Perché non sono illuminato

Finalmente ho capito perché non sono illuminato. Più di trent'anni fa, quando avevo appena compiuto il proverbiale primo passo in un "viaggio di mille miglia", ho ascoltato la seguente famosa storia: un uomo si avvicina a un Maestro Zen e chiede di essere indicato sulla via dell'illuminazione. Il Maestro risponde, "Okay, seguimi", si alza e porta l'uomo verso un fiume vicino e nell'acqua. Senza preavviso, il Maestro costringe la testa dell'uomo sott'acqua e la tiene lì mentre lotta violentemente per la sua vita, finché non è quasi morto. Alla fine il Maestro tira su l'uomo, boccheggiando per aria, e dice: "Quando vuoi essere illuminato tanto quanto hai voluto prendere il tuo prossimo respiro proprio ora, torna indietro e vedimi".

A quel tempo, da giovane avventuriero spirituale, la storia mi ha ispirato e mi ha fatto infiammare, alimentando gli anni di viaggi di ricerca, meditazione ed esotismo in terre lontane che seguirono. Eppure ora, guardando indietro, mi chiedo se avrei potuto risparmiarmi un sacco di guai se avessi semplicemente risposto alla domanda sottintesa da quella storia onestamente: No. No, non voglio essere illuminato più della vita stessa, più di quanto desidererei il mio prossimo respiro in quella situazione.

Ancora e ancora nella letteratura spirituale, e in particolare nel mondo feroce dello Zen, ci imbattiamo in storie simili. Nell'antica Cina, si dice che Hui-ka venne nella grotta di Bodhidharma e attese che il monaco lo accettasse. Dopo essere rimasto lì per giorni senza alcun segno dell'insegnante che stava uscendo per salutarlo, iniziò a nevicare. Quando la neve ha raggiunto la vita di Hui, Bodhidharma finalmente è uscito e ha chiesto,

"Che cosa vuoi?"
"La mia mente non è a suo agio", ha risposto Hui.
"La Via è lunga e difficile", ha detto Bodhi, licenziandolo.

Hui estrasse la spada e tagliò il braccio sinistro e lo porse al Maestro, e fu accettato.

Un'altra storia racconta del maestro Zen che una volta era stato minacciato da un burbero samurai che gli teneva una spada sopra, dicendo: "Non sai chi sono io? Io sono qualcuno che potrebbe tagliarti la testa senza pensarci due volte o battere ciglio ", a cui il Maestro rispose," E non sai chi sono io ? Sono qualcuno che potrebbe offrirti la sua testa da tagliare senza pensarci due volte o battere ciglio. "

In una delle sue precedenti incarnazioni, si dice che il Buddha abbia offerto il suo corpo come cibo per una tigre affamata.

E così via; il messaggio sembra essere che l'illuminazione, o la realizzazione della Verità, non è una questione casuale per i semplici turisti spirituali, ma solo per l'individuo molto raro che vuole sacrificare qualsiasi cosa, compresa la sua stessa vita, nella sua ricerca.

Ahimè, molti di noi, me incluso, sono semplicemente alla ricerca di, nel migliore dei casi, "sentirsi meglio", possibilmente circondandosi di consolanti aforismi e credenze, incenso e innumerevoli libri su argomenti esoterici scritti da altri che non hanno fatto loro stessi taglio finale, per così dire. (Il defunto Douglas Harding, uno dei pochi che sembrava sapere di cosa parlava, titolò uno dei suoi libri , On Having No Head ) Ma diciamocelo: di tutte le persone che tu ed io sappiamo chi ha passato un buon affare delle loro vite sedute su cuscini di meditazione, cantando in sanscrito, ingannando psichedeliche come M & Ms e iscrivendosi allo Yoga Journal , quanti hanno raggiunto l'apice della possibilità umana che tutti i grandi insegnamenti spirituali insistono è disponibile per chiunque, se non altro lo volevamo tanto come l'aria e la vita stessa?

Significherebbe mettere l'illuminazione in cima alla nostra lista delle cose da fare e priorità, prima della carriera, della famiglia, della comodità e della sicurezza, cose che, parlando per me, in realtà comprendono alcune delle mie parti preferite di essere vivi. Nel mondo cristiano, ovviamente, Gesù era un "pescatore di uomini" e disse loro di posare le reti proprio lì e lì e "seguirmi". Come i Moonies nei primi giorni, quelli che si unirono non si chiamavano nemmeno a casa o registrati con i loro genitori. (Forse oggi le famiglie di Pietro, Giuda e gli altri li rapirebbero e li consegnerebbero a un deprogrammer). Lo stesso vale per i monaci che si sono spogliati di tutti i beni terreni e degli attaccamenti personali per traipse attraverso la foresta con il Buddha. Gli ebrei, naturalmente, non avevano molta scelta. Seguire Moses nel deserto per 40 anni sembrò in un primo momento come se sarebbe stato sicuramente un passo avanti rispetto alla brutale schiavitù, ma molti di loro si lamentarono e si lamentarono comunque. Persino loro non volevano sempre la loro libertà più della familiarità della vita meno che ottimale che conoscevano.

