Perché tu (e il tuo gatto) ti piacciano

Colpisci il tuo gatto e lui / lei fa le fusa. Ai cani piace essere accarezzato. Le scimmie passano ore a pulirsi l'un l'altro: non sono alla ricerca di pulci (un malinteso comune: in realtà sono animali molto puliti), ma è chiaramente un'esperienza piacevole per entrambi. Le tecniche di massaggio variano, ma alcune si concentrano sulla pelle e sono molto apprezzate. Se passi attraverso una porta e batti la mano, la strofini (cioè, accarezza te stesso) per ridurre il dolore.

Le madri accarezzano i loro bambini. Anche i topi mamme accarezzano (leccano) la loro, un'azione essenziale per permettere loro di urinare. Ma questo ha altri effetti. I ratti le cui madri le leccano meno spesso crescono per essere più sensibili allo stress e si comportano più ansiosamente in uno strano ambiente. Ci sono risultati simili negli esseri umani: le donne incinte che mostrano alti livelli di ansia tendono ad avere bambini che crescono per essere più ansiosi e / o depressi rispetto ad altri. Questo è ridotto se le loro madri li accarezzano molto durante i primi mesi. Anche gli agnelli amano essere accarezzati dagli umani. Anche agli umani adulti piace essere accarezzati. Piuttosto contro intuitivamente, il piacere di essere accarezzati aumenta con l'età. L'accarezzamento sincrono del volto aumenta l'affidabilità di quella persona. Accorcia anche la percezione del tempo che passa, mentre il contatto sgradevole (ad es.

Il significato diffuso di carezze è chiaramente un adattamento evolutivo. È una forma di contatto sociale affiliato. È anche, naturalmente, un'esperienza erotica nel giusto contesto. È quindi sorprendente che solo recentemente sia stato identificato un percorso nervoso speciale per l'accarezzamento. La pelle ha una grande varietà di recettori che rilevano diversi tipi di tatto. In generale, sono divisi in due categorie: quelli che trasmettono le loro informazioni al cervello attraverso grandi fibre nervose (sono usate per dirti della pressione sulla tua pelle, della posizione delle tue membra e di come riconosci un oggetto tramite il suo tocco) e fibre molto più piccole, le cosiddette fibre C. Questi ultimi sono interessanti perché trasmettono la sensazione di dolore, ma anche il tipo di tocco che ti dice, ad esempio, che qualcosa è atterrato sulla tua pelle. Ora arriva la parte davvero interessante: solo pochi anni fa, è stato scoperto che esiste una sottocategoria di fibre C che sono specializzate per trasmettere la sensazione di carezze. Se li provi con una varietà di tempi accarezzati, rispondono meglio a quelli moderati: il tipo che la maggior parte delle persone sente più piacevole. Se l'accarezzamento ha un'azione erotica, affettiva o calmante dipenderà dal contesto in cui si manifesta: le fibre nervose coinvolte sembrano essere le stesse.

Cosa fa il tuo cervello con questa informazione: la sensazione di carezza? C'è una parte particolare della corteccia cerebrale, il mantello esterno del cervello che gli conferisce quell'aspetto rugoso, che risponde alla sensazione. Accarezzare attiva quest'area, mentre pizzicare la pelle no. Quindi il cervello è molto vigile per accarezzare. Non si ferma qui. Vicino alla parte anteriore del cervello, vi è un'area chiamata giro cingolato anteriore, anch'essa parte della corteccia cerebrale. Accarezzare attiva fortemente anche quest'area. Questo diventa più affascinante quando ti dico che questa zona è nota per la sensazione di piacere, e ancora più intrigante quando ti dico che è stata anche implicata nella depressione. Mostra attività alterata nelle persone con depressione, e la sua stimolazione è stata utilizzata per alleviare i casi di depressione resistente al trattamento, con un certo successo. Ci rilassiamo l'un l'altro nei momenti di crisi accarezzando.

Un'altra area del cervello associata al piacere o al gradimento delle cose è l'amigdala. Questo non fa parte della corteccia cerebrale, ma ha strette connessioni con le aree della corteccia che riguardano l'emotività. Accarezzare aumenta il rilascio di serotonina nell'amigdala, mentre il pizzicarsi (sgradevole) ha l'effetto opposto. Diverse parti del cervello, quindi, sembrano sintonizzate sull'occorrenza di carezze, motivo per cui è un comportamento così significativo e ampiamente presente. Sembra che il tuo cervello ti stia aspettando.

Perché accarezzare i giovani ha effetti così duraturi sui bambini? Le osservazioni su topi madre hanno rivelato un fatto sorprendente. Come gli umani, i ratti variano nella quantità di attenzione che danno ai loro piccoli. Possono essere divisi in quelli che si preoccupano molto – leccano i loro giovani frequentemente – e quelli che sembrano interessarsi di meno. Come abbiamo visto, i giovani del primo affrontano meglio lo stress quando crescono rispetto al secondo. Nel profondo del cervello è l'ipotalamo, un'area che controlla molte cose, tra cui il rilascio dell'ormone dello stress cortisolo (corticosterone nei ratti).

C'è un gene nell'ipotalamo che è strettamente coinvolto in questa risposta: regola l'azione del cortisolo (corticosterone) sul cervello. L'ambiente può alterare l'attività di questo gene attraverso un processo chiamato metilazione. I topi con madri povere hanno aumentato i livelli di metilazione e questo può durare una vita. Altera l'attività di questo gene e quindi il modo in cui affrontano lo stress. È un esempio di controllo epigenetico. Potrebbero esserci altri vantaggi nell'essere accarezzati. Accarezzare topi o gatti aumentano l'attività del loro sistema immunitario, quindi affrontano meglio le infezioni. Accarezzare, a quanto pare, può essere buono per la tua salute e anche per la tua psiche.

Questo si applica agli umani? Sembra che possa. Non possiamo misurare la metilazione nel cervello dei bambini, o bambini che hanno vissuto avversità durante l'infanzia, ma possiamo misurarlo nel sangue (dobbiamo supporre che ciò rifletta ciò che accade nel cervello). Come i topolini, i figli di madri inadeguate mostrano livelli aumentati di metilazione di questo gene nel loro sangue. Certamente, la buona maternità è più che accarezzare, ma il contatto fisico affettuoso riflette la maternità, quindi potrebbe esserne la causa. Il cervello giovane sembra particolarmente sensibile al carezzamento della pelle, così come a molti altri eventi piacevoli o sfavorevoli. Le azioni epigenetiche possono essere la ragione per cui questi effetti possono essere così duraturi e difficili da sradicare.

Il tuo cervello ti sta aspettando per essere accarezzato. E non solo il tuo: la prossima volta che accarezzi il tuo gatto, ricorda che ci sono buone ragioni biologiche perché gli piace così tanto.

Solutions Collecting From Web of "Perché tu (e il tuo gatto) ti piacciano"