Perché dobbiamo smettere di demonizzare gli antidepressivi

La generalizzazione dei farmaci come “tutti i cattivi” congela il numero di vite che ha salvato.

TomMerton/GettyImages

Fonte: TomMerton / GettyImages

Principale causa di morte negli Stati Uniti, il suicidio è diventato un importante problema di salute pubblica sia qui che a livello mondiale. La malattia mentale è uno dei molti fattori di rischio nei casi di suicidio, il più comune è la depressione. Sfortunatamente, solo la metà di coloro che vivono con la depressione e altre malattie mentali ricevono effettivamente un trattamento. Il colpevole più spesso è lo stigma. Sia individualmente, come nei casi di stigma interiorizzato, sia a livello sociale, evidenziato da una politica di assistenza sanitaria che considera la malattia mentale come inferiore, il Center for Disease Control (CDC) elenca lo stigma associato a malattia mentale e ricerca di aiuto come uno dei i principali fattori di rischio per il suicidio.

Oltre allo stigma, la stessa malattia mentale è lo stigma di trattamenti potenzialmente salvavita, in particolare i farmaci psicotropi. Come demonizzati come gli antidepressivi sono diventati da molti, non dobbiamo dimenticare il numero di vite che quegli stessi farmaci hanno salvato e la qualità della vita che hanno migliorato. Soprattutto per le persone ad alto rischio e nei casi di depressione resistente al trattamento, i farmaci possono essere estremamente utili. Possono servire come accessori per il trattamento e aiutare i pazienti a gestire i sintomi debilitanti.

“La stigmatizzazione del trattamento della salute mentale, compreso il trattamento con farmaci, impedisce a coloro che ne hanno bisogno di cercare aiuto”, dice il dott. Louisa Steinberg, MD, PhD, un ricercatore postdottorato alla Columbia University. Secondo Steinberg, la stigmatizzazione di trattamenti come la terapia contribuisce a un abbandono prematuro del trattamento ed è la causa più comune di fallimento del trattamento. “La depressione è una malattia grave e pericolosa per la vita”, dice, “e dichiarazioni generali che demonizzano il suo trattamento fanno un vero disservizio a chi ne ha bisogno e trascurano la complessità di fondo sia della malattia che del trattamento”.

Lo psichiatra Alex Dimitriu, MD, concorda sul fatto che lo stigma perpetua solo barriere all’entrata e al trattamento per le condizioni di salute mentale. “Ogni volta che sento una critica della moderna psichiatria e dei suoi farmaci, con alcuni studi che dicono che questi farmaci non funzionano meglio del placebo,” dice, “mi chiederei: ‘cosa faccio allora qui come medico?’ Non potevo fare il mio lavoro ogni giorno, se sentissi che il mio lavoro era inutile, o peggio, causando danni “.

Chiarire le idee sbagliate comuni sui farmaci

I rischi degli effetti collaterali possono essere ridotti al minimo.

In risposta a preoccupazioni comuni e ragionevoli riguardo ai farmaci, il dott. David Hellerstein, professore di Psichiatria Clinica presso la Columbia University, afferma che questo è qualcosa di cui gli psichiatri sono consapevoli e che si stanno rivolgendo. “Alcuni farmaci possono causare effetti collaterali indesiderati come l’opacità emotiva”, riconosce Hellerstein, “una preoccupazione comune tra gli artisti creativi. Passare o aumentare con più farmaci attivanti può risolvere questo problema. Ci sono anche nuovi farmaci in fase di sviluppo tutto il tempo. ”

Dimitriu concorda sul fatto che anche se i farmaci possono avere effetti collaterali, la debilitazione di ansia o depressione corre il rischio di maggiori costi.

I farmaci non devono essere assunti a tempo indeterminato.

“Molti escono dai trattamenti farmacologici, soprattutto quando lavorano in terapia”, dice Hellerstein. “Molte volte, può servire come una sorta di salto di avviamento, facilitando il processo di guarigione. Alcune persone li provano per un periodo limitato di un anno o due. È più sicuro delle droghe d’abuso “.

“Spesso nella depressione clinica abbiamo anche bisogno di usare i farmaci per liberare il sistema biologico bloccato”, afferma il dott. Eric Nestler, MD, Ph.D., Mount Sinai e membro della Task Force presso Hope for Depression Research Foundation. “Può aiutarti a ottenere la tua vita in un ordine migliore e raggiungere uno stato più sano in modo da poter lavorare in terapia e impegnarsi in attività comportamentali come l’esercizio fisico”.

I farmaci sono efficaci.

Secondo Nestler, i farmaci antidepressivi sono efficaci per circa la metà dei due terzi delle persone che vengono attentamente diagnosticate come depresse. “Le persone che sostengono il contrario”, afferma Nestler, “sono sbagliate e prevenute”.

