Perché droghe e alcol possono essere così difficili da chiudere

L’intossicazione a volte permette ai “sé” nascosti di emergere.

Daniel Reche CC0 Creative Commons

Fonte: Daniel Reche CC0 Creative Commons

Di David Braucher, LCSW, PhD

I programmi di trattamento delle dipendenze hanno un tasso di insuccesso allarmante spesso attribuito ai potenti effetti chimici di droghe e alcol. Eppure molti utenti non diventano mai dipendenti, anche dopo un’esposizione prolungata. Una ragione per cui alcune persone ricadono ripetutamente è che, per loro, essere intossicati permette loro di esprimere sentimenti che sono fuori coscienza quando emergono “sé” sobri nascosti.

Questo aspetto irresistibile dello stato intossicato viene spesso trascurato nei programmi di trattamento: i tossicodipendenti non solo mancano di essere “alti” quando lottano con la sobrietà, ma anche il modo in cui la sostanza facilita l’espressione delle parti rinnegate del sé.

Quali sono parti sconosciute del sé?

Man mano che la nostra identità si sviluppa, tendiamo a sentirci più a nostro agio nell’esprimere certe parti di noi stessi e meno a nostro agio con gli altri. Stereotipicamente, gli uomini nella nostra cultura crescono sentendosi più a proprio agio a trasmettere aggressività rispetto alla vulnerabilità. Ciò non significa che gli uomini non si sentano vulnerabili, ma che questa esperienza non sia spesso in consapevolezza cosciente. Allo stesso modo, una persona cresciuta in una famiglia in cui l’aggressione è disapprovata può avere la tendenza a negare di sentirsi arrabbiata e comportarsi come se nulla potesse arrivare a loro.

Cosa succede ai sentimenti che siamo riluttanti a riconoscere? Bene, non spariscono semplicemente; rimangono fuori dalla consapevolezza e spesso non sappiamo davvero che siano lì. Queste sono le parti rinnegate del sé.

L’intossicazione consente l’espressione delle parti del sé rinnegate

Droghe e alcol possono allentare le nostre inibizioni permettendoci di esprimere le parti di noi stessi che di solito nascondiamo. Pensa al cliché dell’uomo macho che, dopo una notte di bevute, si riempie di lacrime agli occhi, abbraccia il suo migliore germoglio e gli dice quanto lo ama. In questo scenario, bere consente l’espressione di sentimenti vulnerabili che normalmente risiedono al di fuori della consapevolezza.

La ricerca sull’uso medico di vari farmaci come la ketamina, l’LSD e l’MDMA indaga su come questi farmaci consentano l’accesso agli aspetti altrimenti sequestrati della propria personalità. Quando questi farmaci vengono somministrati in un contesto terapeutico aiutano le persone a comprendere e integrare parti di sé altrimenti rinnegate.

saggio

Prendi Sage, un professionista medico di successo che lavora per lunghe ore tendendo a soddisfare i bisogni dei suoi pazienti. A casa, è la persona giusta per la sua famiglia allargata; ogni volta che i suoi parenti incontrano difficoltà, è quella a cui si rivolgono per un consiglio. Quando è sobria, Sage è orgogliosa del suo ruolo fondamentale nella famiglia, anche se segretamente desidera essere lasciata sola con un buon libro.

Quando beve, Sage non assume più il ruolo di “forte”. Chiama spesso gli amici fino a tarda notte e li tiene al telefono per ore. Lei dice loro come si sente sola e che non c’è nessuno che la cerca.

Quando è ubriaco, Sage è in grado di esprimere il suo desiderio e il desiderio di essere curato. Quando beve, può piangere per la sua solitudine – può sentirsi dispiaciuta per come è stata responsabile crescere il figlio maggiore di sei figli in una famiglia single-madre. Sobrio, non ha accesso a questi sentimenti. Quando a Sage viene ricordato quello che ha detto durante una conversazione ubriaca, non ne ha memoria.

Max

Max è un professionista di successo che lavora in una delle aziende più competitive della sua attività. È in un rapporto di nuovo e di nuovo con la sua fidanzata Mandy. Quando Max è sobrio, esprime regolarmente il suo amore e la sua dipendenza da Mandy. Ha un momento difficile per lasciare Mandy andare al lavoro, spesso gentilmente convincendola a stare con lui a letto solo un po ‘più a lungo. Sebbene sia consapevole della sua insoddisfazione per la relativa mancanza di apertura emotiva di Mandy, non si lamenta. Impaurito di essere abbandonato, evita di iniziare una discussione. Discordia nella sua casa d’infanzia alla fine ha portato alla dissoluzione del matrimonio dei suoi genitori.

Quando Max è alto, solitamente con una combinazione di alcol e marijuana, può facilmente esprimere il suo scontento con Mandy. Spesso dopo una notte di festeggiamenti, si infuria contro di lei per infrazioni apparentemente piccole. Ha rotto con lei molte volte perché stava prestando troppa attenzione a un altro ragazzo ad una festa: “Preferiresti parlare con quel ragazzo piuttosto che con me”.

Max cerca spesso di rimediare con Mandy il giorno dopo. Si sforza di capire come diventi così fuori controllo. Tornato in contatto con la sua paura di perdere Mandy, rinnega le parti arrabbiate e insoddisfatte di se stesso. Non è in grado di esprimere le sue legittime preoccupazioni quando è sobrio, un tempo in cui sarebbe più capace di avere una discussione costruttiva.

Dove andiamo da qui

Nonostante ripetuti tentativi di smettere di usare, Sage e Max spesso cadono dal carro. Il lavoro svolto per loro in terapia è imparare a tollerare sentimenti spiacevoli. Invece di liquidare queste parti di sé come “essere disordinate”, devono rendersi conto che questi sentimenti sono aspetti legittimi – anzi, molto importanti – di chi sono. Se riescono a trovare un modo per esprimere le parti nascoste e rinnegate di se stessi quando sono sobri, potrebbero sostenere più facilmente la sobrietà.

David Braucher, LCSW, Ph.D. è un laureato presso il William Alanson White Institute e Past-President della White Society. È membro del comitato editoriale della rivista, Psychoanalysis contemporaneo e redattore esecutivo del blog, Psychoanalysis contemporaneo in azione. È supervisore e membro della facoltà del programma di psicoterapia psicoanalitica intensiva di White. Ha tenuto conferenze alla Scuola di lavoro sociale della NYU. Scrive sui rapporti e lavora privatamente nel West Village / Chelsea a Manhattan.

Solutions Collecting From Web of "Perché droghe e alcol possono essere così difficili da chiudere"