Perché è così difficile dormire nella NBA

I giocatori di basket professionisti e gli allenatori soffrono un sonno terribile. I loro sogni possono aiutare?

Kelly Bulkeley

Fonte: Kelly Bulkeley

L’8 gennaio 1964, uno studente di 17 anni della scuola superiore di nome Randy Gardner stabilì il record mondiale di veglia continua: 264 ore, più di undici giorni consecutivi senza sonno. Gardner è stato aiutato nel suo sforzo dal Dr. William Dement, un pioniere della medicina del sonno che è rimasto con lui 24 ore su 24 per aiutarlo a raggiungere il suo obiettivo. I momenti peggiori arrivarono durante le prime ore della notte, quando la risoluzione di Gardner vacillò, ma Dement disse che avevano trovato un modo infallibile per tenere a bada il sonno:

Fortunatamente, giocare a basket ha sempre funzionato. Abbiamo quasi dovuto trascinarlo nel cortile sul retro, ma una volta lì si è trasferito, è stato molto meglio. ”

Questo piccolo aneddoto della storia antica della ricerca sul sonno illumina un problema nel cuore della moderna National Basketball Association. I giocatori di pallacanestro professionisti sono virtualmente garantiti a soffrire di privazione cronica del sonno. Per mesi e mesi restano svegli fino a tarda notte e si impegnano in competizioni fisiche intense e altamente stressanti, tenute in arene luminose e iper-stimolanti piene di migliaia di persone urlanti. Devono sopportare un programma in costante cambiamento di viaggi a lunga distanza, cambi di fuso orario e cibo e alloggio non familiari. Sarebbe difficile progettare intenzionalmente un sistema che rischia di disturbare i ritmi naturali e salutari del sonno.

Fortunatamente, una nuova consapevolezza dell’importanza del sonno sta crescendo tra i giocatori, gli allenatori e persino gli scheduler della lega. Due dei principali giocatori della lega, Lebron James e Kevin Durant, hanno chiarito le loro opinioni sull’argomento:

James: “Il sonno è la cosa più importante quando si tratta di recupero. Ed è molto difficile con il nostro programma. Il nostro programma ci tiene svegli fino a tarda notte e il più delle volte ci sveglia la mattina presto. … Non c’è recupero migliore del sonno. ”

Durant: “Ovviamente, dal lato del basket, devi affinare le tue abilità. Ma dall’altra parte, devi sintonizzare il tuo corpo. Ci sono molti rimedi che puoi utilizzare come giocatore di basket per migliorare, ma la cosa più facile che puoi fare è andare a dormire. ”

Gran parte del merito della recente esplosione di attenzione al sonno e alla pallacanestro è andata al dottor Cheri Mah, il cui studio del 2011 della squadra di pallacanestro maschile della Stanford University ha rilevato che l’aumento del sonno ha portato a uno scatto misurabilmente migliore, uno sprint più veloce e un maggiore senso fisico e benessere mentale. Le scoperte di Mah hanno ispirato gruppi di uomini e donne a tutti i livelli a prendere il sonno più seriamente come fattore integrale nella salute e nelle prestazioni generali del giocatore.

La ricerca di Mah ha anche generato un metodo per predire i vincitori dei giochi NBA con una precisione spaventosamente elevata. Lo scrittore ESPN Baxter Holmes ha lavorato con Mah per ideare una formula per valutare quanto una squadra sarebbe stanca rispetto a un’altra squadra nella notte di una partita l’una contro l’altra, specialmente la seconda notte di un gioco back-to-back. La loro formula tiene conto di molti fattori:

“Sia che il gioco sia in casa o fuori, il tempo trascorso tra le mance (comprese le ore perse dal volo verso est), quanto riposato l’avversario proviene dal gioco o dal viaggio e se fa parte di una corsa più lunga di quattro partite in cinque notti, o cinque partite su sette. ”

Come riporta Holmes, la formula ha una percentuale di successo di circa il 75% nel predire il vincitore di una partita quando una squadra rischia di essere molto privata del sonno e l’altra squadra rischia di essere molto riposata. Queste previsioni vengono fatte indipendentemente dai record vinti / persi della squadra, il che è ancora più impressionante in termini di identificazione dell’impatto diretto sulla competizione di un sonno sano. Se questa formula è stata rivista per includere i record vinti / persi, è facile immaginare il tasso di successo delle previsioni basate sul sonno che sale a circa il 100%.

