Perché nessuno mi farà sentire triste?

Se fossimo costretti a quantificare i problemi che le persone incontrano, non c'è dubbio che il reato numero uno che devono affrontare viene detto che non dovrebbero sentirsi tristi o cattivi.

La tragedia è che a loro viene detto questo proprio quando è più sensato che si sentano tristi o cattivi quando qualcuno di loro importante è morto. Anche se non ci piace essere sarcastici, dobbiamo chiederci, se non puoi sentirti triste in reazione alla morte di qualcuno di importante nella tua vita, allora quando mai ti sentirai triste?

Un tipico lamento da parte di un cuore rancido è: "Sto attraversando un momento molto difficile. Tutti continuano a dirmi di non sentirmi male e di darmi tutti i tipi di ragioni che non hanno senso per me. Dicono: "Non sentirti male, è in un posto migliore". Sono d'accordo, dal momento che mia moglie ha lottato così a lungo e con tanto coraggio con il cancro che l'ha presa da me, spero che si trovi in ​​un posto migliore. "Ma non sono in un posto migliore! Sono triste, mi manca terribilmente, e sono confuso quando le persone mi dicono di non sentirmi triste o cattivo. Voglio solo evitare quelle persone. C'è qualcosa di sbagliato in me?"

La nostra risposta probabilmente non ti sorprenderà: "No, non c'è niente di sbagliato in te – tu sei in realtà quello emotivamente sano nello scenario. Stai cercando di dire la verità su come ti senti, solo per avere gli altri che ti dicono che non dovresti sentire quello che senti ".

Continuiamo a dire al griever: "La morte di tua moglie è l'evento dominante della tua vita. Ma l'assenza di conforto da parte delle persone intorno a te – sotto forma di commenti che ti dicono di non sentire il tuo modo di sentire – ti concentra su quei commenti e ti distrae dal tuo compito principale di affrontare la sua morte. "

Tutto inizia con "Avere un cookie"

Se hai seguito questo blog, ricorderai un post precedente intitolato Here, Have an Antidepressant-I mean a Cookie. Quindi non sarai sorpreso quando invochiamo il vecchio esempio di cookie in questa sezione.

Essere detto a non sentirsi male è sempre seguito da una ragione che non ha senso relativamente a come si sente il griever – cose come "lei è in un posto migliore" o "almeno la sua sofferenza è finita". Queste spiegazioni riguardano la persona che è morta non per la persona in lutto Anche se il griever è d'accordo con queste idee e questi sentimenti, questi commenti non affrontano ciò che il sentimento del dolore.

Potrebbe aiutarti a capire perché tutti sono così dedicati a dirti di non sentirti male. Mentre leggi quello che diciamo, sei suscettibile di essere sorpreso dal fatto che a tutti noi sia stato insegnato a non sentirci male fin dal lontano ricordo che possiamo ricordare. Il motivo per cui lo usiamo con gli altri è che è stato usato su di noi. Quindi crediamo che sia veritiero, anche se è tutt'altro che veritiero.

Ecco l'esempio di cookie che mostra come la normale risposta di un bambino a un evento doloroso viene convertita in una filosofia errata per tutta la vita per affrontare emozioni tristi:

Una bambina di cinque anni ha avuto un'esperienza emotivamente dolorosa a scuola. Gli altri bambini sono stati cattivi con lei. Torna a casa da mamma, papà o nonna e riversa la sua storia di dolore, con le lacrime agli occhi. Questa sana, normale espressione e manifestazione delle emozioni umane è soddisfatta: "Non sentirti male. Avere un biscotto, ti sentirai meglio. "Queste due frasi possono creare una credenza che dura tutta la vita e che dovremmo trattare con sentimenti tristi mangiando.

Il bambino ha presentato onestamente un'emozione, una sensazione triste, a qualcuno di cui si fida. L'emozione viene immediatamente respinta con "Non sentirti male" e poi anestetizzato con il cibo. Il fatto è che quando carichi un piccolo corpo con cibo o zucchero, qualcosa cambierà. Il bambino si sente diverso, ma non meglio. Nessuno ha ascoltato o affrontato il suo problema di presentazione, quali erano i suoi sentimenti, non la fame.

Dolce ma pericoloso anche per gli adulti

Il fatto che le persone che ci amano non vogliono che ci sentiamo male è un sentimento dolce, ma pericoloso. Un bambino sentirà ciò che lei [o lui] prova se gli altri lo approvano o no. Se le persone intorno al bambino non capiscono che i sentimenti tristi, dolorosi o negativi sono normali e reazioni naturali a eventi dolorosi, allora il bambino andrà sottoterra e nasconderà i suoi sentimenti.

Comincerà ad AGIRE FINE, perché quell'azione viene premiata. "Non è coraggiosa?" O, "Non è forte?" Sono i commenti che i bambini sentono quando coprono e seppelliscono i loro sentimenti tristi dopo una perdita. Ciò che è vero per i bambini è vero anche per gli adulti. Tutti noi abbiamo iniziato a imparare le stesse regole sbagliate quando eravamo giovani. Quando invecchiamo riusciamo a rientrare nel nostro magazzino di informazioni e ad uscire con cose del tipo "Non sentirti male". Applichiamo anche quell'idea a noi stessi quando ci sentiamo male, senza che nessuno ce lo dica.

Il problema è che non abbiamo mai saputo di porre la domanda: "Perché non mi sento triste?"

Non ha senso che ci è stato insegnato che non è accettabile sentirsi tristi e comunicare apertamente e onestamente su quei sentimenti in reazione agli eventi che producono dolore? "

Come un griever, la cosa più salutare che puoi fare è dire la verità su come ti senti in ogni momento.

Come una persona che sta parlando con un afflitto, la cosa più salutare che puoi fare è ascoltare senza giudizio o critica dei sentimenti, e non dare mai il consiglio illogico che il tuo amico non debba sentirsi triste o cattivo.

Solutions Collecting From Web of "Perché nessuno mi farà sentire triste?"