Perché rinunciamo a tutto, solo per avere ragione!

L'altro giorno, mentre stavo passeggiando per il parco, ho deciso di praticare la consapevolezza, ascoltare i miei pensieri e prestare attenzione, di proposito, a ciò che la mia mente mi stava dicendo in quel momento. Quello che scoprii fu che la mia mente stava generando un'intera campagna di pensieri che spiegava, precisamente, perché mio marito aveva torto a fare quello che faceva e, naturalmente, perché avevo ragione. I miei pensieri erano molto chiari e concisi, abbastanza convincenti (se lo dico anch'io) nel loro caso per la mia correttezza e la mia storia della verità.

Hai mai notato, quando sei in disaccordo con qualcuno o hai vissuto un conflitto di qualche tipo, che passi un sacco di tempo a spiegare e difendere la tua versione della storia, ripercorrendo ciò che è realmente accaduto, spiegando perché hai ragione. E tu fai tutto questo spiegando, dimostrando, a te stesso. Dentro le nostre teste, stiamo costantemente spiegando perché abbiamo ragione e difendendo la nostra versione della storia. Andiamo più e più volte perché l'altra persona è la colpa e qual è la verità. Trascorriamo molte delle nostre vite presentando il nostro caso a una giuria immaginaria, in un tribunale immaginario, il tutto avviene all'interno delle nostre stesse teste.

Vi siete mai chiesti, a chi stiamo presentando il caso della nostra correttezza? E cosa speriamo / crediamo che accadrà se la nostra giuria immaginaria riterrà la nostra versione della verità "corretta"?

Usiamo la narrazione della nostra correttezza, la continua difesa interna della nostra verità, come un modo per stare lontano da ciò che sentiamo realmente. Mentre passeggiavo per il parco quel giorno, guardavo oltre i pensieri che mi stavano parlando, oltre il mio caso per la verità, per vedere quale fosse la mia attenzione su questa storia che mi permetteva di non sentirmi – di stare lontano . Ho guardato per vedere cosa c'era sotto il fervore ansioso per dimostrare il mio caso su ciò che è realmente accaduto. Ero quindi in contatto con profonda incredulità, impotenza, rabbia e dolore. Quando ho smesso di costruire una spiegazione e un'interpretazione, una storia di colpa e innocenza, ho scoperto i miei veri sentimenti. I nostri pensieri, e in particolare i nostri pensieri sul motivo per cui abbiamo ragione nel sentirci come facciamo, ci permettono di non sentirci come facciamo noi.

Inoltre, quando smettiamo di impegnarci nella difesa della nostra correttezza della mente, accade qualcosa di interessante e meraviglioso: possiamo entrare nel momento presente. Quando ho smesso di prestare attenzione al mio racconto sulla verità, ripetendo la mia interpretazione di quello che stava succedendo a mio marito, improvvisamente ho notato di nuovo il vento, gli alberi, i cani, il cielo … Ero di nuovo nel parco in cui stava camminando; Sono tornato nella mia vita. Quando tornai a casa quella sera, avendo scelto di non passare la giornata a rafforzare la mia mente per la mia correttezza e l'errore di mio marito, a non mettere la mia attenzione per scrivere la mia storia della verità, la mia verità, potrei quindi incontrare mio marito, era in quel nuovo momento e come ero con lui in quel nuovo momento. Potrei incontrare un nuovo ora. Poiché avevo scelto di non inserire il nuovo ora in una vecchia verità, non di inserire mio marito o me in una realtà che avevo costruito e solidificato nella mia mente, poteva accadere qualcosa di nuovo e inaspettato. Potrebbe esserci qualcosa di diverso da ciò che avevo raccontato; Potevo sentirmi diversamente, poteva sentirsi in modo diverso, potevamo sentirci diversamente, potevamo essere diversi. Entrando nel momento senza una verità già scritta, la vita potrebbe cambiare ed evolvere.

Provalo per un giorno, come un esperimento. Astenersi dal nutrire il caso della tua mente per la tua correttezza e l'ingiustizia degli altri; allontanati dai pensieri che abitualmente difendono e spiegano la tua versione della verità. Mentre lo fai, nota se qualcosa in te o una tua identità si sente minacciata quando lasci cadere il caso. Invece di immergerti nella narrazione della tua mente e tornare a impegnarti nella tua difesa, usa la tua consapevolezza come un invito a indagare sulla tua esperienza: come ti senti, cosa c'è davvero, e come stai con ciò che sta accadendo. Allo stesso tempo, notate se, senza la narrativa in corso, la situazione e le persone in essa hanno più spazio per cambiare ed evolvere, e se siete più disponibili e presenti nel momento, più consapevoli di ciò che contiene. Ancora più importante, quando smetti di dirti cosa è vero, nota se una nuova verità può effettivamente emergere.

Used with permission from Flikr/Creative Commons/Flikr
Fonte: usato con il permesso di Flikr / Creative Commons / Flikr

Solutions Collecting From Web of "Perché rinunciamo a tutto, solo per avere ragione!"