Perché “Cattivo” non è uguale a “Mad”

L’equiparazione “cattiva” con “pazza” è scientificamente inaccurata e sociomoralmente ingenua.

La recente uccisione di massa alla Marjory Stoneman Douglas High School in Florida ha aperto un vecchio dibattito sulla distinzione concettuale tra “cattivo” e “pazzo”. Questo è qualcosa che ho esaminato per molti anni nel mio ruolo di ricercatore principale un progetto nazionale che studia la copertura mediatica della malattia mentale.

Cambiare le prospettive

In passato, gli autori di omicidi di massa erano generalmente considerati “cattivi” e spesso venivano descritti usando termini morali come malvagi, cattivi o depravati. In questa linea di pensiero, la malattia mentale non ha nulla a che fare con le uccisioni di massa. Invece, i perpetratori sono considerati privi di una bussola morale, possiedono un’ideologia estrema e / o nutrono forti risentimenti sociali. In altre parole, sono considerati cattivi, non pazzi.

Più recentemente, c’è una crescente tendenza a spiegare gli omicidi di massa speculando sullo stato mentale del sospetto perpetratore. In questa linea di pensiero, l’autore è pazzo, non male, e le loro azioni sono attribuite a sintomi di una malattia mentale sconosciuta. Questo argomento si manifesta frequentemente nella copertura mediatica di omicidi di massa, che a volte si confondono con il linguaggio della psichiatria nel descrivere tali tragedie.

Purtroppo, questo è spesso fatto in assenza di qualsiasi prova che la malattia mentale è stata coinvolta.

Ad esempio, Anders Breivik ha ucciso 77 persone in un omicidio di massa nel luglio 2011. Alcune notizie dei media all’epoca imputavano le sue azioni alla malattia mentale, in particolare alla psicosi. Tuttavia, la valutazione psichiatrica nella fredda luce del giorno indicava che non era affetto da psicosi, ma era guidato esclusivamente da un’ideologia estrema e da un aspro risentimento. Breivik era cattivo, non arrabbiato.

Altri esempi abbondano, specialmente se viene utilizzata una definizione ampia di uccisioni di massa. Stalin e Hitler potrebbero essere considerati i due più grandi assassini di massa del 20 ° secolo. Entrambi erano consumati dall’odio, dal risentimento e dall’ideologia estrema. Era questo, piuttosto che una malattia mentale, che li ha portati a iniziare crimini atroci contro l’umanità, tra cui uccisioni di massa di ebrei, kulaki e altri.

Combattere lo stigma

La lingua ha delle conseguenze. La continua (ed errata) confusione tra “cattivo” e “pazzo” può contribuire ai già alti livelli di stigma associati alla malattia mentale. Può provocare ingiustificate paure, sfiducia e sospetti verso le persone con malattie mentali. Ridurre tale stigma è quindi una priorità elevata per i sostenitori della salute mentale.

Qui in Canada, ricercatori e attivisti hanno lavorato attivamente con i giornalisti per molti anni per contribuire a migliorare i loro rapporti sulla salute mentale. Come parte di questi sforzi, sono state prodotte e ampiamente diffuse le linee guida per le relazioni sulle migliori pratiche, che contengono una forte enfasi sul controllo dei fatti e sull’evitare le speculazioni. Ricerche recenti suggeriscono che i giornalisti canadesi hanno aderito a queste linee guida, che è una notizia molto gradita.

Allo stesso modo, i ricercatori hanno lavorato con persone con malattie mentali per produrre brevi video educativi che sono stati mostrati nelle scuole di giornalismo e altri eventi di sensibilizzazione per ridurre lo stigma. Uno di questi racconti trasforma in modo perspicace la confusione pazza / cattiva sulla sua testa con deliziosa ironia (vedi video sotto).

Linguaggio Shifting

Noi in psichiatria e psicologia siamo stati in prima linea negli sforzi per spostare il linguaggio comunemente usato per descrivere i comportamenti umani. In passato, i sintomi comportamentali delle malattie mentali erano comunemente considerati come la conseguenza di mancanze morali – o addirittura di possesso demoniaco. La ricerca clinica ha aiutato a disabitare il pubblico di tali nozioni errate.

In effetti, l’ex presidente della American Psychological Association O. Hobart Mowrer ha scritto un famoso articolo in cui sosteneva che uno dei contributi “psicologici” della psicologia alla società stava riducendo l’uso diffuso della terminologia morale, come “peccato”, e la sostituiva con terminologia clinica, come “malato”.

Tuttavia, una conseguenza involontaria di un simile cambiamento nel linguaggio dominante significa che i concetti e la terminologia della psichiatria e della psicologia sono diventati le spiegazioni per tutti i comportamenti umani, compresi atti di violenza incomprensibili come le uccisioni di massa.

Questa parentesi linguistica (o “medicalizzazione”, per usare la corretta terminologia delle scienze sociali) significa che molte persone sono rapide nell’imporre omicidi di massa alla malattia mentale, piuttosto che in una complessa rete di causalità che può includere turpitudine morale, ideologia estrema e risentimenti sociali. In effetti, le uccisioni di massa sono eventi in cui il linguaggio esplicativo morale e sociologico può essere più accurato e appropriato del linguaggio esplicativo della psichiatria o della psicologia.

Conclusione

In breve, l’idea che il cattivo sia pazzo è uno stereotipo pernicioso che deriva da varie fonti. È una rappresentazione inaccurata delle complessità sociali che contribuisce allo stigma dannoso sulla malattia mentale. Molte parti interessate chiave, inclusi i media, i clinici, i ricercatori, i responsabili delle politiche e le organizzazioni di difesa, hanno un ruolo da svolgere nel non ammettere l’opinione pubblica di tali nozioni.

Recenti ricerche con i media canadesi indicano che potremmo fare progressi in tal senso.

Speriamo che questo continui.

Solutions Collecting From Web of "Perché “Cattivo” non è uguale a “Mad”"