Perché l'edonismo non porta alla felicità

rodridge119/flickr
Fonte: rodridge119 / flickr

Quando ero un adolescente, ho attraversato un periodo di depressione. Ho smesso di uscire la sera e trascorrevo la maggior parte del mio tempo da solo nella mia stanza, rimuginando e ascoltando la musica. Mio padre è sempre stato un ragazzo allegro e socievole, e ha trovato difficoltà a capirmi. Mi diceva sempre: "Dai il morale a Steve! Siamo qui solo per settanta o ottanta anni, quindi devi divertirti. "Mi offriva dei soldi per andare nei bar e mi incoraggiava a bere birra, a divertirmi ea chiacchierare con le ragazze. Ma ho preferito restare solo. All'epoca non riuscivo a spiegarlo, ma avevo la netta sensazione che mio padre avesse torto. Sentivo che c'era di più nella vita che semplicemente divertirsi. Ma cosa potrebbe essere?

In apparenza, la filosofia edonistica di mio padre ha un senso. Il nostro tempo in questa vita è limitato e potrebbe finire in qualsiasi momento, quindi sicuramente dovremmo regalarci il massimo divertimento, avventura ed esperienza che possiamo. Quale sarebbe il punto di metterci attraverso la sofferenza e le difficoltà? Puoi confrontare la vita con una lunga vacanza. Quando andiamo in vacanza, di solito cerchiamo di avere un "buon momento" che possiamo, quindi sicuramente dovremmo fare lo stesso con la "lunga vacanza" della vita?

La tragedia di Errol Flynn

Ho pensato a questi problemi di recente mentre leggevo l'autobiografia della prima star del cinema Errol Flynn. Flynn era per molti aspetti un uomo molto impressionante: intelligente, determinato e carismatico (oltre che estremamente bello). Il suo obiettivo principale era ottenere quanto più poteva dalla vita. Credeva che dal momento che sarebbe stato su questo pianeta solo una volta, avrebbe dovuto provare tutto. Prima di diventare una stella del cinema, era un commerciante e avventuriero in Nuova Guinea, e aveva ambizioni di essere reporter e autore. (In effetti, in seguito scrisse due romanzi oltre alla sua autobiografia.) Nato e cresciuto in Australia, Flynn viaggiò in Inghilterra per intraprendere la carriera di attore, poi tentò la fortuna a Hollywood, dove la sua fama e la sua ricchezza gli davano accedere a molte altre esperienze. Aveva relazioni con alcune delle donne più famose e belle del mondo, occupava alcune delle più belle dimore di Hollywood e possedeva una serie di yacht incredibilmente costosi. La sua filosofia del "provare tutto" lo ha portato a sperimentare droghe, tra cui eroina e cocaina.

Lo stile di vita sontuoso di Flynn può sembrare attraente, ma più che altro, esemplifica la natura illusoria della felicità edonistica. Insoddisfatto e dissoluto, Errol Flynn morì all'età di 50 anni, in parte a causa degli effetti dell'abuso di alcool (l'autopsia scoprì che soffriva di cirrosi epatica). E ancora peggio, il suo stile di vita eccessivo ha lasciato dietro di sé una scia di caos. C'è un egoismo intrinseco nell'edonismo: concentrandosi sulla propria personale ricerca del piacere, gli edonisti si mettono davanti agli altri e trascurano le loro responsabilità. E questo era certamente vero per Flynn. I suoi innumerevoli amanti e le tre mogli, e più significativamente i suoi quattro figli, furono gravemente danneggiati dalla sua irresponsabilità ed egoismo.

Naturalmente, ci sono molti altri personaggi famosi e ricchi che hanno avuto problemi simili. Essere un milionario e avere accesso a piaceri illimitati, comfort e lussi non ha aiutato Elvis Presley, Michael Jackson, Whitney Houston e molte altre celebrità a trovare contentezza. Se mai, la loro ricchezza e fama sembrano aver causato loro problemi psicologici, e portato alla loro fine.

Per chiunque abbia studiato psicologia positiva, nulla di tutto ciò sarebbe sorprendente. Gli psicologi positivi hanno stabilito che semplicemente avere un "buon tempo" nel momento presente non fornisce le basi di una vita di benessere. Ci sono molti altri fattori importanti: per esempio, un senso di scopo e significato, relazioni positive, periodi regolari di flusso (assorbimento o coinvolgimento in attività), uno stile di pensiero positivo e un senso di realizzazione e successo. Avere contatti regolari con la natura, praticare atti di altruismo e un senso di autosviluppo sono anche importanti fonti di benessere. Alla lunga, cercare di trovare la felicità unicamente attraverso l'edonismo porta al senso di mancanza di senso e di vuoto. Una vita basata sul flusso, l'altruismo e l'autosviluppo diventano ricchi di significato e realizzazione, nello stesso modo in cui un giardino coltivato con cura diventa fertile e abbondante.

Quindi penso che avevo ragione a dubitare di mio padre. Non sono più un giovane depresso. Ora sono un uomo di mezza età che si sente ancora giovane ed eccitato dalla vita, con un continuo senso di soddisfazione. E sento che questo è in gran parte perché ho sempre intuito che la vita significa molto di più del semplice divertimento, o "divertirsi".

Steve Taylor PhD è un docente senior in psicologia presso la Leeds Beckett University, nel Regno Unito. Il suo ultimo libro è The Leap: The Psychology of Spiritual Awakening.

www.stevenmtaylor.com

Solutions Collecting From Web of "Perché l'edonismo non porta alla felicità"