Perché nessuna foto dei bambini massacrati di Newtown?

Faces of slain children of Sandy Hook

Venerdì 14 dicembre 2012. Mia moglie ed io abbiamo guardato Breaking News – l'incubo, questa volta in una scuola elementare del Connecticut, l'ultimo inenarrabile orrore che coinvolge bambini, pistole e ancora un altro pazzo, che urla la sua rabbia attraverso la canna di un arma d'assalto in una Niagara di proiettili a piccoli corpi.

Deglutivo e sbattevo le palpebre attraverso la fotografia del volto di una donna in un grido silenzioso, poi un reporter televisivo adrenalinico ma incredulo, i commenti laceri e laceranti di un genitore, un maestro eroico, un coroner auto-intorpidito che correva su fumi e grinta, e un capo della polizia. Uno dopo l'altro i loro volti, le loro voci, i loro occhi, il loro linguaggio del corpo parlarono della tragedia del campo di sterminio.

Il trauma collettivo della città sarebbe la sua eredità, il suo nome si unisce a una triste lista di comunità cieche che ora sono associate gratuitamente alle loro tragedie piuttosto che al loro fascino. Come spettatore, ero paralizzato, ma ero ancora al di fuori dell'esperienza. Le immagini informate ma non evocano. "Perché?" Mi chiedevo.

Canali di roaming per prese diverse, mi sono imbattuto in un'insegnante di terza elementare emotivamente fragile, Connie Sullivan. Stava descrivendo come confortava i suoi studenti e li teneva al sicuro mentre si stringevano insieme barricati in un'aula chiusa a chiave. In modo esagerato, spiegò in dettaglio come li aiutava a fronteggiare il corridoio terrificante ei suoni intercom di bambini che urlavano e sparavano colpi.

Non ero stordito, non piagnucolante, non tiravo su con il naso, ma inconsciamente mi asciugavo rivoli di lacrime che scorrevano lungo le mie guance, oscurando la mia visione di Connie Sullivan nella sua dolorosa lotta per trattenere le lacrime e puntellare le crepe nella sua voce.

Connie Sullivan, Sandy Hook teacher

La sua immagine: i suoi sorrisi sofferti e gli occhi chiusi mentre combatteva per formare le sue parole e cancellare i suoi ricordi sensoriali mi spinse oltre il limite. Ho permesso la piena forza di questo evento incomprensibile per colmare le lacune tra il mio cervello e il mio cuore.

Ma presto, troppo presto, il divario si spalancò ancora una volta – sono tornato a cercare di capire intellettualmente cosa era successo a Sandy Hook Elementary. Le mie emozioni si ritirarono in un silenzio non invadente, ero di nuovo in modalità intellettualistica.

Il massacro di innocenti alla Sandy Hook Elementary ha rapidamente innescato l'attesa protesta dei cittadini e dei politici per una legislazione più efficace sul controllo delle armi e procedure di individuazione e trattamento della salute mentale meglio finanziate.

Questo clamore e ritualizzati atteggiamenti pubblici avvengono ogni volta che c'è un'eruzione di omicidi di massa. Ma questa volta, forse a causa dell'età delle vittime e della presunta posizione sicura, un presidente, esperti, politici e pastori definiscono questo massacro il "punto di svolta". La sensazione è che la " marea " potrebbe essere cambiata in favore di supporto per una maggiore legislazione sul controllo delle armi ".

Sandy Hook Elementary staging area

È vero? Questo macello osceno e pervertito ha davvero spostato il dibattito nazionale su un punto critico? Le regole del macabro gioco legislativo sul controllo delle armi sono davvero all'apice di un cambiamento significativo? È discutibile. Non credo che possa accadere senza una devozione concertata e sostenuta al cambiamento.

La battaglia per i diritti e le libertà del secondo emendamento è di nuovo unita. Alcuni addirittura sostengono che questi omicidi di massa sono il risultato di troppe poche armi piuttosto che troppe. L'autodifesa armata è l'antidoto ai criminali armati e ai pazzi, sostengono. "Se solo il preside della scuola fosse stato armato", recita l'ala destra, rant.