Questa stagione ha anche evidenziato le sfide del sonno degli allenatori e dei giocatori. Due head coach, Tyronn Lue dei Cleveland Cavaliers e Steve Clifford dei Charlotte Hornets, sono stati costretti dalle preoccupazioni per la salute a lasciare le loro squadre per diverse settimane di recupero. In entrambi i casi, i medici hanno identificato l’insonnia cronica come un importante fattore causale.

Cosa si può fare per aiutare i giocatori e gli allenatori NBA a migliorare il loro sonno? Il campionato è sotto crescente pressione per eliminare i giochi back-to-back, che sicuramente eliminerebbero una delle principali cause di sonno interrotto. Ma c’è solo tanta flessibilità quando si cerca di creare una stagione di 82 giochi per ciascuna delle 30 squadre in un arco temporale di 6 mesi. Anche se i back-to-back vengono eliminati, il programma regolare della stagione della NBA continuerà a esercitare un’enorme pressione sulla capacità di tutti di ottenere una buona quantità di sonno.

A questo punto, la maggior parte delle squadre ha un consulente del sonno di qualche tipo, quindi i giocatori e gli allenatori hanno già accesso alle informazioni di base sui cambiamenti comportamentali che si possono fare per migliorare il sonno. Sfortunatamente, sapere cosa dovresti fare non è così facile come farlo effettivamente. Secondo un allenatore citato da David Aldridge su NBA.com,

“Ci è stato detto tutto quello che dobbiamo fare, ma non lo facciamo. Ci è stato detto che dobbiamo mangiare sano, dobbiamo allenarci e dobbiamo dormire. Tutti noi. Ogni allenatore. Non è come, ‘oh, wow, non ci avevo mai pensato.’ Ma è difficile farlo. ”

Cosa altro c’è? Quali altre opzioni esistono per promuovere un sonno migliore, oltre ai metodi standard di appello alla colpa e alla paura, concentrandosi sui marcatori comportamentali e affidandosi a autorità esterne?

C’è un altro approccio, uno che funziona bene per alcune persone e potrebbe funzionare molto bene per i giocatori e gli allenatori della NBA. Questo approccio si basa su una nuova fonte di motivazione per ottenere il maggior sonno possibile: un sonno migliore è importante perché porta a sogni migliori.

Quando dormi, la tua mente non si spegne semplicemente. Piuttosto, entra in una modalità di funzionamento diversa, una modalità che può essere descritta come una sorta di gioco . Liberato dai vincoli del mondo esterno, la tua mente addormentata è libera di immaginare, esplorare e sperimentare. A volte, durante la fase nota come sonno REM (REM), che si verifica quattro o cinque volte a notte per la maggior parte delle persone, il tuo cervello diventa intensamente attivato, tanto quanto quando sei completamente sveglio. Queste esplosioni complesse di attivazione neurale sono una funzionalità automatica e cablata del ciclo del sonno e stimolano il processo psicologico del sogno.

Ma perché qualcuno dovrebbe preoccuparsi dei sogni, figuriamoci di quelli che giocano o allenano la pallacanestro professionale? Ci sono almeno tre ragioni.

Primo, anche se non ricordi mai nessuno dei tuoi sogni, il processo del sogno contribuisce ancora al tuo benessere mentale nella vita di veglia. I ricercatori hanno scoperto che il sogno promuove l’apprendimento più efficiente, la formazione della memoria e l’integrazione emotiva di nuove esperienze. Gli aspetti “bizzarri” del sognare – strane ambientazioni, personaggi strani, eventi impossibili – possono essere intesi come estendere scherzosamente le capacità della tua mente, con l’effetto benefico di aumentare la flessibilità mentale e migliorare la tua prontezza ad affrontare situazioni impreviste nella vita da sveglia. In questo modo, il sogno è come lo yoga mentale. Allenta i rigidi confini del tuo ego di veglia, espande la portata della tua immaginazione e mantiene la tua mente aperta e attenta a nuove possibilità.