Ram Dass, il noto insegnante e autore del canonico Be Here Now , una volta ha parlato di una foto che ha visto sul giornale di un bambino maltrattato e maltrattato mentre veniva estratto dalle braccia di sua madre, cercando disperatamente di il suo violentatore. Il messaggio era chiaro: siamo cablati per scegliere il familiare e il confortevole ad ogni costo . Ho partecipato a un ritiro di due settimane a Rishikesh, in India, con il guru contemporaneo Andrew Cohen, una volta, e ha chiarito sin dall'inizio che era fondamentale "vogliamo essere liberi più di ogni altra cosa" e che dovevamo essere "Assolutamente serio". Non sono mai stato davvero serio su nulla (tranne forse la mia collezione di dischi), così mi ha un po 'scoraggiato, soprattutto perché le persone più illuminate con le quali sono entrato in contatto negli anni hanno sempre avuto almeno una cosa in comune: ridevano fragorosamente e spesso. (In realtà, per essere onesti, così ha fatto Andrew.)

Ho appena finito di leggere Spiritual Warfare di Jed McKenna, che, come Andrew e molti altri che camminano tra noi in questi giorni, si presenta come qualcuno che è "fatto", nel senso che prima dell'illuminazione, siamo tutti perennemente in uno stato di "Diventare", distinto dall'essere finalmente liberato nel vasto mistero dell'Essere presente, senza ulteriori richieste di vita, solo curiosità e stupore radicale. Jed è fatto con tutto il divenire. Così anche lui, naturalmente, fa affermazioni come "Tutto ciò che serve è un braccio e una gamba? È così? "Non può credere alla sua fortuna per sapere che" svegliarsi "è un vero affare. Vivere senza alcune membra, dice, è di gran lunga preferibile anche a un altro momento di vivere una bugia.

Ok, penso di aver fatto il punto: la ragione per cui non sono illuminato dopo tutti questi anni è che apprezzo troppo le mie braccia e le mie gambe, per non parlare di mia moglie e della mia famiglia, e, ultimo ma non meno importante, l' aria . (Il mio preferito.)

Ora, per la tesi opposta: la dichiarazione più provocatoria che abbia mai sentito Werner Erhard – sì, so che è controverso e sia adorato che disprezzato, ma vale la pena considerarlo – è che nel corso degli anni ha visto migliaia di persone letteralmente dare ogni cosa nella loro ricerca dell'illuminazione. Li aveva visti abbandonare il lavoro, le loro famiglie, spendere le loro fortune, dedicare anni del loro tempo, meditare fino a distruggere le loro ginocchia, "NULLA", disse, "tranne l'UNICA COSA richiesta per essere illuminata. Questo, nessuno si arrenderà. "Fece una pausa per enfatizzare, poi urlò, come era il suo stile," LE PERSONE NON LIERANNO CHE NON SONO CHIUSE. È TROPPO TERRIBILE DARGLIARLO! SONO TROPPO DIVERTENTI CHE FANNO COSE FARE PER ESPLORARLE! "Continuò con voce più dolce," Ora, ho appena detto che non dovresti fare cose che ti illumineranno? No; Falli Ma fallo perché è divertente farlo! Li farei. Li faccio Ma non perché illumineranno qualcuno. Non puoi essere illuminato. Ma puoi essere illuminato. "

È il paradosso perenne. Ci sono molti maestri spirituali e scuole di pensiero che ci ricordano continuamente che, "questo è tutto", che siamo, ognuno di noi, sempre già illuminato . Che è impossibile essere diversamente, e qualsiasi sforzo nella direzione dell'illuminazione può solo, per definizione, essere un viaggio più lontano da esso, poiché è da dove, a nostra insaputa, partiamo. Un modo religioso per affermarlo sarebbe dire che siamo sempre già nella presenza di Dio . Se Dio è Onnipresente, la Sorgente e la Sostanza di Tutto / Ovunque (e per le persone non duali, anche la Non-Sorgente e Non-Sostanza di Niente / Da nessuna parte, e davvero nessuno di questi due, né entrambi, ancora confuso? ) quindi non c'è assolutamente nulla che nessuno di noi possa fare, ovviamente, per portare o rimuovere Dio dalla scena.

La nostra vera natura è chi siamo già, non qualcosa che possiamo diventare o raggiungere in futuro. Il paradosso diventa che in qualche modo non riconosciamo questo fatto e passiamo anni a cercare qualcosa che non è mai stato perso e, se siamo fortunati, incontreremo un insegnante lungo la strada che semplicemente, come la tradizione Dzogchen tibetana mette esso, "sottolinea" ciò che è perfettamente ovvio. Jed McKenna lo chiama "aprendo gli occhi", Gurdjieff e molti altri si riferiscono ad esso come "svegliarsi". È stato chiamato God-Realization, Self-Realization, Illumination, Liberation, o semplicemente essere reale e autentico, riposando al centro della nostra originale, vera natura e vita da quel posto piuttosto che cercarla.

Quindi quelle sembrano essere le nostre due scelte principali: o siamo attualmente, già illuminati e semplicemente non lo sappiamo, e possono o non possono esserci insegnanti o metodi che possono aiutarci a ottenere il riconoscimento che non c'è niente da ottenere; oppure, siamo chiaramente molto lontani dall'illuminazione e abbiamo bisogno di essere disposti a sacrificare le nostre stesse vite per arrivare alla Verità, e ci possono o non possono essere insegnanti o metodi che ci aiuteranno a raggiungerlo. In entrambi i casi, buona fortuna! Nel frattempo, mi sembra che con noi ricercatori spirituali andiamo avanti con i nostri giorni.

Solutions Collecting From Web of "Perché non sono illuminato"