Perché subire la chirurgia estetica?

Melies the Bunny/Flickr
Fonte: Melies the Bunny / Flickr

Perché le persone si sottopongono a interventi di chirurgia estetica? È una domanda semplice che difficilmente darà una risposta semplice.

Un ritornello comune di coloro che sono passati sotto il coltello o l'ago è "lo faccio per me stesso". Ma cosa significa veramente? Forse il paziente ha deciso di sottoporsi a un intervento chirurgico a causa dei benefici che conferisce a se stesso e non per gli effetti che potrebbe avere sugli altri, come partner o rivali romantici. "Lo faccio per me stesso" sottolinea anche il libero arbitrio del paziente: non si sente pressato in chirurgia da forze esterne, come la pressione dei pari, i media o pubblicità.

Ma è vero? Una nuova ricerca pubblicata di recente ha messo in discussione i motivi di coloro che optano per le procedure cosmetiche e suggerisce che potrebbero essere più complessi di quelli che vorrebbero ammettere.

Pubblicità onnipresente

L'immagine degli interventi cosmetici è ovunque. Passeggiando per una strada trafficata della città, sfogliando una rivista patinata o navigando su una TV via cavo, siamo inondati di pubblicità o di puff per varie procedure di abbellimento: Botox, filler, odontoiatria estetica, aumento del seno; la lista continua. A volte è difficile da ricordare, ma solo pochi anni fa molti di noi sono rimasti scioccati dall'emergere di queste pubblicità; ora sono così integrati nel nostro panorama dei media che spesso non vengono registrati. Lo stigma intorno alla chirurgia estetica è stato eroso e contemplare una procedura ora è perfettamente normale.

Ora, alcuni di voi si identificheranno con l'immagine che ho appena dipinto. Altri penseranno che sto sviluppando una linea laterale nella finzione distopica. E questo perché la quantità di annunci di chirurgia estetica che incontri dipende da dove vivi nel mondo.

Da dove vengo – il Regno Unito – queste pubblicità sono abbastanza comuni. Dove vivo attualmente, in Svizzera, raramente ne vedo. In Italia e in Francia, la pubblicità per la chirurgia estetica è completamente vietata.

Questa è una differenza che è stata notata da Eleni-Marina Ashikali dell'Università del Sussex a Brighton, nel Regno Unito. Lei e i suoi colleghi, che avevano precedentemente condotto ricerche su come la pubblicità sulla chirurgia estetica colpisse le donne britanniche, hanno deciso di condurre uno studio simile nella parte francofona della Svizzera. Il loro obiettivo: scoprire se l'atteggiamento delle donne nei confronti della chirurgia sia diverso in questa "isola" chiusa al suolo nel cuore dell'Europa.

(A proposito, ha senso iniziare investigando le donne piuttosto che gli uomini, perché nove su 10 pazienti sottoposti a interventi di chirurgia estetica sono di sesso femminile).

Rischi, ricompense e … fiori?

Ashikali ha reclutato 145 donne all'Università di Neuchâtel. Queste donne furono assegnate casualmente a quattro gruppi. Ogni gruppo di donne ha visto quattro manifesti pubblicitari, ma i poster che hanno visto erano sottilmente diversi.

Il primo gruppo ha visto pubblicità per le cliniche di chirurgia estetica con modelli femminili attraenti. Il secondo gruppo ha visto annunci identici, tranne un dettaglio: prevedevano uno sconto di "700 franchi svizzeri per la prima procedura". Gli annunci del terzo gruppo non presentavano sconti ma piuttosto un avvertimento sui potenziali rischi associati alla chirurgia: "… sanguinamento , cicatrici e infezioni. "Il quarto e ultimo gruppo, come controllo, vide annunci pubblicitari non per la chirurgia estetica ma per un'azienda di consegna di fiori.

Successivamente, le donne hanno completato un paio di sondaggi. Uno era un sondaggio sull'immagine corporea. Un altro era l' Indice delle aspirazioni , che può essere considerato una misura del materialismo: la misura in cui una persona cerca l'autostima attraverso il denaro o la popolarità piuttosto che l'affiliazione della comunità o altri fattori intrinseci.

