Perché registrare felicità ogni giorno potrebbe renderti infelice

kimberrywood / Shutterstock

Sono un avido operatore di gratitudine e un sostenitore della promozione della salute mentale, quindi potresti pensare che sarei l'ultima persona a criticare uno sforzo per aumentare la gratitudine e ispirare una maggiore felicità. Ma proprio perché mi preoccupo molto della salute mentale e della connessione tra salute mentale e social media, devo dire qualcosa di critico sul fenomeno dei social media, # 100happydays.

L'idea alla base di # 100happydays è che siamo tutti troppo impegnati per riconoscere che possiamo essere felici per 100 giorni di seguito. Registrando i tuoi momenti felici su Facebook, Twitter o tramite e-mail alla campagna, puoi coltivare un po 'di felicità, notare ciò che ti rende felice, nutrire metaforicamente queste cose e aumentare la tua felicità.

Mentre sostengo a fondo l'idea di coltivare gratitudine per i momenti della vita che potremmo essere troppo occupati a riconoscere, direi che siamo semplicemente troppo umani per essere felici per 100 giorni di seguito. Happy-100-days-in-a-row è un compito arduo. Certo, la campagna è di trovare quel momento in un giorno, e non necessariamente tutto il giorno.

Ma, per molti, quell'unico momento non è sufficiente per superare il resto.

Per qualcuno alle prese con la depressione, quella lotta annebbia anche i momenti migliori. Cercare quell'unico momento può sembrare un esercizio di futilità, come più lavoro di quanto valga. Questo non significa che non ne valga la pena; solo che provare a farlo per 100 giorni consecutivi non riconosce che, a volte che sono molto reali, potrebbe non essere possibile trovarlo, specialmente se i fattori che contribuiscono alla depressione sono profondamente radicati, come la povertà o malattia cronica e debilitante.

Per qualcuno che vive con ansia, la creazione di un progetto per trovare momenti felici potrebbe essere un bene – questo esercizio è in realtà un componente di alcune terapie molto efficaci – ma potrebbe anche essere un ingresso in una spirale discendente. Con le linee guida per # 100happydays che affermano che i partecipanti dovrebbero includere fotografie che rappresentano i loro momenti felici, la scrittrice del Telegraph di Londra Radhika Sanghani ha raccontato come la sensazione di # 100happydays la facesse sentire peggio, poiché si sentiva costretta a trovare ogni giorno momenti degni di una fotografia. La storia di Sanghani mi ha fatto pensare che qualcuno che ha a che fare con l'ansia potrebbe rimanere bloccato cercando di trovare il momento perfetto – e poi cercando di trovare il tempo per postarlo su Facebook – e perdere completamente il punto dell'esercizio.

Ma anche per le persone che, almeno per il momento, sono in equilibrio, per superare i nostri giorni per un momento felice imbianca la realtà dei nostri giorni, che a volte sono banali, a volte molto difficili, e più spesso coinvolgono una vasta gamma di sentimenti.

Lasciatemi condividere un esempio personale:

Posso, in questo momento, elencare una serie di cose che mi hanno reso infelice solo ieri. Ci sarebbe un'intera sezione incentrata sulla genitorialità (fastidio con un bambino che sta praticando dicendo No, lo stress per i bambini che mordono i compagni di classe dell'asilo, la frustrazione per il bambino che mi morde …). Poi ci sarebbero articoli sullo stato del mondo (guerra, ingiustizia, nessuna soluzione …). Dedicherei una parte dell'elenco alle scelte sbagliate che ho fatto (burro di biscotti, guardare un film di paura sul volo due settimane prima di un lungo viaggio, stare alzato troppo tardi …). Non affronterò le mie preoccupazioni per le persone che amo, l'ansia per le transizioni imminenti e l'ansia per … l'ansia; quella lista sarebbe troppo lunga.

Un giorno medio della mia vita è pieno di emozioni. Tenuto nello stesso momento in cui tutti i sentimenti infelici sono i pochi momenti davvero felici, tra cui un momento da prendere in mano …

Se offrissi l'opportunità, dovrei chiamare ieri un "giorno felice"? Indipendentemente dal fatto che il giorno nel suo complesso sia qualificato, vorrei persino condividere pubblicamente quel momento più felice? La mia felicità aumenterebbe davvero se annotassi quel momento di meraviglia? E sarei davvero diventato una persona più felice raccontandolo?

Il blogger Yume Delgato, scrivendo su Thought Catalogue, ha affrontato alcune di queste domande. lei scrisse:

"[T] la sua ossessione di spingere positività nel pubblico forum trascura una realtà più fondamentale: l'esperienza umana è intrinsecamente dualistica. Concentrarsi sul felice dell'esclusione del triste è di fare un cattivo servizio ad entrambi gli aspetti dell'emozione umana – noi apprezziamo la gioia e il dolore in parte perché li comprendiamo in relazione l'uno con l'altro. Costruire l'enfasi l'una sull'altra è distorcere la realtà ".

Le parole di Delgato suonano vere per me. In un giorno dall'alto in basso, all'interno di una vita su e giù, condividere un momento felice contribuisce a creare un'illusione di perfezione che non riflette la realtà. La sfumatura di felicità, vale a dire che non è qualcosa che puoi sempre afferrare e tenere in mano, non può essere sempre espressa con un solo istante.

Detto ciò…

Il mio felice momento di ieri è stato qualcosa che ho pensato di condividere pubblicamente, perché mi ha toccato il cuore. Era persino qualcosa che avrei potuto fotografare, o fabbricare un'immagine correlata di esso dopo il fatto. Ma quando si è arrivati ​​ad esso, non era qualcosa che volevo condividere in una breve dichiarazione accompagnata da un hashtag.

La cosa che mi ha portato gioia e pace, tra il mordente, il tantrum e il lancio del cibo, la guerra e il senso di colpa del burro dei biscotti era seduto fuori con mio figlio, guardando il cielo, cantando "Twinkle, Twinkle Little Star". è proprio a causa di tutti i momenti infelici – quelli che ho elencato sopra e quelli a cui tengo di non condividere – che questo momento è stato così prezioso.

E, ora è oggi, un altro in una fila di centinaia. Se sarò così fortunato ad avere un altro momento come quello, cercherò di vederlo per quello che è: parte della stoffa della vita rugosa, macchiata, nera, bianca e grigia.

 

Copyright 2014 Elana Premack Sandler, tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Perché registrare felicità ogni giorno potrebbe renderti infelice"