerca di assistenza insieme.

Riferimenti

Comitato per la valutazione dei bisogni di riadattamento del personale militare, dei veterani e delle loro famiglie; Consiglio sulla salute delle popolazioni selezionate; Istituto di Medicina. Tornando a casa dall’Iraq e dall’Afghanistan: valutazione dei bisogni di riadattamento dei veterani, dei membri dei servizi e delle loro famiglie. Washington (DC): National Academies Press (Stati Uniti); 2013 Mar 12. 3, CARATTERISTICHE DEL DEPLOYED. Disponibile da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK206861/

Disfunzione sessuale un problema comune in Veterans con PTSD: https://www.research.va.gov/currents/spring2015/spring2015-3.cfm

Perché i veterani hanno problemi di intimità, Lee Woodruff, https://www.cnn.com/2015/11/10/opinions/woodruff-veterans-health/index.html

Solutions Collecting From Web of "Perché i veterani hanno problemi con il sesso e l’intimità?"