Perché le persone adottano le regole morali?

Le prime date e i grandi eventi sociali, come le riunioni di famiglia o le riunioni di vacanza, possono lasciare la gente a chiedersi quali argomenti debbano essere vietati per le conversazioni o addirittura a temere quali argomenti saranno inevitabilmente discussi. Non c'è nulla di simile al disagio che uno zio ubriaco sente il bisogno di farti sapere esattamente cosa pensa del modo giusto di creare politiche di immigrazione o cosa può pensare di pensare al matrimonio gay. Allo stesso modo, potrebbe non essere una buona idea aprire un primo appuntamento con una discussione approfondita delle vostre opinioni profondamente radicate sull'aborto e il razzismo negli Stati Uniti oggi. La gente si rende conto, giustamente, che questi temi carichi di morale hanno il potenziale per essere piuttosto divergenti e possono rapidamente alienare nuovi partner romantici o causare conflitti all'interno di gruppi altrimenti coesi. In alternativa, tuttavia, nel caso in cui vi capita di essere in buon accordo con gli altri su tali argomenti, possono rivelarsi motivi fertili per iniziare nuove relazioni o rafforzare quelle vecchie; il nemico del mio nemico è mio amico e simili tali detti lo attestano. Tutto ciò significa che devi stare attento a dove e come diffondi le tue opinioni su questi argomenti. Le posizioni morali sono un po 'come il letame in questo modo.

Ora queste sono cose piuttosto importanti da considerare se sei un essere umano, dal momento che una buona parte del tuo successo nella vita sarà determinata da chi sono i tuoi alleati. La propria abilità fisica non è più sufficiente per vincere conflitti quando si combatte contro alleanze sempre più grandi, per non parlare del fatto che anche gli alleati fanno miracoli per le opzioni disponibili riguardo ad altre iniziative cooperative. Gli amici sono utili e questa non dovrebbe essere una novità per nessuno. Ciò, naturalmente, determinerebbe pressioni selettive per adattamenti che aiutino le persone a costruire e mantenere alleanze sane. Tuttavia, non tutti finiscono con una forte rete di alleanze in grado di aiutarli a proteggere o raggiungere i loro interessi. Amici e alleati sono una risorsa a somma zero, poiché il tempo che trascorrono aiutando una persona (o un gruppo di persone) è il tempo non speso con un altro. I migliori alleati sono una risorsa molto limitata e desiderabile e solo pochi eletti potranno accedervi: quelli che hanno qualcosa in cambio di valore da offrire in cambio. Allora, cosa devono fare le persone verso il fondo della gerarchia dell'alleanza? Bene, una risposta potenziale è l'ovvio, e un po 'deprimente, risultato: non molto. Tendevano a essere sfruttati da altri; spesso spietatamente. O hanno bisogno di aumentare la loro desiderabilità come partner per gli altri, al fine di creare amici che possano proteggerli o affrontare quei costi sociali gravi e persistenti.

Ogni via disponibile per quelle parti sfruttate che li aiutino ad evitare tali costi e proteggere i loro interessi, quindi, dovrebbe essere estremamente allettante. Un nuovo documento di Petersen (2013) propone che una di queste strade potrebbe essere quella di chi non ha il dipartimento dell'alleanza di essere più incline a usare la moralizzazione per proteggere i propri interessi. Nello specifico, la proposizione offerta è che se manca la capacità privata di far rispettare i propri interessi, sotto forma di amici, si potrebbe essere sempre più inclini a rivolgersi a mezzi pubblici di applicazione: reclutando punitori moralisti di terze parti. Se riesci a creare una regola morale che protegga il tuo interesse personale, le terze parti – anche quelle che altrimenti non hanno un'alleanza consolidata con te – dovrebbero diventare i tuoi guardiani di fatto ogni volta che tali interessi sono minacciati. Di conseguenza, l'argomento sostiene che coloro che non hanno amici dovrebbero essere più inclini a sostenere le norme esistenti che li proteggono dallo sfruttamento, mentre quelli con molti amici, che sono in grado di sfruttarne altri, dovrebbero provare meno interesse a sostenere le regole morali che impediscono sfruttamento. A sostegno di questo modello, Petersen (2013) nota che esiste una correlazione negativa – anche se piuttosto piccola – tra i proxy per la moralizzazione e il sostegno sociale basato sull'amico (in contrapposizione al sostegno familiare o religioso, che tendeva a correlarsi, ma nella direzione positiva).