Un'immagine vale più di mille parole e stimola le passioni necessarie per fare politicamente ciò che deve essere fatto, come arrabbiarsi e dirigere quella rabbia in un'azione costruttiva.

Lo shock di Sandy Hook svanirà. Le parole alla fine sostituiranno le azioni. A questo punto la vendita di armi da fuoco è salito alle stelle quando gli appassionati di armi hanno iniziato un altro giro di accaparramento, nel caso in cui …

Per la maggior parte dei cittadini, ad eccezione di quelli direttamente coinvolti o collegati alla scuola Sandy Hook, il balsamo del tempo che passa permette alle passioni di attenuarsi e l'energia per l'attivismo legislativo svanisce, diluita dalle esigenze della routine della vita. Le famiglie delle vittime – 20 bambini, sei adulti – cercheranno di trovare un modo per adattarsi al crack nel loro mondo. Alcuni afferreranno saldamente la fiaccola della riforma delle armi e l'attivismo politico. La maggior parte non lo farà.

Potrebbe essere diverso. Le immagini grafiche possono contrastare le tendenze inerziali.

Il governo americano scoraggia intenzionalmente la copertura grafica dei soldati morti, persino l'arrivo delle loro bare. Il filmato è considerato troppo sconvolgente. Questa reticenza a guardare le realtà della morte si è diffusa attraverso i mass media.

Sandy Hook Elementary

Questa politica è nata dalla copertura televisiva della Viet Nam War. A quei tempi e oggi, si credeva generalmente che indipendentemente da ciò che LBJ stava raccontando all'America, l'inedita copertura grafica delle vittime e delle atrocità notte dopo notte nelle notizie serali trasformava milioni di americani contro quella guerra. Una guerra è davvero un inferno, la stavamo perdendo, e per cosa stiamo combattendo?

Ecco il punto: le immagini parlano di idee che le sole parole sono spesso incapaci di evocare. A volte va bene. Le immagini di bambini affamati in una miriade di paesi africani o di villaggi haitiani devastati dagli uragani evocano risposte più caritatevoli nei telespettatori rispetto alle sole parole.

A volte, è cattivo. Come adesso. Restrizioni su potenti e inquietanti immagini di carneficina, come Sandy Hook, sulla base dell'etichetta sociale e di un'attenta compassione sono l'informazione e la privazione sensoriale. Questo, a sua volta, può produrre privazioni motivazionali.

Una conversazione nazionale

Quando è il momento giusto per la conversazione nazionale sul controllo delle armi? Alcuni dicono "aspetta una buona quantità di tempo in modo che le ferite emotive possano guarire e il lutto possa fare il suo corso".

Dico: il più presto possibile. Perché? Affinché la rabbia e l'indignazione delle carenze normative possano essere sfruttate e canalizzate efficacemente in modo sostenuto.

Dove sono le immagini?

Non c'erano fotografie di nessuno dei corpi dei venti bambini macellati o di sei adulti. Perché? Buon sapore.

Buon gusto o cattiva idea? Cattiva idea, sicuramente. Piuttosto che nascondere gli effetti della violenza in modo da non offenderli, dovremmo muoverci verso un'esposizione pubblica più realistica e tatticamente concepita.

Le immagini degli Aftermath si attaccherebbero nelle menti e nei cuori del pubblico, rinfrescerebbero e rinnoverebbero l'energia della pulsione emotiva necessaria per affrontare gli avversari potenti e impetuosi a fare scherzi con l'oscuro e mitico santuario del Secondo Emendamento per "il diritto di portare armi". ”

Se questo significa ottenere il permesso di una famiglia per mostrare il corpo di un bambino macellato, allora è quello che dovrebbe essere fatto. Il "cattivo gusto" può avere senso quando si lotta per una legislazione salva-vita.

Solutions Collecting From Web of "Perché nessuna foto dei bambini massacrati di Newtown?"