Perché le menti sono come gli smartphone

Cosa hanno in comune more, iPad e cervello? Tutto funziona bene grazie alla potente integrazione di hardware e software, combinando sintassi, semantica e pragmatica.

La visione predominante e di buon senso delle menti li porta ancora a essere entità spirituali, capaci di immortalità, comunicazione con Dio e libero arbitrio. Al contrario, la scienza cerca di capire le menti come funzionando meccanicamente, ma i tipi di meccanismi proposti sono cambiati radicalmente nel corso dei secoli. Ecco una cronologia approssimativa delle analogie meccanicistiche che hanno dominato teorie scientifiche su menti e cervelli:
• 1600: orologi con marce
• 1700: corde vibranti
• 1800: impianto idraulico
• 1900 (prima metà): centralini telefonici
• 1900 (seconda metà): computer digitali
Consentitemi di proporre la seguente aggiunta a questa lista:
• 2000: smartphone

Questa proposta deriva dal considerare le virtù del mio iPad, i cui molti usi ho descritto in un post precedente. L'hardware dell'iPad comprende un ampio schermo sensibile al tocco, un processore veloce, una lunga durata della batteria, comunicazione wireless, sensore di movimento, microfono e altoparlante. Il software iPad include il suo sistema operativo veloce e oltre 300.000 applicazioni disponibili, molte delle quali gratuite. Ancora più importante, l'iPad ha un meraviglioso grado di integrazione di hardware e software, con una serie di programmi che fanno un uso elegante di tutte le funzionalità fisiche del dispositivo. Gli smartphone come i modelli iPhone, Blackberry e Android aggiungono funzionalità aggiuntive come fotocamere, maggiore portabilità e, naturalmente, telefoni, ma soffrono rispetto a schermi molto più piccoli.

I cervelli sono persino migliori degli smartphone e degli iPad nell'avere un'integrazione ancora più stretta di hardware e software. Le operazioni intelligenti richiedono una combinazione di:
• sintassi: simboli con struttura, come nelle grammatiche per le lingue;
• semantica – significato allegato ai simboli; e
• pragmatica: usi intenzionali dei simboli.
Gli attuali computer digitali sono veloci ed efficaci nel lavorare con la sintassi, come vediamo nelle operazioni matematiche e nei milioni di righe di codice che governano molte applicazioni software. Ma i cervelli superano ancora i computer nella maggior parte degli aspetti dell'intelligenza perché non hanno bisogno di avere semantica e pragmatica fornite da un programmatore esterno. Le persone hanno sistemi sensoriali esterni per la visione, il tatto, l'udito, l'olfatto e il gusto, così come i sistemi interni per percepire ciò che accade all'interno del corpo. I nostri corpi ci danno anche la capacità di agire, in modo che i sistemi sensoriali e il controllo motorio generino circuiti di feedback con il mondo che fornisce molti dei nostri simboli mentali con la semantica. Inoltre, gli organismi contribuiscono alla pragmatica nel generare obiettivi di base per cibo, acqua, riparo e relazione con altre persone; questi obiettivi sono segnalati da emozioni che combinano la valutazione della rilevanza delle situazioni attuali con la percezione degli stati corporei. I computer digitali sono stati in gran parte motori sintattici, ma i cervelli umani sono motori che combinano simultaneamente sintassi, semantica e pragmatica in un unico pacchetto efficace.

Gli smartphone, insieme agli sviluppi in robotica come i veicoli autonomi, sono un passo nella stessa direzione, in virtù del modo in cui integrano hardware e software. Gli smartphone offrono molta più interazione con il mondo rispetto alla maggior parte dei computer del 20 ° secolo grazie a (1) componenti di ingresso come fotocamere e microfoni, (2) componenti di uscita come schermi vivaci, altoparlanti e prese per auricolari e (3) wireless bidirezionale comunicazione. Ovviamente, gli smartphone sono ancora di gran lunga inferiori ai cervelli sotto molti aspetti, inclusa la capacità di apprendere dall'esperienza e di essere emotivi e consapevoli.

Cosa ci vorrebbe per costruire uno smartphone, un iPad o un altro computer capace di coscienza? Poiché la scienza manca ancora di una comprensione dettagliata di come il cervello diventa cosciente, è difficile dare un elenco preciso, ma penso che sia abbastanza noto suggerire le seguenti aggiunte desiderabili per rendere consapevole uno smartphone:
1. Sistemi sensoriali migliorati per visione e altre modalità.
2. Le uscite del motore hanno fornito alcune interazioni controllate con il mondo esterno.
3. Meccanismi per l'integrazione di diverse modalità sensoriali, che li legano insieme in interi unificati. Ad esempio, il caffè deve essere visto contemporaneamente come marrone, caldo, fragrante e saporito.
4. Meccanismi di apprendimento per produrre nuove rappresentazioni e nuove connessioni tra le rappresentazioni.
5. Meccanismi per rappresentazioni di rappresentazioni di livello ancora più elevato, che consentono l'autocoscienza.
6. Maggiore capacità inferenziale che consente l'elaborazione di rappresentazioni linguistiche.
Questa è una lista scoraggiante, ma immaginabile dato lo stato attuale delle neuroscienze e dell'ingegneria. Invece di cercare di capire le menti e il cervello in termini di smartphone, questa lista trasforma in realtà l'analogia proponendo di rendere i computer più intelligenti rendendoli più simili a cervelli.

Non mi aspetto che ci sia una "app di coscienza" su smartphone o iPad nella mia vita, ma ammetto la possibilità che i progressi dell'hardware e del software finiranno per portare alla sua produzione. Fino ad allora, possiamo riposare con la conclusione che ho raggiunto nel mio libro The Brain and the Meaning of Life: le menti sono cervelli.

Per venire: il libero arbitrio è un'illusione.

Solutions Collecting From Web of "Perché le menti sono come gli smartphone"