Perché siamo collegati a Binge-Watch TV

In questa epoca di microblogging, smartphone che distraggono, tweet di 140 caratteri e multitasking compulsivo, sembra un po 'indietro che uno dei principali hobby post-lavoro dei giovani adulti sia di diventare completamente assorto per ore e ore nelle complicate trame del gioco. di Troni, Breaking Bad e House of Cards .

Un nuovo tipo di consumatore si è evoluto negli ultimi anni: il figlio amoroso di Couch Potato e Channel Surfer, cresciuto da dispositivi di streaming e nutrito da intere stagioni di spettacoli disponibili con un clic di un telecomando.

Per pochi dollari al mese, gli abbonati a Netflix, Hulu Plus e Amazon Instant Video hanno accesso a migliaia di film in streaming e programmi TV, tutti aggiornati regolarmente. E con la nuova funzionalità postplay di Netflix, che spinge gli spettatori a giocare al prossimo episodio proprio mentre i titoli di coda dell'ultimo film iniziano a girare, è più facile che mai soccombere all'appello di Walter White e Frank Underwood.

La nascita del binge-watcher è stata uno sviluppo intrigante e inaspettato negli ultimi cinque anni. Le neuroscienze, si scopre, possono parzialmente spiegare il fenomeno.

Lo psicologo britannico Edward B. Titchener (1867-1927) potrebbe aver sostenuto che noi siamo incollati a storie complesse e cariche di emozioni a causa della nostra capacità di riconoscere i sentimenti degli altri. Un fenomeno recentemente identificato all'epoca, Titchener coniò il termine empatia nel 1909. Oltre a identificare il disagio o l'euforia degli altri, "l'empatia cognitiva" esamina come gli umani possono anche adottare le prospettive psicologiche degli altri, compresi quelli dei personaggi immaginari. È uno stato emotivo così universale che anche i test psicologici (attraverso l'uso di marionette, immagini e video) sono stati sviluppati per studiare l'empatia nei bambini in età prescolare.

Neuroeconomista Paul Zak della Claremont Graduate University si è proposto di esaminare la scienza dell'empatia nella narrazione. Ha mostrato ai partecipanti un video su un ragazzo con cancro terminale, apparentemente gioioso e completamente inconsapevole del suo destino. Abbiamo anche la prospettiva del padre. Anche se cerca di godersi i suoi ultimi mesi con suo figlio, trova impossibile essere felice.

Zak ha scoperto che i soggetti esibivano comunemente due emozioni dopo aver visto il video: angoscia ed empatia. Quando un campione di sangue è stato prelevato dai partecipanti prima e dopo la visione, entrambi i livelli di cortisolo (un ormone dello stress) e ossitocina (un ormone associato a connessione umana e cura) erano più alti dopo il video. Mentre il cortisolo correlava con le valutazioni di sofferenza, c'era una forte relazione tra ossitocina e sentimenti empatici.

Dopo aver visto il video, ai partecipanti è stata anche data l'opportunità di donare denaro a un estraneo in laboratorio, così come a un ente di beneficenza che aiuta i bambini malati. In entrambi i casi, la quantità di cortisolo e ossitocina rilasciata prevedeva quante persone erano disposte a condividere. Zak ha concluso che questi sentimenti empatici (che anche noi apparentemente agiscono) sono la prova delle nostre compulsioni come esseri sociali, anche di fronte a una narrativa fittizia.

Quindi è chiaro che gli umani si connettono emotivamente con le storie dei loro parenti. Ma cosa spiega l'abbuffata? O perché, secondo Netflix, tre dei quattro spettatori che hanno trasmesso la prima stagione di Breaking Bad sulla sua piattaforma hanno completato tutti e sette gli episodi in una sola sessione?

Lo psicologo Uri Hasson della Princeton University ha aperto la strada al nuovo campo della neurocinematologia, lo studio di come TV e film interagiscono con il cervello. In uno studio del 2008, lui e colleghi hanno osservato le immagini cerebrali dei partecipanti tramite fMRI mentre mostravano quattro video di: Curb Your Enthusiasm di Larry David ; Il buono, il brutto e il cattivo di Sergio Leone ; Bang di Alfred Hitchcock ! Sei morto; e un video one-shot di 10 minuti, inedito, di un concerto della domenica mattina al Washington Square Park di New York.

