Perché FOSTA / SESTA nuoce a quelli che presumibilmente serve

Una prostituta prende posizione contro una nuova legislazione che mette in pericolo le lavoratrici del sesso.

Liara Roux è una prostituta, indipendente produttrice e direttrice di media adulti, un organizzatore politico incentrato sulla libertà di espressione per i lavoratori adulti online e un sostenitore della depenalizzazione e della protezione delle attività degli adulti consenzienti, compresi i diritti dei queer e dei lavoratori del sesso e sicurezza in tutto il mondo.

Liara Roux, used with permission

Liara Roux

Fonte: Liara Roux, usata con permesso

È stata intervistata da o ha avuto progetti presentati dalla stampa in pubblicazioni come Vice, Wired, Playboy, The Washington Post, Buzzfeed News, International Business Times e BBC Technology e su blog come Reason, The Mary Sue, Kotaku, The Daily Dot e ErosBlog. Ha scritto Liara per XBiz, Motherboard, Broadly e Tits and Sass. Il suo lavoro è stato proiettato a Berlino durante il Berlin Porn Film Festival.

D: Parlaci della nuova legislazione FOSTA / SESTA, che cosa intende raggiungere e in che modo influisce negativamente sulle persone che intende proteggere. Capisco che tu abbia compilato un elenco di lamentele e carenze nella legislazione. Puoi darci una panoramica?

R: Mentre FOSTA / SESTA è stata commercializzata come una proposta di legge per fermare la “tratta”, la lingua del disegno di legge si applica in realtà alla “prostituzione” – AKA, lavoro sessuale consensuale tra due adulti. È una grande differenza tra ciò che dice il disegno di legge e gli PSA sulla “schiavitù sessuale infantile”. La maggior parte delle persone capisce che il traffico significa lavoro sotto coercizione, frode o forza – ma il linguaggio che si riferisce a questo è stato rimosso dal testo finale della legge penale.

Piuttosto, si è concentrato sulla “facilitazione” della “prostituzione” attraverso piattaforme online. Vale la pena notare che né la facilitazione né la prostituzione sono adeguatamente definite in alcun modo. Non esiste una definizione di prostituzione della legge federale che, ad esempio, distingua tra il lavoro di Domme, o uno show privato di spogliarello, o in realtà qualsiasi altro atto sessuale consensuale. Allo stesso modo, facilitare la prostituzione potrebbe includere renderlo più sicuro (o “più facile”) in qualsiasi modo. Ciò ha portato i siti Web a rimuovere il testo educativo, a chiudere i servizi di riduzione del danno e persino a causare la perdita degli annunci personali di Craigslist.

La mancanza di chiarezza e attenzione è al centro di una causa che sta attualmente procedendo contro la legge – Woodhull Freedom Foundation et al. v. Stati Uniti. Il FEP e il consiglio associato rappresentano due organizzazioni per i diritti umani, l’Internet Archive, un attivista politico e un massaggiatore per sfidare la legge sulla sua restrizione della libertà di parola e del linguaggio confuso.

È la mia opinione personale, basata sulla familiarità con molti dei gruppi che hanno spinto FOSTA / SESTA, che questa ambiguità sul discorso accettabile in relazione al sesso e al sesso – lavoro adiacente (come il massaggio o la datazione) è puramente intenzionale. Le proposte precedenti erano più mirate, ma molti dei gruppi che sostengono il disegno di legge hanno anche dichiarato obiettivi per “finire il porno” o altre espressioni erotiche. Ad esempio, un sostenitore importante è stato il Centro nazionale per lo sfruttamento sessuale, che era stato precedentemente stabilito come “Morality in Media, Inc.” negli anni ’60. C’è stata un’importante iniziativa (focus group driven, società di pubblicità assistita) per rebrandare il porno come “sfruttamento sessuale” e tutto il lavoro sessuale di persona come “tratta”.

All’indomani di FOSTA / SESTA abbiamo visto centinaia di esempi di maggiore discriminazione contro tutte le forme di lavoro criminale e legale, con i principali siti che chiudono servizi e gruppi interessati, compresi pornografi, modelli di webcam, persino educatori sessuali. Ogni piccola parte di questo è stata celebrata come una vittoria da parte dei gruppi proibizionisti. Non credo che si tratti di traffico anti-sesso, credo che siano anti-sesso.

