Perché le persone significano? Parte 1

È facile capire le motivazioni per andare d'accordo con gli altri. Per cominciare, gli esseri umani sono esseri incredibilmente sociali che hanno bisogno di relazioni positive. In realtà, non ci sarebbe davvero alcuna possibilità di una società se le persone non, in generale, cooperassero tra loro e andassero d'accordo.

Eppure, le persone si danneggiano abbastanza spesso a vicenda, di proposito. (in altre notizie, il cielo è blu!).

Ma perché è questo? Perché le persone spesso vogliono ferire e danneggiare gli altri? Decenni di ricerche indicano che c'è molta verità nella credenza popolare che le persone sono cattive con gli altri per sentirsi meglio con se stessi.

Distinzione positiva

La teoria dell'identità sociale sostiene che gli esseri umani hanno un bisogno psicologico di base di "distintività positiva". In altre parole, le persone hanno bisogno di sentirsi uniche dagli altri in modi positivi. Poiché gli esseri umani formano naturalmente gruppi, questa esigenza di distinzione positiva si estende ai gruppi a cui apparteniamo. Cioè, tendiamo a vedere i nostri in-gruppi più favorevolmente rispetto agli out-group (gruppi a cui non apparteniamo). Di conseguenza, tendiamo a vedere le persone che non fanno parte del nostro gruppo meno positivamente delle persone che lo sono. Questo è particolarmente probabile quando si verifica una competizione tra i gruppi o quando le persone si sentono come se l'identità del loro gruppo sia stata messa in discussione.

La ricerca in questa tradizione trova più spesso che le persone mostrano il favoritismo in gruppo e, inoltre, che i membri degradanti del gruppo possono avere un impatto positivo sull'autostima e sui sentimenti di positività nei confronti dei propri gruppi.

Confronti verso il basso

La teoria del confronto sociale sostiene che le persone naturalmente fanno paragoni con altre persone. E questi confronti spesso possono farci sentire peggio di noi stessi o meglio di noi stessi. Poiché generalmente preferiamo sentirci bene, siamo inclini a fare confronti verso il basso o confronti che ci permettono di guardare dall'alto in basso verso altre persone. Inoltre, la ricerca basata su questa teoria supporta anche l'idea che le persone siano più negative nei confronti degli altri quando vengono insultati o sminuiti, e questo può far sentire meglio le persone (può aiutare a ripristinare l'autostima). In uno studio, quando alle persone veniva detto che non erano attraenti (usando un falso feedback), rispetto a quanto veniva detto che erano attraenti, valutavano gli altri non solo come meno attraenti, ma anche meno intelligenti e meno gentili. In poche parole, essere insultato rendeva le persone più propense a svilire gli altri.

Proiezione classica

Freud sosteneva decenni fa che le persone affrontano opinioni negative di se stesse percependo che le altre persone hanno livelli particolarmente alti di quella stessa visione negativa. Fondamentalmente, dire che ti senti disonesto. È più probabile che tu veda le altre persone come disoneste, e questo ti rende, in un certo senso, più onesto te stesso.

La ricerca supporta questa idea. In uno studio, quando alle persone veniva detto che erano pieni di rabbia, erano più propensi a percepire il comportamento di un'altra persona come esibendo la rabbia. E così facendo hanno avuto meno pensieri arrabbiati.

Ego Threat

I ricercatori hanno scoperto che è minacciata dall'autostima che causa molta aggressività. In altre parole, non importa se le persone si sentono bene o male in generale. Ciò che conta è che le persone, in quel momento, si sentano peggio di se stesse del solito.

Questa linea di ricerca ha scoperto che l'autostima minacciata è associata a una vasta gamma di comportamenti aggressivi intensificati. Per esempio, quando le persone vengono insultate, al contrario delle lodi, è più probabile che costringano un'altra persona ad ascoltare rumori fastidiosi.

Sommario

Che sia come mezzo per promuovere i nostri gruppi o noi stessi, tendiamo ad essere più aggressivi quando la nostra autostima è stata messa alla prova e non ci sentiamo particolarmente ottimisti riguardo a noi stessi. Quando la nostra autostima è minacciata, siamo più propensi a confrontarci con persone che pensiamo siano peggiori di noi, a vedere altre persone che hanno tratti negativi, a degradare le persone che non sono membri dei nostri gruppi e a diventare più direttamente aggressivo nei confronti delle persone in generale.

Quando insulti o critichi qualcun altro, potresti dire di più su come ti senti rispetto a te stesso dell'altra persona.

L'insicurezza su noi stessi guida gran parte della crudeltà nel mondo.

Solutions Collecting From Web of "Perché le persone significano? Parte 1"