Perché trattiamo i cani molto meglio di come trattiamo i lupi?

Permettimi di essere chiaro: i cani non sono lupi. Un cane non è "un lupo travestito da pecora"; i cani non ricorrono ai lupi quando sono selvaggi; un lupo portato a casa non può essere trasformato in un cane.

Le specie divergevano almeno decine di migliaia di anni fa, e forse oltre centomila anni, quando un lontano antenato del lupo attuale cominciò ad affiliarsi con gli umani. L'attuale lupo grigio, il Canis lupus e il cane domestico, Canis familiaris , sono certamente imparentati e possono anche incrociarsi, ma sono fisicamente e comportamentalmente distinguibili in molti modi.

D'altra parte, per quanto laviamo e asciughiamo i nostri cani, tutte le volte che li vestiamo (tragicamente) con costumi di Halloween e impermeabili, i cani sono ancora animali. E l'allusione al patrimonio lupo dei cani è comunemente fatta. Molti addestratori di cani si riferiscono al comportamento del lupo nello spiegare le vite sociali dei cani. * L'acuità sensoriale dei cani è stata ereditata dai lupi; un certo numero di modelli comportamentali piuttosto eccitanti, come l'inseguimento incurante di una palla cigolante, sono riconducibili al loro tempo come predatori.

Sui compiti cognitivi, gli scienziati stanno attualmente confrontando le prestazioni di lupi e cani. I lupi sembrano essere più abili nei compiti di cognizione fisica – rendendosi conto che tirare una corda in avanti può dare un po 'di carne – mentre i cani sembrano svolgere meglio i compiti di cognizione sociale – usando spunti, come punti e lo sguardo, da proprietari o altri cani per scoprire come risolvere un problema. Clive Wynne e i suoi studenti hanno persino suggerito che, nel giusto contesto, i lupi possono essere piuttosto performanti anche nei compiti cognitivi sociali.

Quindi, anche se i cani non sono lupi, possiamo considerarli dei lupi durante l'allenamento; assaporiamo alcune delle loro abitudini di lupo; e i lupi sono tanto interessanti dal punto di vista cognitivo quanto i cani.

Ma questo mese due stati, l'Idaho e il Montana, daranno la caccia ai lupi – l'uccisione di un terzo delle popolazioni attuali. Per ogni gruppo familiare, ciò significa uccidere la progenie di una madre e un padre o uno dei genitori.

I lati opposti del dibattito sulla caccia ai lupi hanno fatto i loro casi prevedibili, con argomenti che non mi interessa rivedere qui. Invece, quello che mi interessa è il paradosso in gran parte indiscusso di abbracciare i cani e uccidere ("gestire" o "diradare", lo chiamiamo) lupi. Sono di nuovo stordito dalla capacità della nostra società di considerare contemporaneamente una specie preziosa e un'altra distruttiva o addirittura spazzatura. I ratti per strada sono "parassiti"; i ratti in un laboratorio sono argomenti cognitivi e medici utili; i porcellini d'India, anche i roditori, sono animali domestici carini. Le lumache sono animali domestici nelle aule di scienze delle scuole elementari; le lumache all'esterno sono parassiti che rovinano le nostre piante. E le colombe sono simboli di pace, speranza e purezza; i piccioni viaggiatori, che sono anche colombe, sono considerati sporchi (ironicamente chiamati "topi con la coda" da alcuni, presumibilmente non proprietari di porcellini d'India).

Dobbiamo a questi animali più considerazione che la classificazione istintiva.

* Come osservo nel mio libro, però, secondo gli esperti di lupi, il branco di lupi non è la gerarchia dominante dominata dalla disputa che si crede comunemente. Quindi, non dovremmo trattare i cani come se avessero bisogno di dominare!

Foto: da Budapest Canine Science Forum, luglio 2008

Nota: Marc Bekoff ha anche scritto su questo argomento, che chiama "specismo"

Solutions Collecting From Web of "Perché trattiamo i cani molto meglio di come trattiamo i lupi?"