Proprio come il “White Slave Traffic Act of 1910” parlava meno di un’epidemia (inesistente) di “schiavo bianco” e di più sul razzismo e sul controllo della sessualità e dell’indipendenza finanziaria di persone considerate “sgradevoli”, il panico del “traffico” di oggi usa manipolazioni emotive su salvare donne e bambini per portare avanti politiche e legislazioni estremamente problematiche.

D: Nel tuo pezzo in Vice.com hai menzionato che il lavoro sessuale ti ha fornito condizioni di lavoro e autocontrollo migliori rispetto a un precedente periodo nel settore tecnologico. Com’è stato e cosa dovrebbe sapere la gente sugli aspetti positivi del lavoro sessuale?

A: Per la maggior parte, il lavoro sessuale è molto simile a qualsiasi altro lavoro freelance – tu diventi il ​​tuo capo, responsabile del tuo programma e dei tuoi clienti. Imposta le tue tariffe, decidi quando lavori e come.

L’industria della tecnologia incoraggia un rapporto lavoro / vita estremamente malsano che è molto difficile da mantenere per le persone con disabilità come me. Ho anche trovato i luoghi di lavoro soffocanti e inaccettabili per la mia esistenza di persona queer / trans, e anche il sessismo è un problema importante. Ho passato un sacco di tempo a gestire la frustrazione di essere trattato con meno rispetto dei miei coetanei maschi bianchi e sarei tornato a casa a piangere per ore mentre stavo elaborando le difficoltà particolari di quel giorno.

Il lavoro sessuale, per me, era un’opzione, e il migliore. Sono sempre stato interessato a questo, quindi non mi sentivo come una sorta di perdita o compromesso. Mi è sempre piaciuta l’idea di essere un amico professionista e mi piace molto la mia sessualità. Sono una persona che, per la maggior parte, gode molto del suo lavoro.

Il lavoro sessuale è qualcosa che si può raccogliere con pochissimo in termini di capitale di start-up. Le persone possono usare il lavoro sessuale per lasciare una situazione abusiva in cui un partner controlla le finanze e altre risorse. Molti usano il lavoro sessuale per riempire il vuoto intorno ad altri lavori – forse qualcuno integra la loro carriera di scrittrice sottopagata o forse una mamma single indaffarata mette su un annuncio per un giorno per pagare quell’inaspettato salto nella bolletta della luce.

Credo anche che il lavoro sul sesso possa essere incredibilmente etico – un modo per spostare direttamente la ricchezza da alcuni dei più privilegiati della società a quelli che altrimenti non hanno mobilità di classe o stabilità. Il lavoro sessuale è in gran parte un’industria in cui il capitale passa dagli uomini alle donne e ai queer folk.

Il lavoro sessuale mi ha permesso di esplorare l’espressione in vari modi, dal momento che lo stesso lavoro sessuale è un termine generico. Il lavoro sessuale include tenere la mano di un cliente per una lunga camminata al loro primo appuntamento – aiutandoli a imparare a sentirsi a proprio agio con l’intimità. Include l’agevolazione della fantasia di perdere il controllo per qualcuno in un ruolo di leadership impegnativo interessato a imparare a sottomettersi ai tempi morti. Include la cura dei bisogni fisici dei clienti con disabilità. E include una vasta gamma di espressioni artistiche nella creazione e performance dei media. E la sua natura mi permette di spostarmi tra tutte quelle varie forme di lavoro, dando la priorità a un tipo che mi si addice o decidendo di non indulgere in un altro tipo quando decido che è un confine che mi piacerebbe impostare.

sex shops (Paris), labeled for reuse, Wikimedia Commons

Sexshops, Parigi

Fonte: sex shops (Parigi), etichettati per il riutilizzo, Wikimedia Commons

D: Che cosa dovrebbe sapere il pubblico delle realtà quotidiane di una sex worker di cui probabilmente non hanno idea o che hanno idee sbagliate? Sembra che il pubblico abbia delle opinioni polarizzanti, ma sospetto che, come hai detto tu, la realtà sia che per molti il ​​lavoro sessuale è molto simile a quello di qualsiasi altro lavoro freelance.

A: Il lavoro è, naturalmente, intrinsecamente un trade-off. Alcune persone possono essere abbastanza fortunate da svolgere un lavoro di cui godono ogni giorno, ma per la maggior parte di noi l’idea del “lavoro” è l’idea di fare qualcosa per soldi che non si farebbe gratuitamente.