Hasson voleva determinare la correlazione intersoggettiva (ISC) tra i cervelli di tutti gli spettatori per esaminare come avrebbero reagito allo stesso modo mentre guardavano queste quattro clip molto diverse. Il video del Washington Square Park ha evocato una risposta simile in tutti gli spettatori in solo il 5% della corteccia, mentre Curb Your Enthusiasm e The Good, The Bad and the Ugly sono arrivati ​​rispettivamente al 18% e al 45%. Il film di Alfred Hitchcock, tuttavia, ha suscitato un ISC del 65%.

In altre parole, rispetto alle altre clip, Bang! You're Dead è stato in grado di coordinare le risposte di molte diverse regioni del cervello, risultando in risposte simultanee "on" e "off" tra i partecipanti nel 65 percento del cervello. Hasson ha concluso che più "controlla" la clip, in altre parole, mostrando all'osservatore esattamente ciò a cui dovrebbero prestare attenzione, più il pubblico è concentrato.

Mentre la clip in un solo colpo consente agli spettatori di partecipare a qualsiasi cosa trovino interessante, Hitchcock era un maestro nell'orchestrare tutto: cosa stai guardando, cosa stai pensando, come ti senti e cosa prevedi verrà dopo . In modo simile, gli odierni sceneggiatori e registi televisivi coinvolgono gli spettatori di tutto il mondo con i flash-forward di Lost; l'orribile azione di Game of Thrones; e gli inquietanti scambi tra Gus Fring e Walter White di Breaking Bad .

In uno studio di Harris Interactive per conto di Netflix pubblicato a dicembre, il 61% di 1.500 intervistati online ha dichiarato di guardare Netflix ad intervalli regolari (definito, modestamente, guardando almeno due o tre episodi successivamente ogni poche settimane). Tre quarti di loro hanno riferito di avere sentimenti positivi riguardo al comportamento.

Netflix ha inviato l'antropologo culturale Grant McCracken nelle case degli streamer della TV per saperne di più. McCracken ha scoperto che il 76% ha riferito di abbuffate come un rifugio accogliente dalle loro vite indaffarate, e quasi 8 su 10 hanno concordato sul fatto che guardare un programma televisivo è stato più piacevole che guardare singoli episodi. Nonostante il nostro frenetico stile di vita digitale e le interazioni sociali di 140 caratteri, McCracken ha concluso che in realtà desideriamo ardentemente la lunga narrativa che le migliori serie televisive di oggi possono offrire. Invece di affrontare gli stress della nostra vita attraverso la suddivisione in zone, preferiremmo diventare immersi in un mondo completamente diverso (e immaginario).

Un nuovo rapporto mostra che l'americano medio guarda più di cinque ore di televisione al giorno, nello stesso tempo in cui abbiamo appreso quanto lentamente ci stia uccidendo e che il tempo sedentario in età avanzata mette a rischio significativo la disabilità.

Per assicurarti di non abbuffarti e di sederti ad occhi aperti mentre ti guardi con la baldoria, forse potresti fare ciò che Claire Underwood ha fatto per Frank e creare un piccolo vogatore elegante davanti al tuo schermo. Perché per gli stessi motivi per cui siamo cablati alla binge-watch TV, anche i nostri cervelli bramano un buon allenamento.

Non riesci a prendere abbastanza Brain Babble ? Segui Jordan su Facebook, Twitter o dai un'occhiata al suo sito web.

Una versione di questo è stata originariamente pubblicata su The Conversation UK.

Credito immagine: Aaron Escobar, Pete Souza, Bryan Gosline (Wikimedia Commons)

Hasson, U., O. Landesman, B. Knappmeyer, I. Vallines, N. Rubin e DJ Heeger. Neurocinematics: the Neuroscience of Film. Proiezioni 2 (1): 1-26 (2008).

Zak, PJ, AA Stanton e S. Ahmadi. L'ossitocina aumenta la generosità negli esseri umani. PLOS ONE 2 (1): e1128 (2007).

Solutions Collecting From Web of "Perché siamo collegati a Binge-Watch TV"