Perché non pratico la meditazione consapevole quando so che è una buona idea?

"So che praticare la meditazione di consapevolezza è una buona idea, ma non riesco a farcela."

Per molte persone è difficile "arrivare al cuscino": sedersi e praticare la meditazione di consapevolezza. Come istruttore di meditazione e come terapeuta i cui studenti e clienti esprimono spesso un forte interesse nel praticare la meditazione di consapevolezza, spesso sento parlare di queste difficoltà. In effetti, a volte ho gli stessi problemi io stesso.

Allora, qual'è il problema? Nella mia esperienza personale, ho notato che una volta che inizio, mi sento bene, persino felice, di fare la semplice pratica di coltivare la consapevolezza. La parte difficile è arrivare lì.

Sono un esperto nel rimandare la mia pratica e nel trovare motivi per cui non importa se non pratico oggi. "Farò una sessione lunga questo fine settimana, non ho bisogno di fare la mia solita sessione più corta oggi." O, "Quello che sto facendo ora è davvero importante, non ho tempo". O, peggio ancora, posso essere coinvolto in qualche pratica senza mente (vedi la pubblicazione dal 5/7/11 in Mindlessness Practices) e non prendere nemmeno in considerazione l'idea di andare nella mia stanza di meditazione per esercitarmi.

Diamo prima un'occhiata ad alcune delle difficoltà e poi esploriamo alcuni modi per affrontarle.

sfide:

Questo elenco non intende essere esaustivo. Ci sono probabilmente tanti modi di sentirsi sfidati dalla pratica della consapevolezza, poiché ci sono persone che sono interessate a coltivare la consapevolezza attraverso la pratica della meditazione.

1. La prima cosa che può creare problemi è di sentirsi confusa su come praticare la meditazione di consapevolezza. Ad esempio, potresti avere ascoltato diverse istruzioni su come esercitarti. Dovresti avere gli occhi aperti o chiusi? Dovresti seguire il tuo respiro sia dentro che fuori, o solo uno o l'altro? La tua mente dovrebbe smettere di pensare? Quanto tempo hai bisogno di farlo? Come puoi dire se lo stai facendo bene?

2. Insieme a ciò, si possono avere aspettative del tutto irrealistiche su ciò che dovrebbe accadere se si medita. Una comune aspettativa errata è che la mente di una persona dovrebbe essere tranquilla. Alcune persone mi hanno persino detto che non possono meditare perché non riescono a smettere di pensare. Come vedremo in seguito, non è quello che riguarda la meditazione. Altri pensano che se meditano si trasformeranno in persone diverse da chi sono adesso. Ancora una volta, vedremo di seguito come questo non sia proprio questo.

Una volta che le persone sanno come praticare la meditazione di consapevolezza, possono ancora avere altre difficoltà nel loro esercizio. Questi possono includere essere coinvolti in attività inconsapevoli o sentirsi spaventati a praticare.

3. Ci sono molti modi di essere coinvolti in attività abituali e insensate. Abbiamo esplorato alcuni di quelli nell'ultimo post (5/7/11). Generalmente, però, se questo è ciò che sta accadendo per te, potresti essere molto impegnato con il lavoro o la famiglia, o potresti passare molto tempo a giocare con i computer, navigare su Internet o distrarti dal momento presente in qualche altro modo. Quando sei abituato a essere occupato, può sembrare innaturale e imbarazzante spezzare lo slancio e fare qualcosa che sembra così diverso.

Un ostacolo correlato è la riluttanza a lasciare andare un modo familiare di essere o il senso dell'identità. Negli insegnamenti buddhisti, la sensazione di avere un'identità fissa e solida è il più grande ostacolo a sintonizzarsi sulla propria naturale saggezza o "brillante sanità mentale" (vedi la pubblicazione del 13/12/09).

4. Inoltre, alcune persone hanno paura di meditare. Hanno paura di ciò che potrebbero provare se non sono impegnati a distrarsi. Potrebbero avere paura di essere annoiati o di provare emozioni intense. Lo vedo spesso con i clienti della terapia. Spesso quando iniziamo il nostro lavoro insieme, non sono ancora pronti a sperimentare intensa paura o ricordi di abuso da soli. Temono che se meditano, o lasciano andare le loro solite strategie di intorpidimento o di essere senza mente, si sentiranno sopraffatti dall'intensità di quei ricordi o emozioni.

Modi per affrontare le sfide:

1. Il primo passo per affrontare le difficoltà nell'ottenere il cuscino è chiarire esattamente cosa si sta tentando di fare. Questo inizia con la contemplazione di se stessi quale sia l'ispirazione. Perché vuoi praticare la meditazione di consapevolezza? Per molte persone, c'è un forte desiderio di essere più presenti nella propria vita. Per gli altri, c'è la consapevolezza che qualunque pratica prenda delle vie nel cervello, e desiderano fare cose che migliorano la loro salute e non la loro confusione. Per altri ancora c'è il desiderio di coltivare le qualità naturali della mente suggerite dagli insegnamenti buddisti, tra cui: chiarezza, compassione, equanimità, generosità e saggezza. Tutti questi sono buoni motivi per esercitarsi e potrebbero essercene altri. Si noti, tuttavia, che lo sviluppo di queste cose richiede tempo e che la meditazione non è un approccio rapido. Generalmente, la pratica della meditazione è un'attività a vita. Come mangiare e lavarsi i denti, una volta non è abbastanza.

Quindi, una volta che ti senti chiaro, o abbastanza chiaro, sul perché uno vuole praticare, è importante sapere come si desidera farlo. Cioè, quale tecnica si userà? Puoi leggere diversi approcci alla meditazione della consapevolezza. Ad esempio, Jack Kornfield, Tara Brach, Mipham Rinpoche e molti altri hanno scritto su come praticare. Puoi anche guardare la pubblicazione su questo blog dal 1/19/10 che descrive un metodo particolare.

