Perché lodiamo il parto naturale?

wikimedia common Motherhood
Fonte: wikimedia common Motherhood

Di solito siamo sospettosi dei mercanti del dolore. Pensa che la reazione di decantazione che solleva un "cutter" garantisce. Certo, siamo ammirati dal ragazzo che si è tagliato il braccio per liberarsi dall'essere intrappolato tra due rocce. Ma se avessimo scoperto che lui aveva la possibilità di districarsi in modo indolore, saremmo stati licenziati in maniera significativa. Cosa rende diverso il parto?

Non può essere solo un danno potenziale (ancora incommensurabile) che potrebbe arrivare al bambino dall'antiquivalente, perché le persone che non riescono a recitare questa preoccupazione ammirano ancora il parto naturale. È che i sostenitori del parto naturale trovano il dolore che rende tutto così eccitante? Dove si trova la sfida se non fa davvero male? Dov'è il trionfo in qualcosa che chiunque potrebbe fare? Non mi dispiace questo tipo di pensiero. Trova la gloria dove puoi. Scegliere il parto naturale e avere momenti difficili con esso sicuramente merita uno status accanto ad altri comportamenti di ricerca del brivido. Ma come altri comportamenti di ricerca del brivido, la scelta di avere un parto non dedicato dovrebbe poi essere attentamente relegata alla categoria di comportamento "opzionale e non chiaramente morale".

A meno che non manchi qualcos'altro positivo che il dolore provoca?

Una possibilità è che introduca una grande e necessaria umiltà. Evitare l'arroganza umana è importante dal punto di vista morale, e il dolore del parto potrebbe essere considerato "naturale" perché fissa ciò che è inadatto a una madre che si sente in controllo della sua nascita.

Sono d'accordo con altri filosofi sul fatto che l'umiltà è l'atteggiamento che dovremmo sviluppare in risposta alla "natura", e non posso pensare a nessuna eccezione dovuta al contesto, non a quella del biochimico, dell'aquila-riabilitatore o dell'urbanista. Quindi capisco che i critici delle pratiche di parto infantile della medicina moderna possono diventare preoccupati quando vengono a conoscenza di c-sezioni pianificate. Il timore è che queste donne non riescano a mostrare la temerarietà di fronte alla natura, non riconoscendo il suo legittimo controllo.

Sfortunatamente, nel frattempo, il pensiero che le donne rendano le loro nascite convenienti sembra portare alla luce un'evocazione piuttosto disonorevole. Le donne accusate di avere bambini in questo modo sono descritte come vane e orribili. Puoi dire che l'accusatore sta facendo qualche foto nella loro testa, una caricatura di qualcuno a cui non è mai piaciuto.

D'altra parte, alcune donne sembrano sentirsi molto male nell'avere ceduto e aver preso l'epidurale. Spesso danno la colpa al dottore, dicendo che alla fine ha insistito. Certo, le donne si sentono male per avere c-sezioni troppo. Se il parto naturale è buono perché è naturale nel senso di armonioso, abbiamo incontrato un po 'di paradosso. Un "piano di nascita" sarebbe una cattiva idea, uno dalla parte dell'arroganza che il dolore dovrebbe correggere.

Ha senso suggerire che il dolore del parto ci aiuterà ad avere atteggiamenti migliori in seguito?

Bene, un punto contro l'idea è che le nostre cure mediche non sono consegnate in un modo che è molto potente. I pazienti non chiamano i colpi come se ordinassero il servizio in camera. Vediamo lo stesso paradosso che ho appena menzionato quando riconosciamo che i critici delle nascite "medicalizzate" tipicamente parlano di come non riescono a responsabilizzare la madre.

O forse la preoccupazione è che le madri che prendono antidolorifici vengono ingannate dalla medicina moderna nel pensare di non poter fare quello che possono. Invece di arrogante, quello che potrebbero essere è eccessivamente umile, eccessivamente spaventato. Potrebbero non capire che i loro corpi sono in grado di consegnare il bambino senza assistenza, che potrebbero avere il bambino senza antidolorifici.

Ma affrontare il dolore del parto senza attenuarlo? Non è successo nel mio caso. Per tagliare un lungo argomento (quello del libro) breve, come in altri periodi di stress che mi hanno completamente esaurito, non c'era lezione morale nell'esperienza o nella mia sopravvivenza. Diciamo a noi stessi miti su queste cose, sostengo. Il nostro effettivo sviluppo etico dipende da altre cose, e potremmo (faccio umilmente sottomettere) fare meglio a focalizzarci su questi piuttosto che fare affermazioni strane sul bene del dolore naturale.

Ho avuto modo di esplorare ulteriormente questo argomento in "Maternità: La nascita della saggezza" edito da Sheila Lintott e dato una prefazione di Judith Warner. Il libro è un meraviglioso accompagnamento all'esperienza di dare alla luce e avere un figlio. Le madri non possono aiutare, ne sono certo, ma a pensare filosoficamente a queste cose. È giunto il momento per un libro di rivolgersi a nuove madri come pensatori, riflettendo sulla loro condizione.

 

Solutions Collecting From Web of "Perché lodiamo il parto naturale?"