Le donne hanno anche completato l' accettazione della scala di chirurgia estetica . Questo sondaggio include elementi come:

  • "Ha senso avere un piccolo intervento di chirurgia estetica piuttosto che passare anni a sentirsi male per come si guarda."
  • "Considererei seriamente la possibilità di sottopormi ad un intervento di chirurgia estetica se il mio partner pensasse che fosse una buona idea."
  • "Se sapessi che non ci sarebbero effetti collaterali o dolore negativi, mi piacerebbe provare un intervento di chirurgia estetica".

Gli intervistati hanno il compito di valutare quanto hanno concordato o in disaccordo con ogni affermazione. Punteggi più alti indicano che una persona pensa che la chirurgia estetica potrebbe migliorare la propria immagine di o che considererebbero sottoposti a chirurgia estetica.

I risultati dello studio hanno mostrato che le donne esposte agli annunci di chirurgia estetica erano più propense a segnalare una discrepanza tra la loro immagine corporea ideale ed effettiva: il 44% desiderava che fossero più magre e il 68% desiderava che il loro aspetto fosse in qualche modo più attraente. Tra le donne a cui sono stati mostrati gli annunci dei fioristi, solo il 21% ha dichiarato di voler sembrare più magro, mentre il 24% ha voluto cambiare qualche altro aspetto del proprio aspetto.

Quindi, la pubblicità sembrava far sentire le donne peggio di se stesse. Ma l'analisi dei risultati della scala di accettazione della chirurgia estetica ha suggerito che questa insoddisfazione non si traduceva direttamente in un desiderio di sottoporsi a un intervento chirurgico: le donne avevano la stessa probabilità di esprimere l'accettazione della chirurgia estetica, indipendentemente dal fatto che fossero state appena esposte a pubblicità di chirurgia estetica.

Questo non è ciò che i ricercatori avevano precedentemente trovato nel Regno Unito. Nel loro articolo, pubblicato sul Swiss Journal of Psychology , ipotizzano che:

Forse la minore esposizione alla chirurgia estetica in Svizzera si traduce in un maggiore stigma associato alla chirurgia estetica e le donne svizzere, pertanto, hanno meno probabilità di riferire di avere un atteggiamento positivo nei suoi confronti.

Ma questa non è l'intera storia. Quando Ashikali paragonava le donne che erano alte o basse ai valori materialistici, lei si imbatté in alcuni risultati interessanti.

Le donne materialiste e non-materialiste non erano diverse nei loro giudizi sui benefici che avrebbero avuto se fossero sottoposti a chirurgia estetica, se fossero stati appena esposti a un annuncio di chirurgia estetica . Tra le donne che erano state invece esposte alla pubblicità di un fiorista, le donne materialiste avevano maggiori probabilità di vedere benefici nella chirurgia rispetto alle donne non materialiste.

Le pubblicità sembrano rendere le donne materialiste meno entusiaste della chirurgia e le donne non materialiste più entusiaste.

Inoltre, le donne materialiste e non materialiste non erano diverse nei loro giudizi sui benefici della chirurgia quando avevano mostrato pubblicità che evidenziavano i rischi della chirurgia. Ma le donne materialiste erano più positive riguardo alla chirurgia di quanto non fossero le donne non materialiste dopo essere state mostrate pubblicitarie reclamizzando sconti monetari.

I ricercatori suggeriscono che questi risultati:

Potrebbe essere correlato alla sensibilità delle donne materialiste alle informazioni finanziarie e all'offerta di uno sconto che rende la chirurgia più allettante.

Nel Regno Unito, l'esposizione agli annunci di chirurgia estetica riduce le percezioni di una donna sui vantaggi della chirurgia, ma in Svizzera l'effetto è più sfumato. Non è possibile affermare con certezza se ciò possa davvero essere spiegato dai diversi ambienti mediatici tra i due paesi. Un'ulteriore ricerca interculturale sembrerebbe essere giustificata. Sembra che una gita in Francia o in Italia sia in ordine …

Andando avanti nel mercato degli accoppiamenti

Uno dei maggiori vantaggi della chirurgia estetica è il miglioramento dell'aspetto. Se così non fosse, nessuno spenderebbe i soldi o passerebbe attraverso il dolore associato a queste procedure.

