Perché sposarsi, o persino farsi un broncio, può ridurre il rischio di dipendenza

Lo slogan "Abbracci, non droghe" ora ha un po 'di peso scientifico aggiunto.

Uno studio dell'ultimo numero di The Journal of Neuroscience dimostra che essere in una relazione romantica costante e solidale può proteggere dalla dipendenza.

I soggetti dello studio erano le arvicole delle praterie, non gli umani, anche se questo non è un motivo per scartare automaticamente i risultati. Le arvicole da prateria sono state a lungo usate come modello animale per le relazioni umane. Come gli umani, tendono a formare legami di coppia a lungo termine, spesso per tutta la vita (anche se, come gli umani, a volte imbrogliano). Le coppie di solito si comportano come sposi novelli, si coccolano e si toccano a vicenda, e costruiscono una vita insieme di responsabilità condivise per la casa e l'educazione dei figli.

I ricercatori della Florida State University hanno deciso di indagare se lo stato della relazione influenzava il modo in cui le praterie maschili rispondevano alla metanfetamina altamente tossicodipendente. Introdussero la droga sia alle praterie che erano ancora vergini, e non ancora legate a un compagno, sia alle arvicole che avevano stabilito una relazione (per lo più) monogama.

Le arvicole della prateria accoppiate alla coppia erano meno interessate al farmaco in generale. Solo le vergini non legate erano disposte a trascorrere del tempo in una gabbia spaventosa per avere accesso alla metanfetamina. (Non un paragone negativo per la controparte umana di aggirarsi in un quartiere impreciso per segnare.)

Quindi i ricercatori hanno osservato come il cervello delle arvicole della prateria rispondeva alla somministrazione diretta del farmaco. Il cervello delle arvicole non legate ha risposto con entusiasmo, aumentando l'attività della dopamina nel nucleo accumbens. Il rilascio di dopamina in questa regione è noto per essere un meccanismo chiave attraverso il quale una sostanza – alcol, nicotina, cocaina o cibo – diventa coinvolgente. Ma è successo il contrario nel cervello delle arvicole incollate. I loro recettori della dopamina divennero meno reattivi. Era come se il cervello si stesse proteggendo dal rischio di dipendenza. Ricerche precedenti hanno dimostrato che la dopamina svolge un ruolo fondamentale nella formazione di legami di arvicola da prateria; l'accoppiamento è come una droga in sé, e forse una che modella per sempre le ricompense a cui il cervello risponde.

Quali sono le implicazioni per gli umani? Sono abbastanza sicuro che non è per assicurarsi che tutte le giovani vergini maschi vengano scopate, anche se suppongo che non sia una conclusione impossibile da questi dati. I ricercatori suggeriscono una presa diversa: i legami sociali possono ridurre il rischio di dipendenza, specialmente i legami di supporto che si trovano nelle relazioni a lungo termine. Ciò è coerente con la precedente ricerca umana, che ha dimostrato che sia il sostegno sociale percepito che lo stile di attaccamento degli adulti – quanto si sentano sicuri nelle relazioni intime – prevedono la prevalenza per tutta la vita dell'abuso di sostanze. Minore supporto sociale e minore sicurezza delle relazioni, maggiore è il rischio di dipendenza.

Quindi: abbracci, non droghe? Per me va bene; per lo meno, potrebbe rendere più facile "Basta dire di no".

Studi menzionati:

Aragona BJ et al. (2003). Un ruolo critico per il nucleo accumbens della dopamina nella formazione di preferenza del partner nelle arvicole di prateria maschile. The Journal of Neuroscience, 23, 3483-90.

Caspers KM et al (2005). Contributi dello stile di attaccamento e del supporto sociale percepito all'uso illimitato di sostanze illecite. Behaviors addictive 30, 1007-11.

Lui Y et al. (2011). Il legame sociale diminuisce le proprietà gratificanti dell'anfetamina attraverso un meccanismo mediato dal recettore D1 della dopamina. The Journal of Neuroscience, 31, 7960-66.

Solutions Collecting From Web of "Perché sposarsi, o persino farsi un broncio, può ridurre il rischio di dipendenza"