Perché non volevo che la morte del principe fosse suicidio

Come molti, la musica di Prince faceva parte della mia generazione e la reazione collettiva – shock, sgomento, dolore – proveniva da un luogo in cui molti artisti avevano perso negli ultimi mesi.

Ma, quando qualcuno ha suggerito che la morte di Prince potrebbe essere stata un suicidio, mi sono trovato a reagire con forza. Nella mia testa (forse anche ad alta voce!) Ho detto, "Spero davvero che non sia quello che è successo."

Sapevo che c'era qualcosa quando ho avuto quella reazione. Non è che io in genere speri che qualcuno muoia per suicidio. Sono abituato a sentir parlare di morti suicide ed empatico riguardo a ciò che li porta. So che molte persone che hanno successo nella lotta dell'occhio pubblico privatamente con la depressione o altri fattori di rischio per il suicidio. So che le persone creative sono talvolta in grado di incanalare l'angoscia nell'arte. Ma quella conoscenza non mi aiuterebbe con una risposta alla domanda che si sarebbe posta se il suicidio fosse stato la causa della morte di Prince.

Non volevo che la morte di Prince fosse un suicidio perché sapevo che non potevo iniziare a spiegarlo. Non potevo dare ragioni basate sulla ricerca, o una logica che ci avrebbe permesso di riposarci facilmente. Ogni volta che un personaggio pubblico muore per suicidio, in realtà, ogni volta che qualcuno muore per suicidio, la prima domanda è "Perché?". E questa è la domanda meno importante a cui rispondere.

Questa settimana, il fotografo e il tentativo di suicidio del sopravvissuto Dese'Rae L.Stage ha condiviso una storia su The Mighty, una comunità online che aggrega storie su disabilità, malattie e malattie mentali. Nel suo pezzo, Stage suggerisce che quando il nostro sguardo collettivo si sposta verso le morti suicidi, perdiamo di vista coloro che hanno tentato il suicidio e hanno vissuto, così come quelli che lottano ogni giorno per vivere, non per tentare il suicidio. Cerca di raccontare alcune di queste storie con Live Through This, un progetto di fotografia e narrativa incentrato sui sopravvissuti al tentativo di suicidio.

Il punto molto importante che Stage fa nel suo pezzo è: quando tutti i nostri occhi sono focalizzati su una storia sensazionale sul suicidio, i media possono raccontare una storia ugualmente sensazionale sulla speranza. La domanda a cui rispondere non è il motivo per cui qualcuno si toglie la vita. Invece, è il motivo per cui qualcuno ha scelto di vivere, come qualcuno ha portato avanti un'altra possibilità di vivere.

Perdere una figura pubblica per qualsiasi causa di morte apre un'opportunità – mentre tutti guardano e ascoltano, cosa si dirà? Nel caso del suicidio, non si tratta solo di parlare di prevenzione (fattori di rischio, segnali di pericolo, numeri di hotline e risorse comunitarie), ma, come dice lo Stage, i media "possono riferire i fatti, ma possono anche infondere speranza in chi ne ha bisogno Ne abbiamo tutti bisogno a volte. "

Mentre scrivevo questo post e ho cercato un documento creato dal Centro per la protezione dai rischi suicidi, ho pensato al mio collega Phil Rodgers, che ha lavorato per la prevenzione del suicidio per molti anni. Possa la sua memoria essere una benedizione per tutti coloro che lo hanno conosciuto e amato.

Copyright 2016 Elana Premack Sandler, tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Perché non volevo che la morte del principe fosse suicidio"