Mentre è vero che le sperimentazioni cliniche di farmaci antidepressivi negli ultimi due decenni mostrano una minore efficacia rispetto alle sperimentazioni eseguite diversi decenni fa, secondo Nestler, questo riflette il semplice fatto che, a differenza di diversi decenni fa, la stragrande maggioranza degli individui negli Stati Uniti oggi con la depressione hanno accesso ai farmaci. “Le uniche persone che stanno cercando sperimentazioni cliniche di nuovi farmaci sono quelle che non hanno risposto ai farmaci esistenti.” Dice, “Non è quindi sorprendente che gli studi oggi dimostrino meno efficacia nel gruppo di pazienti con il cosiddetto trattamento -resistente depressione. ”

Il lato negativo del farmaco

Le medicine sono sovra-prescritte nel nostro paese? Assolutamente. “Quando sul mercato sono arrivati ​​farmaci come il Prozac, c’era un grosso problema con la sovra-prescrizione”, afferma Sal Raichbach PsyD, LCSW, Ambrosia Treatment Center. “Sono stati visti come una” pillola miracolosa “, quindi quando le persone hanno capito che non era questo il caso e questi farmaci, come altri, avevano effetti collaterali, il pendolo ha oscillato nella direzione opposta. In molti modi, la società non si è ripresa da questa mentalità. Un problema si verifica quando la società attribuisce uno stigma al trattamento della salute mentale, sia che si tratti di vedere un terapeuta o di prendere una pillola “, dice Raichbach. “Anche se gli antidepressivi non funzionano per tutti, salvano innumerevoli vite. Forniscono il senso dell’equilibrio e della regolazione emotiva necessari per iniziare il processo di guarigione e riportano l’individuo in un posto dove sono più ricettivi al trattamento. ”

Il farmaco non è per tutti

Sia Raichbach che Hellerstein chiariscono che il farmaco non è certamente l’unica risposta e che non è per tutti. Secondo il National Institute of Health (NIH), come per molti altri trattamenti, i farmaci possono aiutare in alcune situazioni e non in altri. “Sono efficaci per depressione moderata, grave e cronica, ma probabilmente non per casi lievi. Il loro scopo è alleviare i sintomi e aiutare a ripristinare l’equilibrio emotivo “.

Ci sono diverse altre opzioni di trattamento disponibili per la depressione come i trattamenti di stimolazione cerebrale, la terapia della luce e la terapia di attivazione comportamentale. “In molti casi, come nella depressione da lieve a moderata, uno qualsiasi di questi trattamenti o la sola psicoterapia può essere sufficiente.” Afferma il dott. Bryan Bruno, direttore medico di Mid City TMS, un centro medico con sede a New York, incentrato sul trattamento depressione. “Ad esempio, la stimolazione magnetica transcranica (TMS) è un trattamento ambulatoriale alternativo che utilizza impulsi magnetici per attivare specifiche aree del cervello dove la bassa attività causa depressione. Secondo Bruno, i trattamenti con TMS dovrebbero essere presi in considerazione soprattutto quando gli antidepressivi non sono stati sufficientemente utili. “Gli antidepressivi non sono sempre necessari per curare la depressione e non devono essere presi da soli.”

Un messaggio ai prescrittori

È importante che i medici non facciano affidamento solo sui farmaci come trattamento di prima linea per ogni caso di depressione. I medici prescrittori sarebbero trascurati nel trascurare di fornire ai propri pazienti un rimando a un terapeuta, o almeno di offrire una psicoeducazione sull’importanza della terapia nel trattamento della malattia mentale. Come mostrano costantemente gli studi, il trattamento più efficace per la depressione non è né la sola terapia, né i farmaci da soli, ma una combinazione di entrambi. I farmaci possono alleviare i sintomi più rapidamente della sola terapia; tuttavia, sta affrontando solo i componenti biologici. Dal momento che la depressione non è una condizione unidimensionale, ignorare i fattori psicologici, emotivi e sociali coinvolti è trattarla solo a malincuore.

Prevenire i suicidi

Soprattutto per chi prova pensieri suicidi, rinunciare alla stabilità mentale e alla qualità della vita per timori e malintesi, e continuare a stigmatizzare, può essere una decisione pericolosa per la vita. “Le persone che non ricevono alcun tipo di trattamento si trovano in una situazione di svantaggio”, afferma Hellerstein. “Le conseguenze della depressione non trattata o dell’ansia sono molto peggiori sulla funzione mentale di qualsiasi effetto del trattamento. Devi pesare i costi e i benefici. ”

Controllando i nostri pregiudizi e la perpetuazione dello stigma

Qualunque sia la tua posizione nel dibattito sulle medicine, qualunque sia la tua opinione, è fondamentale non generalizzare. Siamo tutti vulnerabili e, come tali, dobbiamo stare attenti a non partecipare alla perpetuazione dello stigma della salute mentale.

Dire che le medicine sono tutte cattive è respingere i suoi numerosi benefici. Non possiamo escludere un trattamento che si è dimostrato efficace per milioni. Tali affermazioni generalizzate sono pericolose se si riesce a salvare anche una sola vita o si previene il suicidio.

Se si verificano pensieri suicidi, chiamare la hotline nazionale per la prevenzione dei suicidi al numero 1-800-273-8255.

Solutions Collecting From Web of "Perché dobbiamo smettere di demonizzare gli antidepressivi"