Perché le persone votano? III

Anche dopo che ho lasciato il campo della teoria della scelta razionale della politica e sono diventato uno psicologo evolutivo, il paradosso dell'affluenza degli elettori (e la mia stessa risoluzione teorica del paradosso) ha continuato a perseguitarmi. Perché le persone si comportano come il loro voto ha fatto la differenza nel passato risultato elettorale?

Da una prospettiva psicologica evolutiva, ha senso che le persone si sentano personalmente responsabili del risultato del processo decisionale collettivo come un'elezione. Ricorda, il Principio della Savana suggerisce che il cervello umano è prevenuto nel percepire l'ambiente come se fosse ancora l'ambiente ancestrale, dove eravamo cacciatori-raccoglitori che vivevano in una piccola banda di 50-150 individui imparentati. E nell'ambiente ancestrale, non ci sono state grandi elezioni nazionali con milioni di votanti o schede segrete.

Immagina di essere il nostro antenato che vive nella savana africana come cacciatore-raccoglitore. Se dici ai tuoi compagni di band, "Andiamo in montagna a caccia di cinghiali", e il tuo rivale dice "Andiamo nella foresta e cacciamo le scimmie", e la tua band decide collettivamente di andare in montagna a caccia di cinghiali , non è affatto irragionevole pensare che la tua opinione (il tuo "voto") abbia avuto un effetto sulla decisione collettiva. Innanzitutto, il gruppo è piccolo, quindi ogni adulto in una fascia di 150 persone ha una percentuale molto più ampia del voto collettivo rispetto a un cittadino nelle elezioni presidenziali americane. In secondo luogo, il "voto" (processo decisionale collettivo) nell'ambiente ancestrale non prevedeva scrutinio segreto. Tutti nel gruppo sapevano come tutti "hanno votato". A differenza delle moderne elezioni nazionali, le opinioni tue e dei tuoi rivali potrebbero non essere state valutate allo stesso modo. Quindi hai tutte le ragioni (razionali) per credere che il tuo voto abbia influito sul risultato collettivo, e dovresti continuare a cercare di influenzare la decisione collettiva del gruppo. Viceversa, il tuo rivale ha tutte le ragioni (razionali) per credere che la sua opinione non abbia peso nel tuo gruppo, e forse dovrebbe smettere di cercare di influenzare la decisione del gruppo.

Nel mio articolo sulle Forze Sociali del 2001, ho ipotizzato che questo potrebbe essere il motivo per cui prendiamo il risultato elettorale delle ultime elezioni come rinforzo o punitore sulla nostra ultima risposta (voto o astensione). Otto anni dopo, un team di neuroscienziati, guidato da Kevin S. LaBar nel Center for Cognitive Neuroscience della Duke University, presenta le prime prove dirette della mia speculazione.

Nel loro articolo "Dominanza, politica e fisiologia: cambiamenti di testosterone degli elettori nella notte delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 2008", pubblicato su PLoS One , LaBar ei suoi colleghi hanno prelevato campioni di saliva da 57 maschi e 106 elettori femminili nella notte di le elezioni presidenziali del 2008, alle 20:00 prima che il vincitore venisse annunciato, al momento dell'annuncio del vincitore, 20 minuti dopo che il vincitore era stato annunciato, e 40 minuti dopo che il vincitore era stato annunciato. Come mostrano i grafici sottostanti, il livello di testosterone delle donne non sembra variare in funzione del candidato che hanno sostenuto. In netto contrasto, tra gli uomini, quelli che hanno votato per Obama hanno mantenuto alti livelli di testosterone, mentre quelli che hanno votato per McCain e altri candidati minori hanno sperimentato una caduta precipitosa del loro livello di testosterone 40 minuti dopo che il vincitore è stato annunciato.

Studi precedenti hanno dimostrato che i livelli di testosterone dei giocatori di tennis maschili e dei giocatori di scacchi maschili (sì, giocatori di scacchi) fluttuano in funzione del risultato del concorso. I livelli di testosterone dei vincitori rimangono alti dopo la loro vittoria, mentre i livelli di testosterone dei perdenti precipitano precipitosamente dopo la sconfitta, probabilmente per indurre un comportamento sottomesso dopo la loro sconfitta nella competizione. Lo studio di LaBar et al. È la prima dimostrazione empirica che i sostenitori dei candidati presidenziali prendono personalmente il risultato elettorale mentre i giocatori di tennis e di scacchi prendono il risultato dei loro giochi. Sembra che almeno gli elettori maschi prendano il risultato elettorale molto personalmente, coerentemente con le mie speculazioni. Se questo risultato è replicabile e generalizzabile, possiamo finalmente sapere perché la gente vota.

Solutions Collecting From Web of "Perché le persone votano? III"