Perché scegliere la chirurgia estetica?

by Laura Weis with permission
Fonte: a cura di Laura Weis

Ci sono vari motivi per cui le persone scelgono di sottoporsi a chirurgia plastica. Il primo è a causa di un incidente, un difetto di nascita, una malattia o una ferita di guerra. In un certo senso sono stati sfigurati, il che ha un impatto molto negativo sulla loro vita e credono e sperano che la chirurgia plastica ridurrà la loro difficoltà, imbarazzo e sofferenza. Il secondo è cosmetico, nel senso che è progettato per migliorare l'attrattiva nelle persone che sentono alcuni aspetti del loro corpo (dimensioni e forma del seno, naso, labbra, linee sul viso) potrebbero essere cambiati e migliorati per renderli più attraenti per altri.

Conosciamo tutti il ​​ruolo dell'attrattiva nella società occidentale. Le persone vengono trattate in modo diverso in base a quanto fisicamente attraenti sono percepite come tali. I bambini e gli adulti attraenti sono generalmente giudicati e trattati in modo più positivo rispetto ai bambini e agli adulti meno attraenti, anche dalle persone che li conoscono. L'elenco delle conseguenze dell'essere attraente o poco attraente è lungo e scioccante. Le persone attraenti hanno più probabilità di essere selezionate per tutti i tipi di posizioni e meno probabilità di essere deselezionate o punite rispetto alle persone attraenti

Varie caratteristiche del viso sono importanti determinanti dell'attrattività, ad esempio, naso e mento piccoli, e gli occhi grandi sono considerati caratteristiche attraenti per le donne. Non sorprende quindi che le persone cerchino un mezzo per alterare il loro aspetto per conformarsi agli ideali sociali di attrattiva.

La chirurgia estetica riguarda la manutenzione, il restauro o la valorizzazione del proprio aspetto fisico attraverso tecniche chirurgiche e mediche ". L'American Society for Aesthetic Plastic Surgery ha registrato un aumento del 446% nelle procedure cosmetiche dal 1997 e un aumento complessivo dell'8% nel 2007, con un aumento del 17% negli uomini sottoposti a chirurgia estetica.

Analogamente, l'Associazione britannica dei chirurghi plastici ha registrato un aumento del 35% delle procedure eseguite dai suoi membri dal 2004 al 2005. Con l'aumento della prevalenza, dell'accessibilità e dell'evoluzione della chirurgia estetica nella società occidentale, sta diventando sempre più rilevante esplorare i vari ragioni esterne che causano alle persone un intervento di chirurgia estetica Questo recente aumento è probabilmente dovuto alla disponibilità di chirurghi plastici, all'influenza dei media, agli interessi evolutivi e ai fattori personali relativi al paziente. I progressi tecnologici nella chirurgia estetica lo hanno reso più sicuro e meno invasivo, con tempi di recupero più rapidi, oltre a ridurre i costi delle procedure. Molte persone sono diventate meno ansiose e più disposte a considerare e accettare la chirurgia estetica come una possibile opzione per alterare il loro aspetto fisico.

attrattività:

Una volta si diceva dell'attrattiva, come un giudice ha detto una volta della pornografia, che è difficile da spiegare ma facile da riconoscere. Abbiamo tentato di definire ciò che rende una persona fisicamente attraente per generazioni. Gli antichi greci, ad esempio, credevano che la bellezza fosse una questione di avere le giuste proporzioni matematiche. Tuttavia per il filosofo David Hume esiste semplicemente nella mente che li contempla; e ogni mente percepisce una bellezza diversa. L'idea che la bellezza sia negli occhi di chi guarda – che persone diverse hanno idee diverse sulla bellezza e quindi non sono d'accordo su chi è, e chi no, bella – è stata per molto tempo la visione dominante in gran parte della filosofia e dell'arte .

