Perché le nostre passioni cambiano e perché va bene

Vlad Teodor / Shutterstock

Recentemente a una cena ho ascoltato un uomo che descrive il suo hobby. Gli piace dipingere con l'acquerello. Ma li lascia semplicemente accatastare. "Non ho una passione per questo", ha detto. Al contrario, ho frequentato un seminario per linguisti e sono rimasto stupito dall'intensità della loro devozione verso gli aspetti più ottusi del linguaggio.

Il che mi ha fatto riflettere su come qualcuno di noi generi una passione.

Il mio percorso è stato una serie di diverse pietre miliari motivazionali. Volevo essere un atleta, poi un artista. Ho provato entrambi. Ora sono uno scrittore. Recentemente stavo raccontando a un amico che scriveva che forse la mia attuale passione avrebbe lasciato il posto a qualcos'altro. Lei era sorpresa.

Ma mentre queste passioni influenzano il mio senso di identità, non mi definiscono. Sono quello che chiamo un appassionato di serie. Mi butto a capofitto in qualche area tematica o attività, imparando tutto ciò che posso, finché la passione non si allontana. Poi vado avanti. Un altro inevitabilmente prende piede. E non torno mai indietro. Ci sono cose che mi sono piaciute per tutta la vita, ma queste passioni – hanno la loro stagione.

Ho visto questa nozione di entusiasmo seriale dimostrata in un personaggio della storia del New Yorker del 1995 di Susan Orlean, "The Orchid Thief". O forse, dovrei dire che mi è diventato vivido nell'adattamento cinematografico del film del 2002, Adaptation .

Meryl Streep interpreta Susan Orlean. Ha un incarico per coprire il processo a John Laroche, arrestato per bracconaggio di orchidee dalla Fakahatchee Strand State Preserve della Florida. Chris Cooper interpreta Laroche, un personaggio unico con un debole per passione. Lui sa come immergersi.

C'è una scena in cui guida il suo furgone mentre Orlean lo intervista. Si muove rapidamente attraverso i suoi vari interessi passati. Prima c'era l'amore per le tartarughe e poi i fossili dell'Era Glaciale. Sostituire questa era una passione per la raccolta di specchi olandesi del XIX secolo.

Orlean vuole sapere come può essere coinvolto in qualcosa e poi semplicemente staccarsi e andare avanti. Non investe tutta la sua anima? Non gli manca?

Laroche dice che una volta si è profondamente innamorato del pesce esotico. Ha persino iniziato a fare immersioni con la pelle per trovare quelli giusti e ha avuto sessanta acquari. Poi un giorno, fu così. "Fatto con i pesci". Non va nemmeno più nell'oceano.

Orlean è perplesso. Tuttavia, è anche consapevole (nella versione cinematografica) che non ha mai provato passione in questo grado. Torna a New York di fronte al suo stesso vuoto. Sebbene si unisca ai suoi amici per prendersi gioco di Laroche, si chiede segretamente come ci si sente ad avere una forza così potente.

Amo Laroche perché lo capisce. Sa immergersi completamente in una materia o in un progetto e spigolarlo per il suo pieno impatto sulla sua vita. Sa anche quando ha ottenuto quello che può. Capisce che quando è il momento di andare avanti, "Fatto con i pesci".

Almeno ha provato una profonda passione e il fascino di qualcosa che lo chiama e gli dà modo di allargare il suo mondo. Sa come ci si sente per la passione di sceglierlo.

Prendendo questo incarico, il personaggio di Orlean in Adattamento (nessuna riflessione sull'autore effettivo) ha ricevuto un regalo. Le è stato permesso di vedere una tale passione da vicino nella forma della sua ossessione per le orchidee. Segue Laroche in una palude umida e pericolosa piena di rischi e il potenziale per perdersi nel vedere perché qualcuno possa cercare insistentemente il raro fiore di un'Orchidea fantasma.

The Ghost Orchid è la metafora centrale. Nel film, ha delle proprietà che, se ingerite, aiutano le persone a, come dice Laroche, "essere più affascinati".

Dovremmo tutti chiederci, qual è l'orchidea fantasma nella mia vita? Cosa cattura la mia attenzione e mi attira vicino? Cosa mi eccita così tanto che devo rispondere? In che cosa investirò volentieri la mia anima?

Alcuni teorici dicono che creiamo la nostra fonte di fascino. Troviamo qualcosa a cui abbiamo un'affinità naturale, che io chiamo un "acceleratore", e lo uso per organizzare i nostri obiettivi. Ma penso che sia più forte di questo. Ho affinità per un bel po 'di cose che non mi chiamano come una passione completa.

Lo sai quando lo senti . Hai la sensazione di fluttuare che qualcosa di significativo è a portata di mano e ti muovi verso di esso. Lo fai spazio nella tua vita e vivi la sua meravigliosa fioritura. Forse afferma i tuoi obiettivi, o forse li cambierà completamente. Sei nella sua presenza più che nel tuo.

Per alcune persone, una singola passione motiva la loro intera vita. È chi sono e non si arrenderebbero mai. Per gli altri, come me e John Laroche, gli entusiasmi seriali funzionano meglio. So che qualunque cosa mi spinga verso un'esperienza profondamente immersiva probabilmente si affievolirà. Ma va bene, perché altre cose non ancora conosciute lo sostituiranno.

Non ha senso cercare di mangiare qualcosa che ha perso il suo sapore. Preferirei avere molte consumazioni se passioni finite piuttosto che chiedermi cosa vuol dire avere anche solo una.

Solutions Collecting From Web of "Perché le nostre passioni cambiano e perché va bene"