Perché limitarsi?

ThomasWolter/Pixabay
Fonte: ThomasWolter / Pixabay

Nel mio lavoro di psicoterapeuta, parlo spesso con persone che pensano molto male a se stesse. Generalmente i loro pensieri sono ingiusti e inaccurati, e gran parte del nostro lavoro affronta queste opinioni distorte di se stessi.

Quando un paziente che chiamerò Jay mi ha detto che non ha avuto successo nella sua vita professionale, la mia reazione istintiva come terapeuta era cercare di aiutarlo a sentirsi meglio riguardo a ciò che aveva realizzato. Come terapeuta CBT, ciò significava guardare insieme le prove e vedere se il successo che aveva avuto (che non era insignificante) corrispondeva alla sua visione di se stesso.

Insieme, io e Jay abbiamo rivisto tutto ciò che aveva fatto dal college, specialmente le numerose start-up digitali di successo che aveva creato. Non ha discusso con me, ma dopo la nostra discussione non sembrava convinto. Immaginavo che avremmo avuto più lavoro da fare nelle sessioni future per aiutarlo a riconoscere e sentire i suoi successi.

C'era una discrepanza tra le realizzazioni di Jay e quello che sentiva di dover realizzare. Mi sono rivolto automaticamente a quest'ultimo, cercando di cambiare i suoi sentimenti riguardo a ciò che aveva realizzato.

Prima della nostra prossima sessione, però, mi chiedevo qualcosa, e se la sua insoddisfazione per il suo successo professionale fosse basata su un'intuizione importante? E se avessimo bisogno di affrontare non la sua autostima ma la sua tendenza a limitarsi ed evitare i rischi? Forse Jay aveva ragione.

Oona Räisänen/Pixabay
Fonte: Oona Räisänen / Pixabay

Nella nostra prossima sessione ho sollevato questa possibilità con Jay, e il modo in cui i suoi occhi si sono illuminati mi ha detto tutto quello che dovevo sapere. Abbiamo iniziato ad affrontare i modi in cui aveva imposto dei limiti a se stesso e ha cercato di giustificare il fatto di rimanere allo stesso livello. Dato l'enorme talento di Jay, non era una sorpresa che questi limiti si fossero sentiti limitati. Aveva bisogno di crescere.

È importante sapere che cosa cercava Jay non era la ricerca senz'anima di sempre di più. Non desiderava ammirazione, ricchezza o potere. Piuttosto, la sua spinta proveniva da una consapevolezza molto radicata che aveva vissuto la sua vita come se avesse un piede sul freno, e non era un modo soddisfacente di vivere.

Sospetto che molti di noi si limitino nel modo in cui Jay aveva. Perché trattenerci? La ragione principale è la paura , che ha molte facce:

  1. Cosa succede se fallisco e mi imbarazzo? Avviare un'impresa, scrivere un libro, fare domanda per un nuovo lavoro o una promozione: ogni volta che dichiariamo le nostre intenzioni di andare verso un obiettivo, rischiamo di fallire … e di far sapere agli altri che abbiamo fallito.
  2. Cosa succede se riesco e gli altri sono gelosi? A volte ciò che temiamo non è tanto il fallimento quanto il successo. Potremmo temere che altre persone pensino che pensiamo di essere un colpo grosso o che ci invidieranno e che le nostre relazioni cambieranno.
  3. E se riuscissi all'inizio ma non riuscissi a sostenerlo? Facendo bene, aumentiamo le aspettative degli altri. Potremmo preoccuparci che saremo una "meraviglia unica" e deluderemo tutti, incluso noi stessi. Questa paura potrebbe essere particolarmente pronunciata per gli artisti che dipendono dalla creatività per il loro successo.
  4. Cosa succede se scopro di non essere competente come pensavo? Fino a quando non proviamo a raggiungere un obiettivo, possiamo sempre dirci che siamo in grado di raggiungerlo. A un certo livello abbiamo un potenziale infinito; la prova arriva una volta che ce la facciamo. Se falliamo, abbiamo rivelato i limiti delle nostre capacità. L'autoassistenza è un modo comune per provare a mantenere quel senso di potenziale: "Non ho dato il massimo, quindi forse avrei potuto farlo davvero."

Ognuna di queste paure potrebbe diventare realtà. La domanda, come sempre, non è se qualcosa di brutto potrebbe accadere ma se il premio potenziale vale il rischio. Ho chiesto a Jay come si sentirebbe se avesse fatto passi audaci verso i suoi obiettivi più grandi e alla fine ha fallito. Anche se non poteva saperlo con certezza, aveva il forte sospetto che sarebbe stato più felice aver provato e fallito, piuttosto che chiedersi cosa sarebbe successo se avesse tentato. Tendo ad essere d'accordo.

byrev/Pixabay
Fonte: byrev / Pixabay

Un avvertimento: è importante affrontare i nostri obiettivi da un luogo di interezza piuttosto che considerarci carenti. Siamo fondamentalmente sani come siamo, eppure non dobbiamo rimanere esattamente come siamo. Una ghianda e un alberello di quercia sono entrambi perfetti a modo suo. Allo stesso tempo, il cambiamento-crescita-è l'ordine naturale delle cose.

Non conosco il resto della storia di Jay. Dopo un paio di altre sedute ha deciso di porre fine alla terapia. Sospetto e spero che sia perché si sentiva come se avesse ottenuto ciò di cui aveva bisogno e potesse fare ciò che voleva fare.

Se ci pensi ora, è probabile che tu possa identificare un obiettivo che hai avuto, forse per un lungo periodo, che non hai davvero perseguito. Cosa ti trattiene? Vale la pena rischiare?

Solutions Collecting From Web of "Perché limitarsi?"