La cosa importante da ricordare è che il lavoro sessuale è un lavoro. Questo è vero se sei qualcuno che ha la fortuna di godere del loro lavoro quasi tutti i giorni, come me, o qualcuno che lo odia assolutamente. Sottolineiamo che il lavoro sessuale è lavoro, perché le discussioni sul lavoro sessuale sono spesso distorte per creare un conflitto tra “prostitute felici” e “vittime della tratta”.

La realtà è molto più complicata e sfumata – alcune persone potrebbero essere vittime di abusi e quindi, quando sono in grado di tenere tutto il loro denaro per se stessi, decidono di continuare a lavorare come una prostituta. Altre persone possono essere prostitute e coinvolte in una situazione in cui perdono il controllo sul lavoro e sul reddito. Ciò di cui abbiamo bisogno sono politiche che proteggano e migliorino la vita di tutti nel commercio sessuale offrendo loro diritti e accesso alle risorse, invece della semplice minaccia di imprigionamento o programmi di salvataggio spesso più incentrati sul “salvare” qualcuno che non dare loro le risorse bisogno di sopravvivere ai soccorsi passati o di sostenerli se decidono di continuare a vendere il sesso come mezzo per pagare le bollette.

Infine, il lavoro sessuale è, essenzialmente, sul consenso. I proibizionisti amano dire che è intrinsecamente sfruttatore, ma è solo una lamentela sul capitalismo. Se qualcuno dice “Lo farò se mi paghi”, questo è un atto esplicito di consenso. Le prostitute educano costantemente i loro clienti sul consenso: ogni collaboratrice sessuale con cui abbia mai parlato ha confini e limiti. Un lavoratore è libero di rimborsare e andare via. Un lavoratore è libero di dire no. Se c’è l’assenza di consenso, allora non è lavoro, è stupro.

Una delle cose più pericolose della criminalizzazione è che rende più difficili le discussioni sul consenso. Se un accordo esplicito per eseguire un atto sessuale può essere usato come prova, allora è più difficile per i fornitori negoziare con i clienti esattamente ciò che vorrebbero fare.

La criminalizzazione a questo riguardo funziona solo per consentire l’aggressore – e questo è aggravato dall’incapacità del lavoratore di andare in aiuto della polizia, di essere preso sul serio in una disputa monetaria in un tribunale, o anche di proteggersi dagli abusi a mani libere della polizia, che è angosciosamente comune. La depenalizzazione è assolutamente essenziale per migliorare le condizioni di lavoro nel commercio sessuale.

Q: Piggybacking sull’ultima domanda, perché pensi che ci sia una tale disconnessione tra le esperienze vissute da molte prostitute e le percezioni ( errate ) del pubblico che hanno permesso che una legge così draconiana come FOSTA / SESTA diventi legge?

A: Credo che alcuni fraintendimenti siano dati alla vita come altri miti o narrazioni. È più eccitante sentire parlare di violenza e abusi, e se uno è incline ad aiutare, è più gratificante pensare a se stessi come un salvatore. Le storie sui bambini rapiti e le donne sfruttate hanno facili vittime, facili criminali. In uno spettacolo di supereroi, mostrare un cattivo con una cassa di donne terrorizzate è una stenografia facile – ehi, c’è un cattivo ragazzo!

Anche i documentari ne soffrono – richiedono una narrativa da vendere allo spettatore, richiedono una sequenza sequenziale di eventi facile da capire. Ascoltare le vere storie di individui, e non solo un paio di individui selezionati per una narrativa ma centinaia e migliaia di individui, è davvero un lavoro davvero difficile. Quindi parte di questo è solo che le persone prendono la via più facile – ascoltano storie nella cultura pop e ascoltano le storie raccolte per loro da celebrità, politici, forze dell’ordine e così via.

Ma una parte di essa è un’ingiustizia reale, veramente onestamente un atto violento di cancellazione. L’ingiustizia epistemica, un termine coniato da Miranda Fricker, si riferisce alla cancellazione della storia di qualcuno sulla loro vita e alla sostituzione di altri punti di vista più privilegiati. Le prostitute sono altamente stigmatizzate. Non sono considerati fonti attendibili nelle pubblicazioni giornalistiche, non vengono portati come testimoni esperti, non vengono invitati al tavolo a scrivere norme.