Ciò significa che il sonno è particolarmente importante per i giocatori di pallacanestro e gli allenatori che cercano continuamente di ottimizzare le loro prestazioni, perché se dormono bene, i loro sogni aumenteranno naturalmente la loro salute mentale e flessibilità adattiva, indipendentemente dal fatto che ricordino consapevolmente qualcuno di loro.

Secondo, è probabile che tu ricordi almeno alcuni dei tuoi sogni. Se presti anche loro un po ‘di attenzione, noterai che spesso ruotano intorno alle tue attuali preoccupazioni emotive. Qualunque cosa ti preoccupi di svegliare la vita – qualunque cosa ti interessi di più – è molto probabile che si manifesti nei tuoi sogni. In questo modo, i sogni offrono uno specchio sorprendentemente onesto di come ti senti riguardo alle persone, alle sfide e ai conflitti più importanti nella tua vita da sveglio. Ogni sogno che ricordi è un’opportunità per espandere la tua autocoscienza e lottare per un maggiore equilibrio emotivo.

Per i giocatori di basket professionisti, un buon sonno può aprire la porta a una preziosa fonte di nuove informazioni su come stanno giocando, su come rispondono i loro corpi e su come stanno andando d’accordo con compagni di squadra, allenatori, avversari, tifosi e media . I sogni sono uno strumento potente per identificare paure nascoste ed ostacoli emotivi che ostacolano il picco delle prestazioni atletiche.

Terzo, se ti impegni attivamente con i tuoi sogni scrivendoli in un diario, accadranno diverse cose. Il tuo richiamo probabilmente aumenterà, man mano che diventi più coscientemente in sintonia con i ritmi della tua mente addormentata. Il tuo senso del tempo si espanderà, mentre comprendi più del tuo passato e prevedi di più sul tuo futuro. Noterai l’emergere di intuizioni creative e idee innovative che offrono nuovi modi di risolvere i problemi nella vita di veglia. Alla fine, i tuoi sogni inizieranno a cambiare man mano che ti alzi psicologicamente “al livello”, scoprendo nuove sfide e nuove opportunità di crescita. Puoi diventare “lucido” o autocosciente in alcuni dei tuoi sogni, e in grado di interagire più intenzionalmente con i personaggi e le impostazioni. Puoi praticare l’incubazione dei sogni, un metodo per formulare una domanda prima di dormire e poi osservare eventuali sogni successivi per possibili risposte alla domanda.

Guardando questi potenziali in un contesto di pallacanestro, un buon sonno combinato a tenere un diario dei sogni può preparare le basi per lo sviluppo di forme avanzate di forza mentale e chiarezza che consentiranno ai giocatori di attualizzare i loro talenti al meglio. Il sogno può essere un percorso verso una più profonda consapevolezza, come i meditatori indù e buddisti hanno conosciuto per molti secoli. Per i giocatori e gli allenatori della NBA, che hanno bisogno di mantenere la messa a fuoco del laser affilata nonostante le costanti distrazioni, un dialogo regolare con i propri sogni può essere una pratica radicata che li collega alle loro motivazioni principali e al loro ultimo centro di equilibrio.

Nulla di ciò è possibile se i ritmi di base del ciclo del sonno di qualcuno non sono molto sincronizzati. Ma una volta che inizi a fare uno sforzo per migliorare il tuo sonno, migliorerai anche le condizioni per i tuoi sogni. E una volta che inizi a esplorare attivamente e coltivare gli immensi poteri della tua mente che sogna, il cielo è il limite.

Solutions Collecting From Web of "Perché è così difficile dormire nella NBA"