Perché non possiamo essere "perfettamente" felici?

Wikimedia Common/Public Domain
Fonte: Wikimedia Common / Public Domain

Perfetta felicità: il Giardino dell'Eden, il Nirvana, il Cielo, lo Shangri-La, il Camelot. Gli umani hanno sempre fantasticato su un luogo o uno stato di esistenza in cui si possa trovare l'esperienza impossibile di felicità perfetta. Ma perché è impossibile? La risposta può essere trovata nel fatto che la felicità non è solo una cosa, e che ci sono diversi tipi di felicità che sono in diretta opposizione l'uno con l'altro. Avere troppo di uno distrugge la capacità di avere abbastanza dell'altro, e se la felicità "perfetta" significa che ne abbiamo una grande quantità, allora siamo condannati a non raggiungere la felicità perfetta che cerchiamo.

Jennifer Hecht è una filosofa e una storica, e ha studiato la storia della felicità. Nel suo libro, The Happiness Myth (HarperOne Press, 2007), Hecht esplora ciò che ha significato essere felice in diversi momenti e luoghi della storia umana. Nel farlo, ha sviluppato uno schema per pensare alla felicità che personalmente trovo molto utile. In breve, lei propone che possiamo sperimentare tre diversi tipi di felicità e che sono antagonisti l'uno con l'altro. Perseguire uno di loro in modo inesorabile ti porta automaticamente più lontano dagli altri. I tre tipi di felicità che lei descrive sono i seguenti:

" Un buon giorno – Una buona giornata può essere riempita di piaceri lievi, ripetibili e dimenticabili" (Hecht, 2007, p.10). Pensa a giorni piacevoli trascorsi con buoni amici, momenti in luoghi bellissimi o immersi in un buon film. Pensa ai giorni in cui non sei al lavoro e non sta succedendo niente di male. In breve, ti senti ottimista e stai vivendo una buona giornata, ma è un giorno che è imprevisto e improbabile che venga ricordato poche settimane dopo che si è verificato.

" Euforia – L'euforia è intensa, dura nella memoria e spesso comporta rischi o vulnerabilità" (Hecht, 2007, p.10). Pensa a incredibili esperienze emotive alimentate da droghe, alcol o passione sessuale. Pensa alla morte sfidando l'adrenalina, gli affari illeciti e gli incredibili episodi di piacere edonistico.

Una vita felice – Una vita felice richiede un sacco di lavoro difficile, che compromette seriamente la tua capacità di provare euforia o molti bei giorni. Pensa a un buon matrimonio o alla soddisfazione tranquilla che deriva dall'aver conseguito risultati coerenti in una carriera impegnativa; pensa al piacere che si prova mentre rifletti sul fatto che i propri figli si sono sviluppati in adulti di successo e ben adattati. La vita felice è qualcosa che si svolge per un lungo periodo di tempo e richiede che uno non abbia speso troppo tempo nella ricerca del piacere euforico o nella spazzatura via troppo della propria vita da scansafatiche, accumulando un "buon giorno" dopo un altro. Mantenere il naso alla macina alla ricerca della vita felice richiede di ridurre la frequenza delle tue esperienze euforiche e dei tuoi "bei giorni". Allo stesso modo, una ricerca mirata di euforia (pensa alla tossicodipendenza) minerà le tue relazioni e carriera, facendo deragliare ogni possibilità che potresti avere in una vita felice.

Capire che la felicità non è solo una cosa, e capire che non è possibile avere tutti i tipi di felicità in grandi quantità può aiutarti a godere di qualunque tipo di felicità la tua vita abbia fornito. Apprezzare una vita felice per quello che è, e smettere di preoccuparsi di perdere tutto il divertimento. Riconoscendo che nessun altro "ha tutto" o può abbattere una cosa certa di negare la felicità – l'invidia.

Solutions Collecting From Web of "Perché non possiamo essere "perfettamente" felici?"