Perché discutere di opinioni impopolari è intellettualmente sano

Le persone hanno spesso percezioni errate riguardo alle loro abilità o politiche.

Recenti proteste, alcune delle quali accompagnate da violenze, hanno portato alla cancellazione di dozzine di discorsi controversi nei campus. Secondo Ceci e Williams (2018), tuttavia, i dialoghi rispettosi tra persone con punti di vista diversi sono salubri non solo per la salute e la crescita accademica, ma anche per il benessere democratico delle nazioni. La ricerca psicologica ha mostrato almeno due valide ragioni per cui i punti di vista impopolari o scioccanti devono essere presentati ed esaminati.

Innanzitutto, le persone, indipendentemente dalle loro convinzioni morali o politiche, tendono a conoscere meno le politiche complesse e le prove a sostegno di quanto pensino (ad esempio, Fernbach, Rogers, Fox e Sloman, 2013). Inoltre, le persone tendono a sovrastimare le proprie abilità in molti domini sociali e intellettuali con l’inconsapevolezza della loro ignoranza. Questa sovrastima è associata sia a conclusioni errate che a scelte sfortunate e all’incapacità di riconoscere e correggere i propri errori (ad esempio, Kruger & Dunning, 1999).

In secondo luogo, esiste un’asimmetria nel valutare l’obiettività e il pregiudizio nell’io rispetto agli altri. Le persone tendono a possedere l’incredulità che i loro giudizi sono meno propensi a pregiudizi rispetto a quelli di interagire con gli altri. Ad esempio, le persone sono inclini a pensare che la loro comprensione di un determinato problema sia fonte di accuratezza e illuminazione, ma altri che hanno opinioni diverse sul problema tendono a basare i loro giudizi su pregiudizi (Ehrlinger, Gilovich e Ross, 2005; Gilovich & Ross, 2015).

Certamente, la questione della libertà di espressione nel campus è correlata non solo alla ricerca psicologica ma anche a considerazioni legali e filosofiche. “Le visualizzazioni disdegnate non scompariranno solo perché sono bannate; possono andare sottoterra e insultare e persino crescere in supporto “.” La mancata difesa costante della discussione sulle opinioni impopolari è tanto tossica per la salute intellettuale dei campus quanto per la salute democratica delle nazioni “(Ceci & Williams, 2018, 309. ).

Riferimenti

Ceci, SJ e Williams, WM (2018). Chi decide cosa è accettabile parlare nel campus? Perché limitare la libertà di parola non è la risposta. Prospettive sulla scienza psicologica, 13 , 299-323

Ehrlinger, J., Gilovich, T., & Ross, L. (2005). Sbirciare il punto cieco del pregiudizio: valutazioni della gente di pregiudizi in se stessi e negli altri. Bollettino di personalità e psicologia sociale, 31 (5), 680-692. doi: 10,1177 / 0146167204271570

Fernbach, PM, Rogers, T., Fox, CR, & Sloman, SA (2013). L’estremismo politico è supportato da un’illusione di comprensione. Scienze psicologiche, 24 (6), 939-946. doi: 10,1177 / 0956797612464058

Gilovich, T., & Ross, L. (2015). Il più saggio nella stanza: come trarre vantaggio dalle intuizioni più potenti della psicologia sociale . New York, NY, Stati Uniti: Free Press.

Kruger, J., & Dunning, D. (1999). Non qualificato e inconsapevole di esso: come le difficoltà nel riconoscere la propria incompetenza portano a auto-valutazioni inflazionate. Journal of Personality And Social Psychology, 77 (6), 1121-1134. doi: 10,1037 / 0022-3514.77.6.1121

Solutions Collecting From Web of "Perché discutere di opinioni impopolari è intellettualmente sano"