In contrasto con la visione soggettiva della bellezza, tuttavia, gli psicologi hanno sostenuto che potrebbero esserci criteri di attrattiva definiti oggettivamente. I teorici della socializzazione, ad esempio, enfatizzano gli effetti sui giudizi di bellezza delle norme sociali e culturali e sottolineano l'idea che gli stereotipi sociali come il bias "l'attrattiva è buona" creano la loro realtà. Un'idea diversa che è attualmente molto popolare nei circoli sia laici che scientifici è che la bellezza è un indice affidabile di salute e fertilità. Questa è la visione psicologica evolutiva dell'attrattiva umana.

Nella visione psicologica evolutiva della storia umana, il problema centrale di accoppiamento per gli uomini era l'inseminazione delle femmine fertili, mentre il problema centrale per le donne era ottenere "buoni geni" da maschi di alta qualità e forse qualche approvvigionamento e protezione da parte dei genitori. Per gli psicologi evolutivi, questi rimangono i problemi centrali per uomini e donne oggi. Sotto la rubrica delle strategie sessuali, hanno postulato insiemi integrati di comportamenti che organizzano e guidano lo sforzo riproduttivo di un individuo.

Le donne, si dice, scelgono i maschi in base al loro alto status e alla loro capacità di fornire risorse alla loro prole. Di conseguenza, gli uomini si sforzano di acquisire più risorse di altri uomini per attirare le donne e le donne sviluppano le preferenze per vari segnali negli uomini che segnalano il possesso o la probabilità di acquisire risorse. D'altra parte, tra le caratteristiche che gli uomini guardano sono la giovinezza e l'aspetto fisico. Secondo questa idea, gli antenati umani dovevano valutare le donne per la loro giovinezza e salute, ma potevano basarsi solo su tali segnali come la pelle chiara, i tratti del viso "da bambino", una particolare forma del corpo o altre caratteristiche che indicavano una buona salute.

Questo modello psicologico evolutivo aiuta a dare un senso a molte delle scoperte empiriche della psicologia sociale sperimentale. Ad esempio, uomini di diverse culture hanno dimostrato di favorire le donne giovani. Se tali preferenze sono il risultato di meccanismi ereditari, allora gli uomini sembrerebbero essere "cablati" per scegliere partner riproduttivi la cui fertilità giovanile offre le migliori possibilità di riproduzione dei profili genetici.

Caratteristiche attraenti nelle donne e ragioni evolutive dietro a queste

Gioventù: le giovani donne sono preferite dagli uomini in quanto hanno un maggiore valore riproduttivo rispetto alle donne anziane. Ciò si riferisce al numero previsto di bambini che deve ancora avere nella sua carriera riproduttiva. Gli psicologi evoluzionisti propongono che questa sia la ragione per cui i maschi sono attraenti per le giovani donne, nonostante la preoccupazione nella società civile con l'età del consenso. Tuttavia, i nostri antenati non si sono scontrati con tali leggi, e quindi il cervello umano ha difficoltà a comprendere queste regole che non erano esistite in precedenza – e i maschi sono quindi attratti dalle giovani donne. Una grande quantità di chirurgia plastica è design per "invertire i segni dell'invecchiamento". Quindi sollevatori del viso e vari "piegamenti e piegamenti" diventano sempre più popolari.

Forma: vita piccola, buone curve: i famosi 36-24-36 sono considerati le misure ideali di una donna. Gli uomini preferiscono universalmente un rapporto vita-fianchi (il rapporto tra la circonferenza della vita e la circonferenza dei fianchi) di 0,7. Perché? È stato suggerito che questo è dovuto al fatto che le donne sane hanno rapporti vita-fianchi più bassi rispetto alle donne sane. Malattie come diabete, ipertensione e ictus cambiano la distribuzione del grasso corporeo, aumentando i rapporti vita-fianchi. Anche le donne con rapporti vita-fianchi più bassi sono più fertili, poiché hanno una maggiore quantità di ormoni riproduttivi. È interessante notare che il rapporto fluttua durante il ciclo mestruale, essendo al minimo durante l'ovulazione, quando una donna è più fertile. Gli uomini stanno inconsciamente cercando donne più sane e fertili.

