Perché ogni psicoterapeuta ha bisogno di capire la sociologia

Wikimedia commons, labeled for reuse
Fonte: Commons comuni Wikimedia, etichettati per il riutilizzo

Come sessuologo, il mio approccio al mio lavoro è multidisciplinare. In altre parole, seleziono numerosi campi, tra cui la psicologia, la biologia riproduttiva umana, l'antropologia e la sociologia per informare la mia visione del mondo e il modo in cui mi avvicino ai miei clienti. In questi giorni, come parte della mia attività di scrittura e ricerca, mi ritrovo attratto molto più dal lato sociologico, piuttosto che dal lato psicologico delle cose. Le differenze sono molto importanti da chiarire, in quanto rappresentano un netto contrasto nei modi di pensare e comprendere il comportamento umano. E quando si tratta di questo, il mio punto di vista generale in questo articolo è che la formazione di qualsiasi psicoterapeuta è inadeguata senza una base approfondita nelle teorie e nei principi sociologici.

Cominciamo. La sociologia è lo studio del comportamento sociale. La psicologia è lo studio della mente individuale e il conseguente comportamento individuale. C'è qualche sovrapposizione, ad esempio con la psicologia sociale. Ma la differenza principale è che la sociologia si concentra sulle forze esterne della società che influenzano il comportamento, mentre l'intento della psicologia è quello di mantenere la sua attenzione all'interno dell'individuo. Quindi, i sociologi potrebbero dare un'occhiata a come le dinamiche di gruppo modellano le interazioni umane, mentre gli psicologi sociali sarebbero più interessati a capire in che modo l'individuo si relaziona e elabora questi gruppi. Questa è solo una spiegazione breve e superficiale, e sono sicuro che alcuni studenti di dottorato da qualche parte vorranno discutere alcuni dei punti più fini indicati qui, ma il mio scopo qui è solo quello di fornire una descrizione approssimativa di come lo studio di queste due discipline potrebbe portare a conclusioni molto diverse sul comportamento umano e su come questo si riferisce alla pratica della psicoterapia.

Poiché la sociologia è più focalizzata sui grandi elementi della società, è intrinsecamente più neutrale nella sua visione del comportamento umano. Considera gli individui come attori più razionali, impegnati in una moltitudine di decisioni sociali che devono essere esplorate per raggiungere determinati obiettivi. La psicologia, d'altra parte, a causa della sua focalizzazione insulare sulla vita interna dell'individuo, tende a considerare il comportamento umano più da un modello medico di salute contro malattia. Facciamo un esempio specifico per illustrare questo punto. Diciamo che c'è un articolo sulle notizie di un tizio che è stato arrestato rubando una banca. Nel tentativo di comprendere le motivazioni del rapinatore della banca, il sociologo potrebbe indicare il fatto che questo rapinatore di banche potrebbe essersi sentito come un emarginato delle norme del gruppo sociale; secondo la teoria della devianza di Merton, questo rapinatore di banche agiva nel ruolo di un "innovatore", accettando gli obiettivi sociali di fare soldi, ma rifiutando i mezzi socialmente accettati per conseguirlo. Il primo istinto dello psicologo sarebbe molto probabilmente guardare alla patologia come spiegazione – forse questo individuo è un sociopatico, che soffre di un disturbo antisociale di personalità; forse era vittima di abusi infantili che spiegavano le sue azioni aggressive e socialmente inappropriate.

Vediamo come queste visioni contrastanti del mondo si svolgono nel campo della sessualità. In che modo il sociologo e lo psicologo vedono un individuo, ad esempio chi viene nel loro ufficio e afferma di essere attratto da una forte partecipazione in una varietà di sottogruppi sessuali, come poli, BDSM, scambisti, la comunità di pelli, ecc.? In base all'esempio sopra, come pensi che le risposte sarebbero diverse? Senza conoscere una sola cosa di questi sottogruppi, il sociologo potrebbe essere più propenso a considerare l'individuo come un attore razionale e a chiedere quali benefici derivi dall'appartenenza al gruppo. L'individuo si sente più convalidato e compreso all'interno di questi sottogruppi? L'individuo ricava più un senso di famiglia da queste unità sociali che dalla sua stessa famiglia d'origine?

Lo psicologo, d'altra parte (senza un adeguato addestramento), si chiederebbe a quali malattie mentali potrebbe soffrire quell'individuo che gli renderebbe la sua non-monogenia (leggi: essere incapace di portare avanti una relazione sana con una persona) o di voler colpire o essere colpito da un'altra persona. Potrebbero informarsi sull'abuso infantile per spiegare perché questo individuo può essere alle prese con un attaccamento insicuro che renderebbe impossibile attaccarsi a un'altra persona, o per trovare le ragioni per cui questa persona deve chiaramente interpretare una sorta di abuso traumatico dal passato. In altre parole, anche se la psicologia è un campo meraviglioso e necessario, si presta molto di più a guardare le cose attraverso una lente patologica.

Questo è il motivo per cui, specialmente nel campo della sessualità, qualsiasi clinico praticante deve essere esperto in molti campi oltre alla psicologia. Secondo me, la psicologia di per sé presenta un'impostazione troppo distorta e limitata per comprendere veramente l'interezza del comportamento umano. Deve essere controbilanciato da altre discipline, come la biologia riproduttiva, l'antropologia e la neuroscienza. E soprattutto la sociologia. Finirò questo post con questo ultimo e ultimo punto. In psicologia, la parola "devianza" è sinonimo di patologia. Tuttavia, in sociologia, "devianza" è una parola neutra che significa semplicemente qualcosa che è diverso dalle norme sociali.

Come ha scritto il sociologo Howard S. Becker, "La devianza non è una qualità dell'atto commesso dalla persona, ma piuttosto una conseguenza dell'applicazione da parte di altri di regole e sanzioni a un" autore del reato ". Il deviante è uno a cui l'etichetta è stata applicata con successo; il comportamento deviante è un comportamento che le persone etichettano ". Nella traduzione, gli psicologi considerano la devianza un difetto interno dell'individuo, mentre i sociologi vedono la devianza come un'etichetta creata dalla società. Ecco perché, come ho affermato prima, qualsiasi psicoterapeuta praticante deve essere in grado di vedere i propri clienti da una moltitudine di obiettivi, non solo psicologici. Se vogliono capire veramente i loro clienti, devono essere in grado di avere i loro occhiali sociologici sempre pronti.

Solutions Collecting From Web of "Perché ogni psicoterapeuta ha bisogno di capire la sociologia"