Perché procrastinare?

Una delle domande più comuni che sento come terapeuta è: "Perché continuo a procrastinare quando so che mi provoca tanta ansia?" Sai cosa devi fare, ma non lo fai, o aspetti che aspetti l'ultimo minuto. E, ripetutamente, lo schema si ripete. Ti senti catturato, intrappolato in un vortice di ansia, stress e procrastinazione. Molti dei miei clienti sono stati informati, o si sono detti, che procrastinano perché sono disorganizzati, pigri o, peggio, perché semplicemente non se ne preoccupano abbastanza! La maggior parte delle volte, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. I procrastinatori sono spesso persone intelligenti, capaci, laboriose, non riescono a fare le cose in tempo e non riescono a capire perché.

Se ti stai chiedendo quali sono i motivi alla base della tua procrastinazione, dai uno sguardo al quiz qui sotto per vedere se qualcosa suona familiare.
Chiedilo a te stesso:
1. Di fronte a un compito, pensi a tutti i modi in cui potrebbe andare storto?
2. Ti immagini quanto potrebbero essere importanti le persone nella tua vita se tu fallissi?
3. Credi che sia meglio non provare affatto a fare del tuo meglio e fallire?
4. Sei sopraffatto dalla possibilità di nuove responsabilità se hai successo?
5. Ti iscrivi all'idea "Se faccio bene, allora gli altri si aspettano di più da me"?
6. Pensi che il tuo successo porterà altre persone a scoprire il "vero te"?
7. Credi che se hai intenzione di fare qualcosa, dovresti provare a farlo perfettamente?
8. Trovi difficile persistere quando le cose non stanno andando bene?
9. Preferiresti evitare di fare qualcosa piuttosto che farlo in modo imperfetto?

Come hai risposto potresti dirti molto sul perché procrastinare. Una risposta "sì" alle domande da 1 a 3 può significare che dietro al tuo rinvio c'è una paura di fallire. Il pensiero di mettere in sforzo ma ancora fallendo ti rende ansioso, quindi preferisci evitare e procrastinare. In questo modo, quando il tuo progetto fallisce, puoi razionalizzare che non era comunque un vero test delle tue capacità, se solo avessi avuto più tempo.

Il rovescio della medaglia, un "sì" alle domande dalla 4 alla 6, può significare che temi il successo, non il fallimento. La procrastinazione ti protegge dalle più alte aspettative e dalle maggiori responsabilità che possono derivare dal successo. Come quelli che procrastinano perché temono il fallimento, ti mantengono al sicuro dall'affrontare i tuoi veri limiti evitando le sfide e rimandando le cose.

Se ti identifichi con le domande da 7 a 9, il perfezionismo può essere alla base della tua evasione. Perché tu credi che le cose dovrebbero essere fatte alla perfezione, il risultato è che niente viene fatto affatto. Di fronte a un compito, si diventa sopraffatti e frustrati, paralizzati da standard impossibili.

Mentre i motivi della procrastinazione possono variare, i risultati sono spesso gli stessi: un ciclo apparentemente infinito di ansia, evasione e vergogna. Non si fa niente, e non puoi goderti nulla con quel senso di colpa che ti sovrasta la testa. Forse giochi a golf invece di lavorare sulla tua presentazione, ma l'immagine del tuo capo glorioso ti tormenta comunque durante l'intera partita. Non puoi mai veramente rilassarti perché c'è sempre qualcos'altro che dovresti fare. La procrastinazione non funziona perché l'evitamento non cancella l'ansia, ma semplicemente la ritarda.

Ma la buona notizia: esistono strategie efficaci per superare l'ansia e la procrastinazione. Usando i metodi tratti dalla terapia cognitivo comportamentale, puoi imparare le abilità per diminuire la tua evasione e gestire la tua ansia. Cerca il mio prossimo post per saperne di più.

Solutions Collecting From Web of "Perché procrastinare?"