Perché perdiamo le superstrade

Perché gli attori insistono sulle prove? Sono professionisti, dopo tutto. Perché non salvare i loro dirigenti in studio manciate di soldi e loro stessi tutto questo sforzo in più? Perché i registi non gridano semplicemente "Roll 'em!" E catturano tutto ciò che viene fuori nel film? Con tutti i soldi che avrebbero risparmiato, al resto di noi potrebbe anche essere risparmiato un dollaro o due in più al botteghino.

Se ti capita di essere un grande cantante della doccia, ma bungle male nella notte karaoke, si potrebbe ben intuire la risposta.

Quando il contesto cambia, le cose non sono le stesse.

Una volta ho lavorato con un delfino che, dopo mesi di duro allenamento, aveva imparato a svolgere tutta una serie di compiti in rapida successione, un comportamento che seguiva esattamente l'altro – fino al giorno in cui un osservatore inatteso, anche se familiare a e apparentemente ben voluto dal delfino – fermato da guardare.

All'improvviso, le fluide transizioni del delfino da un compito all'altro sono diventate goffe. Poi i singoli compiti si sono acuiti fino a quando, infine, l'intero balletto comportamentale si è fermato.

I cambiamenti di contesto – in realtà solo semplici cambiamenti nelle circostanze – possono gettare il meglio di noi per un ciclo. Spesso siamo particolarmente inclini all'influenza dirompente di un cambiamento di contesto quando stiamo tentando di eseguire un comportamento concatenato – uno in cui il completamento di ogni singolo collegamento comportamentale diventa lo spunto per eseguire il successivo comportamento nella serie.

Nel mio ultimo post, ad esempio, ho discusso di come routine, a volte elaboratamente strane come le danze pre-windup eseguite da molti lanciatori della Major League, possono essere formate sulla base di associazioni subcoscienti.

Regolare il cappuccio della sfera PRIMA di battere il guanto con il pugno? Mai!

"L'ho fatto una volta," potremmo ben immaginare un punto di vista di un Grande Leaguer, "e il battitore ha portato a due tiri nella parte inferiore del nono."

Non c'è da meravigliarsi che siamo creature abitudinarie. Anche quando le routine hanno poco a che fare con i risultati (le danze del tumulo sono solo un esempio), le nostre percezioni di causa ed effetto spesso creano credenze superstiziose che governano il nostro comportamento.

Lo scrittore John Cheever era abituato a spogliarsi per i suoi scatti quando lavorava a racconti – dopo aver indossato un abito formale per recarsi nel suo ufficio. Fu noto che lo scrittore di spionaggio letterario Graham Greene si fosse registrato in un hotel per completare le bozze finali delle sue opere, e Virginia Woolf scriveva spesso mentre si alzava in piedi.

Ma non tutte le routine sono di natura superstiziosa. In effetti, è proprio vero che quando interferiamo con una routine, il caos comportamentale e gli esiti indesiderati spesso risultano.

Sei mai stato cacciato dalla cucina di famiglia da uno chef impegnato? Meglio di un arrosto bruciato. O forse a volte ti manca un'uscita autostradale familiare? C'è probabilmente un motivo per liquidare la rotta panoramica, poiché qualsiasi numero di percorsi mentali ci può allontanare dall'elaborare il flusso costante di segnali visivi che generalmente portano a una corsa senza problemi. Disattiva il pilota automatico della routine e ciò che segue è in genere un po 'disordinato.

Ecco perché attori, cantanti e delfini che saltano in cerchio tengono letture a secco e prove generali. Beh, in realtà i delfini di solito rinunciano alle letture, ma comunque. . .

Organizzando attentamente una serie di cambiamenti più piccoli nel contesto, azioni familiari si svolgono in un contesto di controllo del danno comportamentale gestito.

Il lato positivo? È probabile che ogni cambiamento di circostanze produca piccoli problemi piuttosto che grandi gaffe. Nel momento in cui vediamo attori e altri artisti al loro meglio, hanno già fatto il loro peggio.

Il rovescio della medaglia? Meglio non trattenere il fiato per quei biglietti scontati al botteghino.

Copyright © Seth Slater, 2011

Solutions Collecting From Web of "Perché perdiamo le superstrade"