Seni: i seni più grandi e così più pesanti si afflosciano più evidentemente con l'età rispetto a quelli più piccoli, rendendo più facile per un uomo giudicare l'età di una donna. Nell'ambiente ancestrale non c'erano calendario e concetto di compleanni e quindi le donne non tenevano traccia della loro età. I seni più grandi erano quindi una base migliore per giudicare l'età e, quindi, il valore riproduttivo. Tuttavia, c'è un'ipotesi in competizione. Un recente studio sulle donne polacche ha rilevato che quelli con il seno grande e la vita bassa erano i più fertili, in base al livello dei loro ormoni riproduttivi. Può essere che gli uomini preferiscano le donne con il seno grande per lo stesso motivo per cui hanno una preferenza per le donne con vita bassa. Certamente il "lavoro da tette" sembra essere sempre popolare tra le giovanissime.

La crescente consapevolezza di questo bias di bellezza è in parte responsabile dell'aumento del numero di persone che alterano il loro aspetto attraverso procedure cosmetiche. Questa consapevolezza può far sì che alcuni individui attribuiscono la loro bassa soddisfazione di vita al loro aspetto fisico e cercano di conseguenza un'alterazione cosmetica. Relativo alla soddisfazione della vita è l'autostima, che gli studi precedenti hanno dimostrato di essere negativamente associato con la probabilità di avere chirurgia estetica. In questo senso le persone usano la chirurgia estetica come stimolo di stima

La decisione di cercare la chirurgia plastica ha recentemente attirato molta attenzione e ricerca accademica. Sappiamo che le donne hanno più probabilità di sottoporsi a interventi di chirurgia estetica rispetto agli uomini e che gli uomini più anziani segnalano meno desiderio di sottoporsi a interventi di chirurgia estetica rispetto agli uomini più giovani Una questione centrale per gli psicologi è quali fattori sono i più comuni e potenti predittori del perché una persona cerca un intervento chirurgico che è costoso e potenzialmente potenzialmente letale. Hanno esaminato i fattori di personalità insoddisfazione del corpo, aspetto fisico, prendere in giro (essere preso in giro su specifiche parti del corpo), e l'influenza dei media (sentirsi sotto pressione per apparire come persone nei media) che hanno tutti dimostrato di essere collegati al desiderio di avere chirurgia plastica. I primi studi, che sono stati confermati, hanno mostrato che il miglior predittore di interesse nell'ottenere la chirurgia estetica è l'insoddisfazione del corpo

La maggior parte degli studi che esplorano le ragioni che si possono avere per intraprendere interventi di chirurgia estetica si è concentrata sui campioni dei pazienti. C'è una notevole negligenza nella ricerca sui campioni non-pazienti. L'esposizione mediatica e l'esperienza vicaria hanno predetto una maggiore probabilità di subire interventi di chirurgia estetica.

Il crescente numero di programmi televisivi riguardanti la chirurgia estetica, sia di fatto che di fantasia, ha aumentato la consapevolezza del pubblico sui benefici che può offrire e ha integrato la consapevolezza della società sulle procedure cosmetiche. Certamente la televisione di realtà della chirurgia estetica gioca un ruolo significativo nelle percezioni e nei processi decisionali dei pazienti operati dalla chirurgia estetica. I pazienti che osservano una quantità considerevole di spettacoli di realtà di chirurgia estetica hanno riferito di avere una maggiore influenza da parte della televisione e dei media per sottoporsi a interventi di chirurgia estetica, rispetto agli osservatori a bassa intensità. I telespettatori ad alta intensità si sono fatti più informati sulla chirurgia estetica in generale e hanno ritenuto che la televisione di realtà estetica fosse più simile alla vita reale. La crescente consapevolezza di questo bias di bellezza è in parte responsabile dell'aumento del numero di persone che alterano il loro aspetto attraverso procedure cosmetiche. Questa consapevolezza può far sì che alcuni individui attribuiscono la loro bassa soddisfazione di vita al loro aspetto fisico e cercano di conseguenza un'alterazione cosmetica.