Si nutre di un sistema ciclico di cancellazione in cui le persone creano narrative di vittime che impediscono alle prostitute di parlare da sole a meno che non siano disposte a collaborare con la narrativa dominante. Ciò è dimostrato da alcune organizzazioni non profit che mettono fondi dietro a portare le stesse “vittime” al pubblico, alle udienze, ancora e ancora, mentre attivamente spingono le piattaforme di social media per vietare le lavoratrici che differiscono nell’esperienza vissuta – i lavoratori del sesso che vogliono continua a fare sesso.

Ecco perché FOSTA / SESTA è un tale successo per i proibizionisti, non perché in realtà sta salvando qualcuno in particolare, ma perché permette alla narrativa attuale di rimanere dominante facendo tacere il dissenso. Il problema non era che Internet creasse traffico (di nuovo, le prove suggeriscono che rendeva il sesso più sicuro), il problema era che rendeva visibili le lavoratrici del sesso.

camera lens, labeled for reuse, PxHere

Lenti della macchina fotografica

Fonte: obiettivo della fotocamera, etichettato per il riutilizzo, PxHere

D: Sei entrato in altre aree come la creazione di contenuti online e ora hai iniziato a dirigere e produrre la tua linea di video per adulti. Parlaci delle tue esperienze soggettive con questa nuova avventura e di come si confronta con altre forme di lavoro sessuale, come scortare o stare davanti alla cinepresa per le produzioni altrui.

A: Escorting è molto intimo, una performance per un pubblico molto piccolo. Lanciare media su Internet è quasi l’esatto opposto, in termini di intimità, ma onestamente cerco di portare molta energia e personalità per entrambi. Creativamente, portare quel senso di intimità nei mass media è stata una delle mie principali sfide.

Io e la mia squadra giochiamo molto con l’idea della nostalgia. Giriamo su pellicola per le nostre foto e abbiamo uno stile video che si adatta in qualche modo all’estetica di un film casalingo. O piuttosto una versione economica di quello che potrebbe sembrare un film d’origine. La mia videografa principale, Ashley Lake, ama scherzare sul mio video del tour (che è stato girato da Jessica Nicole Callejero) – “È come una versione hollywoodiana di un film domestico di grande budget che il protagonista sta guardando subito dopo che sua moglie muore in un incidente stradale “Una sensazione come se fossi innamorato di qualcuno, o ti stai innamorando, o forse sei stato innamorato e ora senti quella fitta nel tuo cuore. È possibile creare una sensazione di intimità studiando tutto intorno al sesso – perché vuoi fare sesso con qualcuno in particolare?

In termini di passaggio alla creazione di contenuti, sono sempre stato molto interessato a fare cose: dipingere, scolpire, scattare fotografie. In realtà ho creato contenuti per internet, gallerie, stampe, ben prima che io venissi ben conosciuto come sex worker. Quindi è stata una specie di naturale evoluzione verso la fusione di quelle carriere.

All’inizio della mia carriera lavorativa, ero molto concentrato su ciò che potevo fare a breve termine: fare impegni pagava le bollette. Ma ero profondamente consapevole che qualsiasi flusso di reddito si può prosciugare rapidamente, specialmente in questo clima. La creazione dei media è stato un modo per costruire il mio marchio e fare lo stesso tipo di social media marketing che ci si aspetta da qualsiasi altra attività.

Sapevo che la gente avrebbe rubato i miei quadri, non importa cosa, quindi li ho messi in alta risoluzione e li ho considerati una scia di briciole di pane. I miei selfie iniziarono a finire su Reddit, colpendo la prima pagina alcune volte, e mi sono costruito in modo organico. In realtà non ho iniziato a pagare per nessuno dei miei lavori sui media fino a quando non ho creato un seguito abbastanza solido pubblicando contenuti gratuiti. Per me, è valsa la pena sviluppare lentamente il business dei media, dal momento che il contenuto ha suscitato ancora interesse per il mio lavoro di persona. Sapevo che volevo dirigere e produrre media che non riguardavano me stesso, ma per una prostituta il tuo personaggio è un po ‘il tuo marchio, quindi il percorso richiede ancora una buona dose di presentazione personale.

In questo momento, continuo a creare media che sono in me stesso. Ma ho iniziato a lavorare su progetti in cui lo spettatore può vedermi, con la mia macchina fotografica, dirigere una scena mentre sono nella scena – le persone che sono fan di vedermi potrebbero anche diventare, attraverso questo, fan di vedermi creare.