Quindi analizziamo un ipotetico esempio per chiarire un po 'questo: ti ritrovi al liceo e relativamente solo in quel mondo, socialmente. Il bullo della scuola, con il suo branco di amici, ti ha perseguitato e preso i tuoi soldi per il pranzo; la mossa classica del bullo. Potresti provare a far fronte ai bulli per prevenire la perdita di denaro, ma è probabile che tali tentativi vengano affrontati con aggressività fisica, e finiresti solo per farti del male e perdere comunque i tuoi soldi. Dal momento che non hai abbastanza amici che sono disposti e in grado di contribuire a ribaltare le probabilità a tuo favore, potresti tentare di convincere gli altri che dovrebbe essere immorale rubare i soldi per il pranzo. Se hai successo nei tuoi sforzi, la prossima volta che i bulli tentano di infliggere dei costi su di te, si troveranno opposti dagli altri studenti che altrimenti rimarrebbero semplicemente fuori (a condizione, ovviamente, che siano in giro a il tempo). Mentre questi altri studenti potrebbero non essere i tuoi alleati in altre occasioni, sono tuoi alleati, temporaneamente, quando ti vengono rubati. Ovviamente, il furto moraleggiante ti impedisce di derubare gli altri – oltre a farlo per te – ma dal momento che non sei nella posizione di rubare a qualcuno in primo luogo, non è davvero una grossa perdita per te , relativo al guadagno.

Fase due: cerca di rendere immuni i wedgies.

Mentre un tale modello pone una soluzione potenzialmente interessante per coloro che non hanno alleati, lascia molte domande importanti non indirizzate. Il principale tra queste domande è la questione di ciò che è in esso per le terze parti? Perché le altre persone dovrebbero adottare le tue regole morali, al contrario delle loro, e tanto meno essere sicuri di intervenire anche se condividete la regola morale? Mentre il supporto di terze parti è certamente un beneficio netto per il moralizzatore che inizialmente non può difendere i propri interessi, è un costo netto per le persone che devono effettivamente applicare la regola morale. Se quei bulli cercano di derubarti, i costi di dissuasione e, se necessario, di combatterli, ricadono sulle spalle di altri che probabilmente preferirebbero evitare tali rischi. Questi costi sono ulteriormente amplificati perché una regola morale contro il furto del denaro del pranzo dovrebbe richiedere alle persone di punire ogni e qualsiasi istanza del bullismo; non solo il tuo specifico. Poiché le persone punitive non sono generalmente un ottimo modo per costruire o mantenere relazioni con loro, sostenere questa regola morale, quindi, potrebbe impedire ai punitori di formare quelle che potrebbero essere alleanze altrimenti utili con le parti prepotenti. Perdere potenziali amicizie per sostenere temporaneamente qualcuno con cui non si è realmente amici e che non diventeranno amici non sembra un ottimo investimento.

I costi non finiscono nemmeno lì, però. Diciamo, ipoteticamente, che la maggior parte della gente è d'accordo sul fatto che il furto del denaro del pranzo debba essere fermato e che sia disposto ad accettare la regola morale in primo luogo. Ci sono dei costi per far rispettare la regola, ed è generalmente nell'interesse di tutti di non subire personalmente tali costi. Quindi, mentre le persone potrebbero essere perfettamente contente del loro essere una regola contro il furto, non vogliono essere quelli che devono farla rispettare; preferirebbero cavalcare liberamente gli sforzi di punizione di altre persone. Sfortunatamente, la regola morale richiede un gran numero di potenziali punitori perché sia ​​efficace. Ciò significa che coloro che sono disposti a punire dovrebbero incentivare i non punitori a iniziare a punire. Questi incentivi, ovviamente, non sono gratuiti da consegnare. Questo ora conduce a punitori che hanno bisogno, in sostanza, non solo di punire coloro che commettono l'atto immorale, ma anche di punire coloro che non riescono a punire le persone che commettono l'atto immorale (che porta a punire coloro che non riescono a punire coloro che non riescono a punire e così via. La ricorsione può essere difficile da tenere traccia di). Dato che i costi dell'attuazione continuano a salire, in assenza di benefici compensativi, non mi è del tutto chiaro perché i terzi dovrebbero essere coinvolti nelle dispute degli altri, o cercare di convincere altre persone a farsi coinvolgere. Punire un atto "perché è immorale" è solo un passo semantico dal punire qualcosa "solo perché".

