Perché mentiamo?

Diciamo che è sbagliato. Usiamo termini eufemistici come "bugia bianca" o "fibbing" per alleviare la nostra colpa. Incrociamo superstiziosamente le nostre dita dietro le nostre spalle, come se in qualche modo sospendessimo le regole e ci giudicheremmo dalla parte giusta del fair play comunicativo.

E, oh, le reti aggrovigliate che tessiamo quando prima ci esercitiamo per ingannare. Ti piace quella linea? L'ho inventato io. Proprio adesso. Onesto.

Se mentire crea mal di testa, allora perché lo facciamo? Perché, ammettiamolo, non possiamo proprio aiutarci. Si scopre che quando si tratta di mentire, le carte sono impilate contro di noi, sia dal condizionamento comportamentale che dalla biologia evolutiva cognitiva.

Comportamento prima. Chi di noi non ama il brivido di una sparatoria? Soprattutto quando la posta in gioco è alta. Vincere o perdere, tutto o niente. Rotoliamo i dadi e raccogliamo la nostra ricompensa, a volte. Se vinciamo, il più delle volte, rotoliamo di nuovo. E se perdiamo – avete indovinato – rotoliamo di nuovo comunque la maggior parte del tempo.

Questo perché un gioco di merda ci tiene quasi irresistibilmente attratti dalla sua stessa natura – e dalla nostra. I profitti sono imprevedibili, erogati in base a un programma di remunerazione variabile. Precisamente il tipo di programma che mantiene più fortemente qualsiasi comportamento appreso.

La menzogna funziona allo stesso modo.

Non sappiamo mai se una data bugia sta per dare i suoi frutti. È come se la mamma di Forrest Gump dicesse sempre di scatole di cioccolatini: "Non sai mai cosa otterrai".

Non solo quello, ma mentire ha anche un'altra forma di variabilità incorporata – una grandezza variabile di rinforzo – perché quando mentiamo, anche la posta in gioco che stiamo giocando varia. E ampiamente così.

Mentire può salvarci dalle situazioni imbarazzanti. Risparmia i sentimenti degli altri. Preservare o rafforzare le alleanze. Migliora la posizione sociale. Tienici fuori dai guai. Persino salviamo le nostre vite.

Il che ci porta alla biologia evolutiva della cognizione perché mentire è, di fatto, uno strumento prezioso nel kit di sopravvivenza di ogni specie sociale. Basta chiedere a Koko, il gorilla della lingua dei segni, che una volta strappò una cucina da un muro.

Ops. Il proprietario lo odierà.

Per uscire da sotto, Koko ha metaforicamente gettato il suo gattino domestico sotto l'autobus, firmando furtivamente agli istruttori interroganti la spiegazione, "Cat ha fatto."

I formatori di Koko non l'hanno comprato. Vai a capire.

E questo, ovviamente, è uno dei problemi con la menzogna. Essere bravi richiede pratica. Fortunatamente per noi, iniziamo presto.

Gli studi hanno dimostrato che i bambini umani iniziano a praticare l'inganno già a partire dai sei mesi di età attraverso tali gambetti che attirano l'attenzione come finti pianti o risate. Ma tendiamo a diventare veramente bravi a mentire – cioè a mentire in modo convincente – dopo altri quattro anni di pratica studiosa.

Molti vanno avanti in quei quattro anni.

Le menzogne ​​oltraggiose e incredibili si perdono gradualmente mentre i bambini imparano che tipo di bugie funzionano e quando. Osservazione e pratica sono richieste. Così, si scopre, è un lobo cerebrale prefrontale normalmente funzionante, come hanno dimostrato negli ultimi anni gli studi sui malati di Parkinson sfidati dall'inganno.

È interessante notare che le specie primate non sono le sole quando si tratta di intelligenza sufficiente per padroneggiare l'arte del bluff. Killdeer, un uccello marino di taglia media che nidifica in depressioni basse sul terreno, è un maestro dell'inganno.

Per proteggere le uova dai predatori, le ferite false degli adulti uccidono gettando un'ala a terra e trascinandola in modo convincente per attirare volpi affamate e simili lontano da un nido minacciato. Quando la volpe è abbastanza lontana dalle uova, il killer si solleva in aria illeso – dando un nuovo significato al termine "pranzo al volo".

A differenza di Koko, alcuni bugiardi non umani riescono persino a darci una bipede per i nostri soldi, come ho imparato durante l'addestramento dei delfini per la US Navy.

I delfini militari vengono addestrati per rilevare le miniere sommerse e i sommozzatori nemici. In entrambi i casi, gli animali devono pattugliare la superficie ben lontana dagli sguardi indiscreti dei loro allenatori, quindi riportare indietro. Minaccia assente o minaccia presente. E indovina cosa? A volte, i delfini mentono.

Nel momento in cui i delfini militari sono attivi nella flotta e pronti ad essere di aiuto nelle operazioni di combattimento, i loro giorni di menzogne ​​sono generalmente ben dietro di loro, grazie ad un attento addestramento di rinforzo positivo da parte dei loro operatori umani.

Ma all'inizio del corso di addestramento per il rilevamento di un delfino, l'animale spesso sviluppa un pregiudizio verso la segnalazione della presenza, piuttosto che dell'assenza, di un bersaglio. È naturale, dal momento che quelle risposte guadagnano grosse ricompense di pesce mentre il delfino sta ancora imparando che vale la pena trovare bersagli.

All'inizio, ogni risposta positiva corretta – il presente obiettivo – è fortemente rinforzata. Un programma di ricompensa fisso, il programma più efficace per promuovere l'apprendimento di un nuovo comportamento.

Una volta che il delfino ha appreso il suo compito, gli allenatori trasformano gli sforzi del delfino in un tiro di merda passando da un programma fisso di ricompensa a uno variabile.

A volte, riportando correttamente l'assenza di un obiettivo guadagna tanto quanto ricompensa correttamente la presenza di un bersaglio. A volte no. A volte una marea di snack di pesce è coinvolta quando arriva il momento del pagamento, altre volte solo un filo.

Come la mamma di Forrest dice sempre: "Non sai mai cosa otterrai".

E così dall'inganno arriva l'affidabilità – almeno nei delfini. La maggior parte di noi umani, tuttavia, mostra la veridicità dell'affermazione di Mark Twain secondo cui le persone non sono mai più veritiere di quando ci consideriamo bugiardi.

Copyright © Seth Slater, 2013

Solutions Collecting From Web of "Perché mentiamo?"