Perché le rotture sono così schiaccianti per alcuni e così facili per gli altri

Photographee.eu/Shutterstock
Fonte: Photographee.eu/Shutterstock

Nei tre anni trascorsi da quando Sabrina, che ora ha 29 anni, e il suo fidanzato di un anno di vita, rimase affranta e incapace di andare avanti davvero. Mentre gli amici e la famiglia la spingevano a lasciare il ricordo del suo ex, spalancò segretamente la speranza che un giorno sarebbe tornato. Lui, d'altra parte, si era mosso rapidamente dopo la separazione e cominciò a frequentarsi felicemente senza darle alcun pensiero.

Perché alcuni soffrono all'indomani di una rottura, mentre altri sembrano non solo sopravvivere, ma prosperare?

Da una prospettiva neurobiologica, come ora sappiamo, l'amore nel cervello è simile alla dipendenza. Quando ci innamoriamo, il nostro cervello è invaso da una serie di neurochimici "sentirsi bene", tra cui adrenalina, dopamina, norepinefrina, serotonina e, se il legame con il nostro partner è particolarmente forte, l'ossitocina. Questi prodotti chimici ci fanno sentire molto motivati ​​a stare svegli a tutte le ore della notte parlando con l'oggetto del nostro affetto, pensando a lui o lei per quello che sembra ogni minuto di ogni giorno, e, naturalmente, andando a lunghezze inspiegabili a fare cose che non avremmo mai potuto immaginare di fare per un altro essere umano. Come dice la famigerata canzone dei proclamatori: "Camminerei per 500 miglia e ne camminerei altri 500, solo per essere l'uomo che percorse mille miglia per cadere alla tua porta".

Tuttavia, mentre la nostra relazione progredisce e iniziamo a stabilirci nella vita quotidiana con il nostro partner, anche questi neurochimici tendono a stabilirsi. Questo è in definitiva il migliore: sarebbe piuttosto costoso vivere una vita in cui pensiamo al nostro partner giorno dopo giorno; non faremmo mai niente. Tuttavia, quando si verifica una rottura, il nostro cervello ritorna ai sentimenti intensi di amore che abbiamo avuto una volta. Questo perché, senza l'amore cui ci siamo abituati, il centro di ricompensa del nostro cervello diventa disperato per il feedback che ha ricevuto una volta, e continua a rilasciare neurochimici come un modo per motivarci a riattaccare. Senza un partner, tuttavia, non vi è alcuna ricompensa. Di conseguenza, proviamo un dolore terribile, persino debilitante, che il cervello non può separare dal dolore fisico.

Perché questo processo è così doloroso? Da una prospettiva evoluzionistica, siamo costruiti per legarci; aiuta a garantire la nostra sopravvivenza come specie. E mentre ci siamo evoluti, queste parti profonde del nostro cervello non hanno. Perdere un legame è doloroso, quindi ci sentiamo incoraggiati ad evitare il dolore, riattaccare a un altro e legare di nuovo. Tuttavia, la prospettiva neuro-biologica non spiega in modo particolare il motivo per cui alcuni individui si muovono dalle relazioni con facilità, nonostante passino attraverso un simile processo di svezzamento, mentre altri rimangono dipendenti e affranto.

Quando si tratta di relazioni interrotte, salvo abusi, traumi o malattie mentali, uno dei principali ostacoli a proseguire è la convinzione romantica che non ci può essere solo un "vero amore" per noi nel mondo. Da questa prospettiva, l'amore si manifesta a prima vista e può conquistare tutto. Se siamo sposati all'idea che c'è solo una persona là fuori per noi, e che abbiamo trovato la nostra anima gemella nell'uomo o nella donna che ha appena rotto con noi, scavalcare queste credenze profondamente radicate sull'amore può essere una sfida . Ciò che può essere particolarmente doloroso non è capire che il nostro ex partner potrebbe avere una credenza diversa sull'amore, vedendolo meno come una conseguenza del destino e più come un processo di crescita, compatibilità e incontro reciproco.