2. Il passo successivo è avere aspettative realistiche su ciò che accade quando si pratica la meditazione di consapevolezza, sia durante la pratica che rispetto ai risultati che potrebbero verificarsi in seguito. Innanzitutto, è molto importante capire che non esiste un'esperienza "corretta". Consapevolezza significa portare curiosità a qualsiasi cosa accada nella propria esperienza. Mentre pratichiamo, nel tempo, impariamo a portare curiosità ea lasciare andare a giudicare quello che succede. Per cominciare, però, potremmo vedere che siamo abbastanza giudiziosi su noi stessi. Includiamo solo qualsiasi cosa accada. Se aspettiamo di essere già consapevoli e compassionevoli, non possiamo mai iniziare!

Quando mi siedo sul cuscino di meditazione, a volte sono pienamente presente e amichevole nei confronti della mia esperienza; a volte sono completamente distratto e perso nei pensieri; a volte sono consapevole dei pensieri e delle emozioni mentre vanno e vengono in quello che una volta l'insegnante di Zen Charlotte Joko Beck ha scritto come "un contenitore più grande". A volte sono preso dalla memoria; altre volte, sto pianificando cosa scrivere in questo blog. Dal punto di vista della pratica, non importa: pensare, non pensare, è lo stesso. Possiamo portare la nostra attenzione a qualsiasi cosa e coltiviamo la nostra capacità di essere presenti e consapevoli. Come abbiamo visto in un altro recente posting dal 18/10/10, un momento molto importante nella pratica della meditazione si verifica quando notiamo che siamo stati distratti. Se solo possiamo notare che eravamo spariti e ora siamo tornati, iniziamo a coltivare la gentilezza verso noi stessi. Ricorda, non esiste "pratica giusta" o pratica di meditazione "perfetta". Mi piace pensare che la pratica della meditazione ci aiuti a fare amicizia con noi stessi come lo siamo già (vedi la prima pubblicazione su questo blog dal 10/4/09).

3. Che cosa facciamo se continuiamo a dimenticare di praticare o se siamo "dipendenti" dall'essere senza mente? Ancora una volta, iniziamo con la nostra ispirazione, e quindi facciamo alcuni passi pratici. Stabilisci un obiettivo realistico per quanto tempo e quanto spesso puoi esercitarti. Quindi, attenersi ad esso. Se imposti un obiettivo irrealistico, i tradizionali insegnamenti buddisti suggeriscono che scoraggerebbe te stesso e perderebbe fiducia. È meglio impostare un obiettivo facile, come meditare per 5 minuti tre volte a settimana e poi espandersi da lì se si è in grado di raggiungere quell'obiettivo. Se è troppo, cambia il piano.

Può essere molto utile per riflettere su dove e quando farai la tua pratica. Sono fortunato ad avere una stanza nella mia casa dedicata alla meditazione. La maggior parte delle persone non ha questo, ma scegli un angolo di una stanza o qualche altro posto. Se puoi, prova a mettere da parte uno spazio dedicato alla tua pratica. Molte persone praticano nelle loro camere da letto. Quando viaggio, mi esercito seduto sul letto. Se è pratico, puoi mettere promemoria della tua ispirazione per esercitarti davanti a te dove ti siedi. Ad esempio, potresti inserire una foto o un simbolo religioso.

A volte le persone vengono deragliate quando credono che devono avere un ambiente perfetto per la pratica. Non deve essere perfettamente silenzioso. Lascia che siano i suoni naturali del tuo ambiente. Certo, potrebbe essere più facile iniziare se hai uno spazio tranquillo, ma molti di noi non lo hanno. Anche la mia sala di meditazione ammette i rumori dall'esterno. Oggi questo include suoni di costruzione dalla scuola in fondo alla strada, dove i lavori di ristrutturazione richiedono molte macchine molto rumorose.

Per quanto riguarda la questione di essere disposti a lasciar andare un modo di essere familiare, puoi ricordare a te stesso che è giusto sentirsi diversi: annoiati, felici, tristi, qualunque cosa. Un attento esame della propria esperienza senza meditare rivelerà che in realtà non siamo in alcun modo un modo. Se ti senti scomodo o incerto mentre pratichi, questa è in realtà una buona notizia. Dico spesso ai miei clienti, quando si lamentano di sentirsi a disagio, che se riescono a rimanere presenti con una sensazione di imbarazzo, portano una tremenda libertà. Se riesci a tollerare il sentimento, ed essere, imbarazzante, puoi essere ovunque. Ricordo di essermi recato in una riunione del college e di sentirmi imbarazzato nei miei 40 anni come facevo nella mia adolescenza. La differenza era che ora potevo ancora essere lì e non giudicare me stesso come inadeguato per non sapere cosa fare dopo.

4. Infine, se hai paura di meditare a causa di ciò che potrebbe sorgere emotivamente, può darsi che tu abbia bisogno di lavorare con il sostegno di un consulente o terapeuta prima di cercare di meditare. Ci può essere una grande gentilezza nei confronti di te stesso nel riconoscere che non devi andare da solo nei luoghi spaventosi. Incoraggerei vivamente chiunque si accorgesse di rimanere distanziati per tutto il tempo in cui si esercitano a esplorare con il supporto di un amico o professionista ciò che potrebbe temere di entrare. Con la pratica e un buon supporto di consulenza, potresti scoprire di poter essere presente con esperienze difficili. È una scelta molto personale come procedere in tali circostanze.

Solutions Collecting From Web of "Perché non pratico la meditazione consapevole quando so che è una buona idea?"