Molti studi dimostrano che la soddisfazione di vita e l'autostima sono associati negativamente alla probabilità di sottoporsi a interventi di chirurgia estetica. Gli individui con bassa autostima possono essere più disposti ad avere un'alterazione estetica per migliorare le proprie auto-percezioni, aumentando così la loro autostima, anche se non è chiaro se ciò accadrà effettivamente. Inoltre, la crescente consapevolezza del bias di bellezza può indurre gli individui a attribuire in parte la loro bassa soddisfazione di vita al loro aspetto fisico. Gli individui con bassa soddisfazione di vita e autostima possono sottoporsi a interventi di chirurgia estetica poiché ritengono di essere trattati in modo diverso a causa della loro apparizione più attraente, migliorando così la loro autostima e qualità della vita. Gli individui con autostima eccezionalmente bassa e bassa soddisfazione di vita possono infatti soffrire di depressione, il che significa che la terapia cognitiva, al contrario della chirurgia estetica, sarà più vantaggiosa.

La maggior parte dei chirurghi plastici è acutamente consapevole dei pazienti la cui speranza per gli effetti della chirurgia è irrealistica e che potrebbe, nel tempo, portare a controversie e aumento della depressione. Questo è il punto in cui arriva la valutazione psicologica in quanto è molto importante sapere perché la gente vuole un intervento di chirurgia estetica e quali sono le sue aspettative su come cambierà la propria vita senza altre credenze o modifiche comportamentali

Alcuni riferimenti ai miei documenti nell'area

Brown, A., Furnham, A., Glanville, L., & Swami, V. (2007). Fattori che influenzano la probabilità di subire interventi di chirurgia estetica. Rivista di chirurgia estetica, 27 : 501-508.

Furnham A, & Levitas J. (2012). Fattori che motivano le persone a sottoporsi a interventi di chirurgia estetica. Canadian Journal of Plastic Surgery, 20, 47-50

Swami, V., Arteche, A., Chamorro-Premuzic, T., Furnham, A., Stieger, S., Haubner, T., e Vorcek, M. (2008). Bello: i fattori che influenzano la probabilità di sottoporsi a interventi di chirurgia estetica. European Journal of Plastic Surgery, 30 : 211-218.

Swami, V., Chamorro-Premuzic, T., Bridges, S. & Furnham, A. (2009). Accettazione della chirurgia estetica: predittori di differenza di personalità e individuali. Immagine corporea , 6: 7-13.

Alcune delle domande che abbiamo utilizzato negli studi per determinare l'atteggiamento nei confronti della chirurgia estetica

1. Ha senso avere un piccolo intervento di chirurgia estetica piuttosto che passare anni a sentirsi male nel modo in cui si guarda.
2. La chirurgia cosmetica è una buona cosa perché può aiutare le persone a sentirsi meglio con se stesse.
3. In futuro, potrei finire per avere qualche tipo di chirurgia estetica.
4Le persone che sono molto insoddisfatte del proprio aspetto fisico dovrebbero considerare la chirurgia estetica come un'opzione.
5. Se la chirurgia estetica può rendere qualcuno più felice con il loro aspetto, allora dovrebbero provarlo.
6.Se potrei fare una procedura chirurgica gratuitamente, prenderei in considerazione la possibilità di provare un intervento di chirurgia estetica.
7. Se sapessi che non ci sarebbero effetti collaterali negativi del dolore, mi piacerebbe provare un intervento di chirurgia estetica.
8. A volte ho pensato di fare un intervento di chirurgia estetica.
9. Prenderò seriamente in considerazione la possibilità di sottopormi ad un intervento di chirurgia estetica se il mio partner pensasse che fosse una buona idea.
10 .. Non avrei mai avuto alcun tipo di chirurgia plastica.
11. Penserei di fare un intervento di chirurgia estetica per continuare a sembrare giovane.
12. Se fosse vantaggioso per la mia carriera, penserei alla chirurgia plastica.
13. Prenderò seriamente in considerazione l'opportunità di un intervento chirurgico se pensassi che il mio partner potrebbe trovarmi più attraente.
14. La chirurgia cosmetica può essere un grande beneficio per l'immagine di sé delle persone.
15. Se una semplice procedura cosmetica mi rendesse più attraente per gli altri, penserei di provarlo.

Solutions Collecting From Web of "Perché scegliere la chirurgia estetica?"