Un modello più plausibile, credo, sarebbe un modello di moralizzazione basato sull'alleanza: le persone potrebbero essere più inclini ad adottare regole morali nell'interesse di aumentare il loro valore associativo agli altri specifici. Usiamo uno dei delicati argomenti iniziali – l'aborto – come un caso di prova qui: se adotto una posizione morale che si oppone alla pratica, mi renderei un alleato meno attraente per chiunque ami l'idea che gli aborti siano disponibili, ma Mi piacerebbe anche essere più attraente per collaborare con chiunque non gradisca l'idea (a parità di tutti gli altri). Ora questo potrebbe sembrare un lavaggio in termini di costi e benefici nel complesso – ti apri ad alcuni amici e li precludi agli altri – ma ci sono due ragioni principali per cui preferirei ancora l'account dell'alleanza. Il primo è il più ovvio: individua alcuni potenziali benefici per gli adepti delle regole. Se è vero che ci sono dei costi per prendere una posizione morale, non ci sono più solo i costi. Il secondo vantaggio del conto di alleanza è che il problema chiave qui potrebbe non essere se si fanno o si perdono amici nel complesso, ma piuttosto che può ingraziarsi a persone specifiche. Se stai cercando di impressionare un particolare potenziale partner romantico o alleato, piuttosto che tutti i partner o alleati romantici più in generale, potrebbe essere sensato adattare le tue opinioni morali a quel pubblico specifico. Come è stato notato in precedenza, l'amicizia è un gioco a somma zero, e non si diventa amici con tutti.

Fondamentalmente, questi due non stanno cercando di impressionarsi a vicenda.

Inutile dire che il modello dell'alleanza è tutt'altro che completo in quanto ha tutti i dettagli specifici, ma ci fornisce alcuni punti plausibili con cui avviare la nostra analisi: considerazioni su quali specifici segnali possono essere usati dalle persone per valutare i relativi aspetti sociali valore, o come quei segnali interagiscono con le attuali condizioni sociali per determinare il grado di supporto morale corrente. Sento che le risposte a tali domande ci aiuteranno a far luce su molte altre, come il motivo per cui quasi tutte le persone saranno d'accordo con la regola apparentemente universale che afferma "uccidere moralmente è sbagliato" e poi continuare ad espandere su molti, molti non – eccezioni universali a quella regola morale sulla quale non sono d'accordo (come quando si uccide per legittima difesa, o quando si scopre che la propria partner fa sesso con un'altra persona, o quando si uccide un membro di certe specie non umane o si uccide involontariamente, o quando si uccide un paziente malato terminale piuttosto che lasciarlo soffrire, e così via …). L'attenzione, credo, non dovrebbe essere sul perché la forza di una forza punitiva di terze parti può essere, ma piuttosto sul motivo per cui terze parti potrebbero preoccuparsi (o non curarsene) delle violazioni morali degli altri in primo luogo. Solo perché penso che l'omicidio sia moralmente sbagliato, non significa che reagirò allo stesso modo a tutti i casi di omicidio.

Riferimenti : Petersen, M. (2013). Moralizzazione come protezione contro lo sfruttamento: le persone senza alleati moralizzano di più? Evoluzione e comportamento umano, 34, 78-85

Copyright Jesse Marczyk

Solutions Collecting From Web of "Perché le persone adottano le regole morali?"