Perché una triste verità è meglio di una felice bugia

Recentemente ho scritto un post sul blog sull'importanza di chiedere ai nostri buoni amici ciò di cui abbiamo veramente bisogno. Ho ricevuto molti feedback, la maggior parte dei quali esprimeva gratitudine per aver ricevuto il permesso di bisogno e chiedere un certo tipo di attenzione non distratta da parte di buoni amici. Molte persone si identificano con i sentimenti di perdita e solitudine nel divario tra ciò di cui abbiamo bisogno dagli amici e ciò che effettivamente riceviamo. Allo stesso modo, la gente ha sollevato la questione della paura, e quanto è spaventoso chiedere – a chiunque – ciò di cui abbiamo veramente bisogno. È questa paura che voglio affrontare qui.

Quando chiediamo ad un amico ciò di cui abbiamo veramente bisogno, corriamo un rischio: un grosso rischio. Rischiamo che l'amico non voglia o non sia in grado di darci ciò di cui abbiamo bisogno. Prendiamo il rischio che sia per esporre la nostra vulnerabilità, per mostrare il nostro vero io piuttosto che proteggere una versione di noi stessi, che crediamo sia gradevole. Rischiamo di rimuovere l'armatura dal nostro cuore e, di conseguenza, di ferirci profondamente. Rischiamo di essere giudicati per il nostro bisogno. Rischiamo di provare vergogna. E infine, rischiamo il rifiuto del tutto. Chiedendo ciò di cui abbiamo veramente bisogno, rischiamo di scoprire che non siamo valutati come credevamo di essere.

Alcuni anni fa, ho sperimentato questo rischio in prima persona. Lo ricordo ancora come se fosse ieri. Stavo lottando con un serio dilemma personale. Ho contattato un caro amico e ho chiesto se potevamo incontrarci, condividendo solo un po 'della difficile situazione in cui mi trovavo. Dato che siamo entrambe madri che lavorano, è stato difficile trovare il tempo, ma un paio di settimane dopo ha chiamato e chiesto se Volevo fermarmi al suo posto quella sera. Sono tornato con un rapido "Sì!" Immediatamente consapevole di quanto avevo desiderato ardentemente la sua amicizia. Ciò che è proceduto è stato completamente comprensibile e completamente straziante, entrambi. Quando arrivai, la mia amica stava rilasciando la sua babysitter. La sua giovane figlia ora voleva la piena attenzione di sua madre, che il mio amico ascoltò per un po 'mentre mi sedevo e aspettavo. Dopo un po ', la mia amica ha chiesto a sua figlia di suonare da sola, accanto a noi, che la bambina ha naturalmente rifiutato. Ben presto i due stavano rotolando sul pavimento con la faccia della mia amica sepolta dietro le piccole mani della figlia. Tra "oooh", il mio amico mi ha offerto un ovattato, "Sto ascoltando, davvero ti sto ascoltando, vai avanti, dimmi …"

Ciò che seguì non fu una scelta. I miei piedi mi hanno spinto verso l'alto e mi hanno messo in movimento verso la porta. Senza pensarci, le mie parole mi scusarono, spiegando che semplicemente non potevo fare "questo" stasera. Non era colpa di nessuno, ma non potevo fingere che stavo bene e che quello che stava succedendo andava bene, per me. Stava facendo quello che doveva fare e io stavo facendo quello che dovevo fare. Era così semplice.

Tuttavia, quando sono tornato a casa, ho mandato un'e-mail al mio amico e mi sono scusato per essere andato via, e di nuovo ho spiegato che avevo capito che quella notte non era possibile. Allo stesso tempo, proprio ora, provavo dolore per questa situazione e avevo bisogno dell'interesse indiviso per soli adulti del mio caro amico. Ha risposto prontamente con "No worries". Dovremmo provare a stare insieme in un paio di settimane in cui lei sarebbe più disponibile. Nonostante i numerosi tentativi da parte mia, non l'ho mai più sentita.

Corriamo un rischio reale quando siamo onesti riguardo a ciò di cui abbiamo bisogno: quando ricevere ciò che effettivamente ci serve diventa la priorità piuttosto che mantenere l'amicizia in corso? Ci puoi scommettere. Vorrei averlo fatto in modo diverso? No.

Quello che ho detto al mio amico era la verità, con empatia sia per me che per lei. La verità che ho scoperto era una triste verità, ma una triste verità è preferibile a una bugia felice. Ciò che muore in seguito alla condivisione della verità non è l'amicizia, ma piuttosto la nostra illusione di ciò che in realtà è l'amicizia.

Tutte le amicizie hanno limiti e limiti, alcune più estreme di altre. Possiamo e facciamo scegliere di risiedere felicemente all'interno di tali limiti. Questa è la condizione umana. Quando siamo onesti riguardo a ciò di cui abbiamo bisogno, la risposta ci costringe a guardare la verità dell'amicizia, la sua illimitatezza ei suoi limiti. La nostra verità chiama alla luce la più grande verità dell'amicizia. Da lì, possiamo decidere consapevolmente su quali amicizie vogliamo continuare a investire e fino a che punto.

Anche se non è sempre facile o piacevole guardare la verità, le illusioni evaporeranno sempre … alla fine. L'illusione di un'amicizia non è la stessa cosa di un'amicizia, non importa quanto cerchiamo di riempire i buchi. In questa vita, abbiamo bisogno di compagni di tana, amici che sono lì per noi quando i missili sparano. L'unico modo in cui possiamo conoscere un amico è offrire loro l'opportunità di conoscere la nostra verità – rischiare che sia onesto ciò di cui abbiamo veramente bisogno, e quindi chi siamo veramente.

Solutions Collecting From Web of "Perché una triste verità è meglio di una felice bugia"