Perché questo non può essere divertente?

Dopo essere tornati dal nostro viaggio annuale a St. Louis per visitare la mia famiglia e trovandomi sommerso da troppe e-mail, uno è riuscito a distinguersi. "Blog worthly?" Nella linea tematica mi ha intrigato a malapena abbastanza per intravedere il riferimento a un pezzo su Slate.com sul nuovo e controverso libro "Go the Fuck to Sleep" di Adam Mansbach.

A prima vista, ho pensato a me stesso, ackkkk, qualche rabbiosa risposta alla volgarità e al disprezzo per la santità della genitorialità, bla bla bla, non ho tempo. Ma all'istante fui trasportato a casa, mentre ricordavo la memoria fresca impressa così dolcemente dall'immagine di mio padre che leggeva questo stesso libro un giorno fa circa …

Sì, avevo appena acquistato questo libro e l'ho portato a casa per mostrare ai miei genitori, che hanno sempre creduto e modellato il valore dell'umorismo nelle nostre vite. Ridiamo molto alla mia famiglia e oserei dire che troviamo umorismo in alcuni dei luoghi più oscuri e indecenti. Amiamo i rumori, le battute stupide, le voci stupide, i giochi assurdi, i maledetti riferimenti alle funzioni corporee, i gesti inappropriati, gli odori, le espressioni facciali e simili. Più grande è, meglio è. Possiamo ridacchiare come se fossimo seduti nella parte posteriore della sala di studio con un'insegnante severa che ci fissa a comportarci. Possiamo, e sempre fare, ridere fino a quando non beviamo qualcosa al momento, sputa dalla nostra bocca o dal nostro naso. Gli orifizi sono un gioco equo quando ci riuniamo. Piuttosto la vista per un gruppo di adulti. Ma le nostre migliori risate arrivano sempre mentre siamo a letto insieme. Di solito mi lancio in un abbraccio mattutino con la mia mamma vecchia di 80 anni e presto mio padre di 83 anni. Dopo aver "messo le orecchie", papà può sentire abbastanza bene, considerando che sta leggendo le labbra e costantemente accomodante per il suo impianto cocleare, la sua fastidiosa malattia di Meniere, la sua atroce iperacusia e i suoi folli sintomi di Parkinson. Il ridacchiare è particolarmente importante, i miei genitori ci hanno ricordato, in quanto si riferisce a tempi difficili, se stai lottando in questo momento, o soffrendo a lungo termine – imparare a ridere quando tutto sembra debole, è davvero un dono.

È per questo che non dimenticherò mai la visione di mio padre che leggeva il libro, "Go the Fuck to Sleep" a mia madre. È sempre stato un lettore meraviglioso. Era solito leggere poesie per noi quando eravamo giovani e recitare volumi di versi memorizzati dalle profondità della sua scheda di memoria. Ora, ama ancora leggere ma è solo un altro modo in cui si isola perché i suoi sintomi schiaccianti rendono difficile interagire.

Fin dall'inizio, ha amato il titolo del libro. Le parole sporche lo facevano sempre ridere. Le vecchie battute con "schifezze" in esse erano tra le sue preferite. E "cazzo"? Nel titolo ? Che irriverenza. Quanto audace. Quanto isterico.

