Perché l'età cerebrale? Possiamo fare qualcosa a riguardo?

La maggior parte delle nostre informazioni su come il cervello invecchia si concentra sul deterioramento della funzione. Anche questo non è semplice. Due processi procedono simultaneamente: la maturazione e l'acquisizione di conoscenze e competenze; e l'invecchiamento, che implica una ridotta capacità di apprendere cose nuove, di ricordare nuovi elementi nella vita, insieme ad un'agilità ridotta e ad una maggiore tendenza a perdere l'equilibrio. Quindi, mentre i giovani di solito sono più bravi nello sport, o imparano a giocare a giochi per computer o in lingue nuove rispetto a quelli più grandi, sono gli ultimi a gestire società, eserciti diretti e nazioni dominanti. L'esperienza fa molto per controbilanciare l'invecchiamento cerebrale. Ma cosa succede nel cervello?

Si pensava che il cervello avesse perso le cellule nervose (neuroni) durante la vita successiva. Poiché i neuroni, a differenza di molte cellule in altre parti del corpo, non possono essere sostituiti (sebbene ci siano eccezioni a questo: vedi sotto), si è ipotizzato che la perdita neuronale possa spiegare il declino correlato all'età nella funzione cerebrale. In effetti, studi più recenti hanno dimostrato che questo è molto meno di quanto si pensasse una volta. Naturalmente, in coloro che soffrono di malattia di Alzheimer, un evento legato all'età, c'è una profonda perdita di neuroni e la divisione tra invecchiamento "normale" e "patologico" non è sempre chiara. Ciò che sembra accadere negli umani più anziani è una perdita di connettività nel cervello. Ad esempio, la densità delle connessioni (sinapsi) nei lobi frontali diminuisce con l'età. Perché succede e può essere rallentato?

Una teoria popolare implica il danno per ossidazione. Il corpo produce un tipo di ossigeno altamente reattivo durante il metabolismo. Se questo non viene rimosso, può danneggiare le cellule, inclusi i neuroni. Esistono enzimi speciali che rimuovono questo tipo di ossigeno e questi tendono a diventare meno efficienti con l'aumentare dell'età. Tuttavia, i tentativi di migliorare la rimozione dell'ossigeno reattivo non sono stati molto efficaci, quindi questa teoria è ancora in discussione.

Un'altra teoria, più recente, riguarda la glia. Si tratta di cellule nel cervello che giacciono intorno ai neuroni e hanno molte funzioni importanti (ad esempio fanno la mielina, la sostanza che avvolge le fibre nervose e consente loro di condurre impulsi). Cambiano con l'età e questo può avere un effetto a catena sui neuroni o sulle loro connessioni. Se questo è vero, il segreto dell'invecchiamento cerebrale risiede nella glia.

Glia si occupa anche di infiammazione (ho scritto un recente blog sull'infiammazione cerebrale). Producono sostanze (comprese quelle chiamate citochine) che, in determinate circostanze, possono danneggiare il cervello. L'infiammazione tende ad aumentare nelle persone anziane, dal momento che il loro sistema immunitario diventa meno efficace. Le connessioni tra i neuroni, le sinapsi, sono sensibili all'infiammazione.

Le persone anziane tendono a diventare diabetiche e gli ormoni associati alla regolazione della glicemia e dello zucchero stesso possono avere azioni deleterie sul cervello. È noto che il diabete di tipo 2 è un fattore di rischio per il morbo di Alzheimer. Quindi, se c'è un controllo meno efficace della glicemia, o cambiamenti negli ormoni (ad es. Insulina) che regolano il modo in cui il cervello lo usa, ciò può contribuire all'invecchiamento del cervello. L'obesità può anche alterare gli stessi ormoni ed è stato suggerito per accelerare l'invecchiamento cerebrale.

I neuroni stessi possono mostrare alterazioni legate all'età in funzione, che possono ridurre la loro capacità di formare nuove connessioni o resistere agli agenti potenzialmente dannosi. I mitocondri sono i produttori di energia di tutte le cellule, inclusi i neuroni. Possono cambiare con l'età e questo può interferire con il funzionamento del cervello. Potrebbe anche renderli più sensibili alle molecole di ossigeno reattivo sopra menzionate.

L'ippocampo è una regione del cervello particolarmente interessata a formare nuovi ricordi. Gli animali anziani mostrano perdita di connettività nell'ippocampo, e i metodi per contrastare questo miglioramento migliorano anche le loro prestazioni cognitive. L'ippocampo è una delle poche regioni del cervello che può creare nuovi neuroni durante la vita adulta. È interessante notare che gli ormoni possono influenzare sia la connettività che la formazione di nuovi neuroni nell'ippocampo. L'estrogeno è stato mostrato, negli animali da esperimento, per aumentare la connettività ippocampale, che può essere rilevante per le donne in post-menopausa. Il cortisolo, l'ormone dello stress, diminuisce la formazione di nuovi neuroni: il cortisolo tende ad aumentare con l'età (anche se questo può essere variabile individualmente).

Possiamo fare qualcosa per ridurre o ritardare l'invecchiamento del nostro cervello? Ci sono prove crescenti che possiamo. Il fatto importante è che ci sono molti modi in cui il cervello può invecchiare, quindi ci possono essere molti possibili rimedi futuri, e questi possono differire tra individui. Ridurre l'assunzione di grassi saturi e zucchero raffinato è stato dimostrato sperimentalmente per rallentare l'invecchiamento cerebrale. Anche l'esercizio è benefico; i topi anziani fatti funzionare regolarmente mostravano una cognizione migliorata rispetto a quelli che conducevano una vita più sedentaria (che i ratti anziani, come gli umani, tendono a fare). Possono essere utili metodi più efficaci per ridurre l'infiammazione, agendo sull'infiammazione stessa o sul sistema immunitario. Il trattamento ormonale post-menopausale può essere efficace in alcune donne, anche se questo rimane controverso: potrebbe essere un esempio dell'importanza della medicina personalizzata). Esistono metodi per contrastare gli effetti del cortisolo (tornerò su questo in un altro blog). Ci sono alcune prove che alcuni composti presenti nel cibo (la curcumina è uno) possono ritardare l'invecchiamento cerebrale.

Alcune persone mantengono alti livelli di abilità cognitive ben oltre i loro anni ottanta e oltre, altre no. Finché non sappiamo perché questo è, lottiamo per combattere l'invecchiamento del cervello in una popolazione sempre più anziana.

Solutions Collecting From Web of "Perché l'età cerebrale? Possiamo fare qualcosa a riguardo?"