La maggior parte di noi preferirebbe essere più che meno attraente dei nostri coetanei perché l'attrattiva conferisce tutti i tipi di benefici, inclusa la capacità di competere per i partner di maggior valore.

Ma non cessiamo gli sforzi per migliorare il nostro aspetto non appena abbiamo un partner sicuro. Come sapranno i lettori abituali di questo blog, gli esseri umani sono motivati ​​a mantenere un partner altrettanto – se non di più – di quanto siano motivati ​​ad acquisire un partner.

Questa realizzazione ha portato una squadra di ricercatori statunitensi e iraniani a testare una questione controversa. I risultati della loro inchiesta sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Frontiers in Psychology .

Mohammad Atari dell'Università di Teheran, l'autore principale dello studio, si chiedeva se le donne potessero sottoporsi a procedure cosmetiche come un modo per mantenere i loro compagni. Egli ha teorizzato che gli uomini non sarebbero ugualmente motivati ​​perché l'attrattiva degli uomini come partner è meno dipendente dal loro aspetto fisico di quello delle donne.

Chirurgia estetica a beneficio del partner?

Atari e i suoi colleghi si sono avvicinati a uomini e donne per le strade di Teheran. Duecento uomini e donne che avevano un partner hanno accettato di partecipare. Ognuno di loro ha completato l' accettazione della scala di chirurgia estetica e l' inventario di conservazione del compagno . Quest'ultimo è una misura della frequenza con cui una persona distribuisce varie tattiche che possono mantenere intatta la loro relazione. Queste tattiche includono i cosiddetti comportamenti di erogazione dei benefici, come dare i regali ai partner e comportamenti che comportano costi, come insultare o aggredire il partner.

Atari ha scoperto che le donne erano più propense a prendere in considerazione la possibilità di sottoporsi a interventi di chirurgia estetica, anche se spesso eseguivano comportamenti di ritenzione dell'accudimento del coniuge . Tuttavia, contrariamente alle aspettative, non ha trovato un nesso tra i comportamenti di contenimento e l'atteggiamento nei confronti della chirurgia. Quindi, le donne che svolgono comportamenti piacevoli ma non cattivi per mantenere forti le loro relazioni sono anche più propense a prendere in considerazione un intervento chirurgico, forse nella speranza che il loro aspetto migliore possa attrarre maggiormente il loro partner.

Come previsto, non vi era alcun legame tra l'atteggiamento nei confronti della chirurgia estetica e la ritenzione dell'accoppiamento negli uomini.

I ricercatori affermano che:

Questi risultati indicano che le donne considerano più generalmente la chirurgia estetica come un mezzo per mantenere i loro compagni a lungo termine migliorando la loro attrattiva fisica.

A prima vista, questo può sembrare vero. Ma, come Atari e colleghi concedono:

È possibile che la direzione della causalità possa essere invertita in modo tale che la propensione a migliorare l'aspetto fisico possa influenzare la segnalazione di diversi comportamenti di ritenzione dell'accoppiamento.

Cioè, non sappiamo se le attitudini alla chirurgia estetica inducano una donna a svolgere più comportamenti di ritenzione dell'accumulo, o se l'esecuzione di più comportamenti di ritenzione dell'accoppiamento induce una donna a migliorare il suo atteggiamento nei confronti della chirurgia estetica.

È anche possibile che la volontà di sottoporsi a interventi di chirurgia estetica non abbia nulla a che fare con la ritenzione dei coniugi, e che entrambi i tratti siano legati ad alcune altre caratteristiche: che ne dici, per amor di discussione, del materialismo?

Forse sarebbe utile condurre uno studio in cui le donne sono innescate per sentirsi più positivamente o negativamente sulla chirurgia plastica e quindi misurare il loro comportamento di ritenzione degli accoppiamenti. Questo studio sperimentale fornirebbe prove più chiare di causalità, se esiste.

Una combinazione dei metodi usati in questi due studi da Ashikali e da Atari potrebbe in qualche modo rispondere a questa domanda apparentemente semplice: perché le persone si sottopongono a interventi di chirurgia estetica?

Solutions Collecting From Web of "Perché subire la chirurgia estetica?"