Mentre leggeva il libro a voce alta, e mia madre ascoltava attentamente, come spesso fa quando si sforza di impegnarsi in questo modo, ho visto e sentito qualcosa che emanava da mio padre che non avevo mai visto in quello che mi era sembrato per sempre. Non riusciva a credere che queste parole fossero effettivamente stampate sulla pagina, tra i versi e le illustrazioni lenitive. Non poteva credere che qualcuno si fosse allontanato con questo lavoro sfacciato. Rimase sbalordito dalla stupidità mentre continuava a pronunciare le parole intermittenti e irrispettose, pronunciate con la sua grazia e il suo tocco poetico. Ma la magia venne quando vidi il luccichio nei suoi occhi che era stato assente per così tanto tempo; La lacrima che non era lontana dal fluire dagli occhi socchiusi e ridenti; il divertimento che si trasformò rapidamente in uno stato di gioia e il piacere puro, non adulterato, che rideva il ventre, che ora è così raro. Mentre ogni pagina girava, la sua esibizione rimase in armonia con la crescente irritazione del libro. Papà sorrise mentre si raddrizzava dritto e urlava, " P lease GO THE FUCK TO SLEEP! "La mamma sorrideva divertita, visto che anche lei aveva assistito a qualcosa in papà che ci mancava da tanto tempo – la gioia, l'assorbimento in qualcosa di così ridicolo e così perfetto.

Così, quando ho passato in rassegna le mie infinite e-mail al mio ritorno e ho trovato la richiesta di verificare il post su Slate.com, sono rimasto sorpreso dal titolo dell'articolo scritto da Katie Roiphe: Why So Angry, Dad ? Vai a F ** k to Sleep espone l'assenza di sesso, l'autocommiserazione e la rabbia repressa dei genitori yuppie.

Wow.

Per essere onesti, è una scrittrice di talento. E veramente, molto di quello che dice, ha senso. In qualità di esperto postpartum, mi piace particolarmente questa frase: "Stiamo parlando di due persone stanche e stanche che cercano di guardare uno schermo televisivo da qualche parte l'uno nelle vicinanze dell'altro. Puoi capire perché il padre è così arrabbiato e sconvolto; la preziosa età adulta che sta disperatamente combattendo per preservare è così misera, così modesta, così a malapena lì. "Ma dai …

È vero, la genitorialità arriva con dure realtà: il tempo delle coppie è scarso. Il sesso è raro o inesistente. L'esaurimento è dilagante. Ma "asessualità, autocommiserazione e rabbia repressa"? "La disperazione esistenziale?" E il suo commento sociale che i genitori di oggi sono auto-indulgenti e mal indirizzano la loro rabbia sui loro 4 anni quando invece dovrebbero prendere una babysitter e assumersi la responsabilità del proprio comportamento?

Veramente?

Capisco le sue critiche e certamente non vorrei che un genitore che è sull'orlo della sanità mentale leggesse questo libro o che Dio non voglia, prendilo alla lettera. Ma per la maggior parte dei genitori travolti che sono ossessionati dalle ossa e frustrati, che stanno lavorando sodo per fare tutto bene – penso che sia un libro fantastico. Sono d'accordo che è catartico e oserei dire, anche terapeutico.

Cerchi qualche seria ispirazione da questo libro? Direi che è un sollievo sapere che non sei solo con la tua frustrazione e che questa è una risposta universale a un periodo di tempo estremamente impegnativo e faticoso.

Non sento la rabbia rivolta al bambino in questo libro. Né sento "ostilità" o "cattiveria". Tutto ciò che sento sono le risatine del mio padre stanco, che ha pensato, come ho fatto io, che concetto brillante, perché non ci abbiamo pensato ?!

Tutti i tipi di genitori buoni e amorevoli possono riguardare questo libro. Possono relazionarsi con la frustrazione e possono mettersi in relazione con la sfida dell'equilibrio così comune di essere terribilmente frustrati e amare i propri figli così tanto allo stesso tempo.

Imparare a ridere durante i momenti difficili … ah, non è un compito facile.

Penso che Katie Roiphe sia l'arrabbiata. Penso anche che la sua ampia interpretazione psicologica e i riferimenti freudiani siano più "malriposti" della "furia esagerata e repressa" del personaggio.

La signora Roiphe dovrebbe passare un po 'di tempo con i miei genitori così da poter imparare a ridere davvero.

Copyright 2011 Karen Kleiman www.postpartumstress.com

Solutions Collecting From Web of "Perché questo non può essere divertente?"