Se hai credenze romantiche, un modo per iniziare il processo di guarigione dopo una rottura è riconoscere che se il tuo ex partner fosse davvero la tua anima gemella, allora probabilmente non avrebbe sciolto la relazione. Allo stesso modo, può aiutare a riconsiderare le tue convinzioni romantiche a pensare all'amore come a un processo che può essere vissuto più volte con più persone per tutta la vita.

Un altro motivo per cui possiamo aggrapparci a vecchi sentimenti può dipendere dal nostro stile di attaccamento. Dei tre modi principali in cui possiamo legarci romanticamente ad un'altra persona, quelli con uno stile di attaccamento ansioso (circa il 21% della popolazione) tendono ad essere più dipendenti dai loro partner durante una relazione e sperimentano la più grande difficoltà ad andare avanti. Anche se la relazione era malsana, le persone con uno stile di attaccamento ansioso sono più propensi a rimuginare e persino inseguire un ex, in particolare se erano sul lato ricevente della rottura. Ciò ostacola il passaggio, poiché la distanza psicologica è cruciale per una pausa pulita. Eliminare foto, e-mail, testi e informazioni di contatto del tuo ex partner ed evitare luoghi che ti ricordano di lui o lei può aiutare. Riconnettersi con vecchi conoscenti o fare nuovi amici (specialmente quelli che hanno stili di attaccamento sicuri e possono fungere da modelli) può aiutare a regolare il proprio stile di attaccamento, che la ricerca mostra può cambiare nel tempo.

Infine, a causa dell'effetto Zeigarnik – in cui le persone ricordano compiti incompleti o interrotti più intensamente delle attività completate – il business non finito può rendere particolarmente difficile andare avanti. Se hai discusso di matrimoni, figli o progetti futuri in modo approfondito con il tuo ex, è naturale che tu voglia completare questi compiti. La chiusura psicologica può arrivare scrivendo un'ultima lettera di "addio" all'ex partner e inviandola senza aspettarsi una risposta, o semplicemente scartandola una volta scritta.

Le rotture possono essere difficili da sopportare, ma c'è speranza di andare avanti.

fonti

Fisher, H. (2004). Perché amiamo: la natura e la chimica dell'amore romantico. Macmillan.

Fisher, H. (2016). Anatomia dell'amore: una storia naturale di accoppiamento, matrimonio e perché ci allontaniamo (completamente revisionati e aggiornati con una nuova introduzione). WW Norton & Company.

Fisher, HE, Aron, A., & Brown, LL (2006). Amore romantico: un sistema di cervello di mammifero per scelta del compagno. Transazioni filosofiche della Royal Society of London B: Scienze biologiche, 361 (1476), 2173-2186.

Fisher, HE, Aron, A., Mashek, D., Li, H., & Brown, LL (2002). Definire i sistemi cerebrali di lussuria, attrazione romantica e attaccamento. Archivi di comportamento sessuale, 31 (5), 413-419.

Hazan, C., & Shaver, P. (1987). Amore romantico concettualizzato come processo di attaccamento. Journal of personality and social psychology, 52 (3), 511.

Levine, a & Heller, R. (2010). Allegato: La nuova scienza dell'allegato per adulti e come può aiutarti a trovare – e mantenere – l'amore. Pinguino.

MacDonald, G., & Leary, MR (2005). Perché l'esclusione sociale fa male? La relazione tra dolore sociale e fisico. Bollettino psicologico, 131 (2), 202.

Savitsky, K., Medvec, VH, e Gilovich, T. (1997). Ricordando e rimpiangendo: l'effetto Zeigarnik e la disponibilità cognitiva di azioni deplorevoli e inazioni. Bollettino di personalità e psicologia sociale, 23 (3), 248-257.

Wilcox, WB, & Dew, J. (2010). L'amore è un fondamento fragile? Anima gemella contro modelli istituzionali di matrimonio. Ricerca sulle scienze sociali, 39 (5), 687-699.

Solutions Collecting From Web of "Perché le rotture sono così schiaccianti per alcuni e così facili per gli altri"