Perché le persone non fanno ciò che è buono per loro?

Perché, ho chiesto nel mio post precedente, le persone non sarebbero motivate a fare cambiamenti che potrebbero migliorare la loro vita?

E la risposta è: è una domanda trabocchetto. Le persone sono motivate a fare ciò che è buono per loro. Il problema è che "ciò che è positivo per loro" è spesso così vicino come sembra ovvio – e che, anche se riescono a capire cosa sia, potrebbero non credere che sarà possibile per loro farlo. In poche parole, nel cuore del mito di essere "immotivati" si trova lo stato di ambivalenza frustrante, demoralizzante e completamente umano.

Immagina di iniziare a capire che qualcosa sul tuo attuale comportamento o situazione potrebbe essere un problema per te. Inizi a pensare di fare un cambiamento e quasi immediatamente pensi a cosa potrebbe costarti fare quel cambiamento. Certo, perdere peso e rimettersi in forma migliorerà la tua salute, ti darà più energia e più gusto, migliorerà la tua autostima. Ma potrebbe anche richiedere di rinunciare al sonno per allenarsi al mattino, o perdere tempo prezioso con la famiglia la sera; potresti dover rinunciare ad alcuni dei tuoi cibi preferiti (e al comfort che portano) o tollerare la sensazione di fame (e il disagio che provoca).

Quando si tratta di decisioni importanti sulla vita, quasi ogni opzione a cui una persona si trova di fronte ha dei costi (reali e percepiti) e dei benefici. Per risolvere la tua ambivalenza devi credere che i vantaggi di perseguire un percorso superino drammaticamente i costi – che i vantaggi di una opzione siano chiaramente superiori ai vantaggi degli altri. Ma cosa intendo per "supera drammaticamente"? Quanto è superiore "chiaramente superiore"?

Immagina di averti detto che esisteva una pillola speciale che, se presa una volta al giorno, ti farebbe vivere fino a 100 anni e non essere mai malata un giorno nella tua vita. Lo prenderesti? Naturalmente, i benefici della pillola superano di gran lunga il piccolo inconveniente. Ma ora immagina di averti detto che per ricevere la pillola dovresti essere d'accordo nel non vedere mai più nessuna delle persone che ami. Accetteresti questo accordo?

Una vita lunga e sana è qualcosa che quasi chiunque vorrebbe, persino fare sacrifici per. Eppure la maggior parte di noi apprezza le persone che amiamo ancor più di quanto apprezziamo la nostra salute e quando le opzioni in competizione provocano un conflitto di valori, quasi sempre sceglierai l'opzione che ti interessa di più, anche se comporta costi propri o sembra sbagliato per le persone intorno a te.

Ma immaginiamo che hai deciso che un particolare cambiamento porterebbe molti benefici e pochi costi e che sarebbe completamente coerente con i tuoi valori. Possiamo anticipare con certezza che agirai per fare quel cambiamento? Non necessariamente. Se ti aspettavi che i tuoi sforzi fallissero, è molto probabile che tu non abbia nemmeno la briga di provarci. E perché dovresti?

Risolvere l'ambivalenza richiede non solo di conoscere il percorso che è giusto per te, ma anche di sentirsi sicuro di perseguirlo, credendo di riuscire a realizzare ciò che speri di ottenere. Se credi di avere un problema, ma non credere che ci sia qualcosa che sei in grado di fare per risolverlo, hai solo due opzioni: rifiuto o disperazione. Cioè, puoi dire a te stesso che in realtà non hai un problema (o che non è poi così male) o che puoi affrontare l'idea che il problema sia davvero serio ma completamente irrisolvibile e consumato dalla disperazione.

Cosa influenza la sicurezza di una persona nel riuscire in qualcosa? Il fattore più importante è la nostra precedente esperienza di successo e fallimento: i successi aumentano la fiducia e gli errori li erodono, a meno che non decidiamo che il fallimento è stato solo una battuta d'arresto e saremo in grado di riuscire se proviamo un approccio diverso. Ma non è solo la nostra storia con una particolare ricerca che modella le nostre convinzioni su ciò che possiamo realizzare; i successi percepiti in un settore danno fiducia che possiamo avere successo negli altri, così come i fallimenti percepiti in un settore possono intaccare la nostra fiducia in generale. E ciò che proviamo per noi stessi in generale – la nostra autovalutazione generale o autostima – può anche avere un ruolo nel fatto che ci sentiamo in grado di affrontare qualsiasi sfida che affrontiamo.

Le persone sono motivate a fare ciò che è buono per loro. Quando vedono una chiara direzione in avanti, coerente con i loro valori e che credono di poter realizzare, sono molto propensi ad andare avanti. Ciò che la maggior parte della gente ha bisogno di scollarsi è aiutare a decidere cosa è giusto per loro e credere nella loro capacità di arrivarci. Questo è ciò che l'intervista motivazionale è progettata per fornire – e nei post a venire vedremo più da vicino come MI lo fa.

Solutions Collecting From Web of "Perché le persone non fanno ciò che è buono per loro?"