Per me, la pornografia riguarda anche la comunità. Sono interessato a costruire sistemi che supportino non solo una persona o un funnel, ma supportino anche altri. Mentre si parla molto di pornografia etica che si concentra su linee di trama o presentazione, credo che sia veramente etico che devi pagare le persone nel modo giusto. È etico solo se tutti coloro che sono coinvolti stiano facendo uno stipendio su cui possono vivere e essere felici.

Quindi molti dei miei obiettivi principali e le nostre pietre miliari nella pianificazione del porno riguardano questo tipo di sostenibilità. Ad esempio, il mio grande obiettivo quest’anno è stato ottenere molte persone che lavorano con me sui libri con assistenza sanitaria. Non è il modo più redditizio di fare le cose, ma voglio usare il mio privilegio e la mia posizione per occuparmi davvero di altre persone queer, disabili, trans – persone che hanno davvero difficoltà a trovare lavoro e supporto nelle industrie tradizionali.

Poster Robots by mikecogh, labeled for reuse, Flickr

Robot del sesso

Fonte: Poster Robots di mikecogh, etichettato per il riutilizzo, Flickr

D: Infine, sono particolarmente interessato al ruolo delle nuove tecnologie sulle nostre esperienze sociali di sessualità. Sembra che siamo sull’orlo di una nuova svolta tecnologica con la realtà virtuale, l’intelligenza artificiale e le avance dei partner sessuali robotici realistici. Quando sbirri nel futuro per i prossimi 10 o 20 anni, cosa pensi che assomigli al futuro del sesso?

A: Cosa intendi come un deserto nucleare? Sto scherzando. Onestamente, c’è una parte di me che è molto preoccupata per il futuro dell’espressione sessuale. Abbiamo guadagnato tanto con Internet, ma non c’è molto da garantire che manterremo i progressi che abbiamo fatto. Non mi spingerei a dire che il porno non esisterà, o qualcosa del genere, ma è del tutto possibile che ci stiamo dirigendo verso la maggioranza delle espressioni sessuali che sono davvero controllate – diciamo che finisci in una situazione in cui il lavoro sessuale è legalizzato, ma tutti stanno lavorando con bassi salari nel Walmart dei bordelli. Dove tutto il porno su Internet è prodotto da una gigantesca società con molti volti – in realtà vicino alla nostra situazione attuale con la stretta di MindGeek sull’industria attraverso la sua proprietà di così tanti siti e studi di valvole.

Penso che dobbiamo stare attenti a mantenere le nostre libertà – lottare per la depenalizzazione invece della legalizzazione con regolamenti che lasciano i più vulnerabili in situazioni terribili, per combattere per la neutralità della rete e per porre fine alla discriminazione dei processori di pagamento in modo che i piccoli produttori indie possano prosperare e portare il loro prodotto al pubblico. Se manteniamo in mente le libertà individuali delle persone, il loro ruolo e la loro importanza come esseri umani mentre guardiamo al futuro, allora possiamo essere entusiasti del fatto che i robot sessuali non-umanoidi siano un giocattolo divertente nella camera da letto vs. terrorizzati dallo spostamento del reale lavoratori per automazione.

Non è solo una questione di sesso, il lavoro sessuale ha davvero bisogno di essere inteso come un campo di battaglia sia per i diritti dei lavoratori che per l’espressione individuale. Vogliamo il capitalismo da incubo con lo sfruttamento continuo – non solo sessuale ma per tutti i lavoratori – o cercheremo di sfruttare le scoperte tecniche per elevare lo standard di vita per tutti? Penso che faremo del sesso migliore se i nostri bisogni primari saranno soddisfatti.

Non fraintendermi, sono follemente in VR, robotica e così via. Ho già fatto un progetto VR e ho intenzione di fare di più. Ma per quanto sia così eccitante, non è accessibile alla maggior parte delle persone e mi ritrovo a pensare spesso a come le persone creeranno soluzioni sostenibili in modo che tutti possano godere di una vita sessuale sana e della vita in generale.

Se vogliamo davvero migliorare il sesso – avere rapporti sessuali sani e soddisfacenti – ciò significa educazione, pianificazione, buona politica, assistenza sanitaria e un contratto sociale che offre alle persone il tempo e i mezzi per esplorare se stessi e connettersi agli altri. Il futuro del sesso potrebbe avere più a che fare con la politica che con la tecnologia.

Solutions Collecting From Web of "Perché FOSTA / SESTA nuoce a quelli che presumibilmente serve"