Perché le donne invidiano la paura e perché non ne abbiamo bisogno

Un giorno molti anni fa un cliente che chiamerò Virginia * mi accusò di ferire i suoi sentimenti chiamandola competitiva. Era ironico, dal momento che Virginia aveva passato lunghe ore in terapia discutendo i suoi sentimenti competitivi nei confronti dei suoi fratelli, dei suoi collaboratori, delle sue amiche e persino del suo ragazzo. Ma ho capito cosa voleva dire. Innanzitutto, come osserva la psicoanalista e scrittrice Adrienne Harris, nonostante gli anni di cambiamento sociale le donne tendono a sentire la nostra stessa invidiabile e aggressiva competitività "come un difetto di carattere schiacciante". E in secondo luogo, la competitività genera invidia; e la maggior parte delle donne è terrorizzata da quella sensazione, che sia la nostra diretta a qualcun altro o qualcun altro diretto a noi.

Perchè è questo? E cosa, se non altro, possiamo fare al riguardo?

Prima di tutto, parliamo di cosa sia l'invidia. Molte persone scambiano le parole "invidia" e "gelosia", quindi quando definisco come sto usando la parola, potresti decidere che quello che intendo è "gelosia". Anche se ho messo molta attenzione nella scelta delle parole con attenzione in questo caso, in realtà, non penso che importi la parola che usiamo – molti di noi temono le sensazioni di cui sto parlando, qualsiasi cosa vogliamo chiamarle.

Dictionary.com definisce l'invidia come un sentimento di malcontento o avidità nei confronti dei vantaggi, del successo, dei beni altrui, ecc. Quindi quando invidiamo qualcuno per qualcosa che hanno, lo vogliamo per noi stessi e ci sentiamo arrabbiati o infelici che non lo facciamo ce l'ho. È abbastanza facile, giusto? Il problema è che questi sentimenti fanno un doppio smacco alla nostra autostima. In primo luogo, ci sentiamo come se fossimo in qualche modo inferiori al titolare di qualunque cosa desideriamo – gambe lunghe, capelli ondulati spessi, un ottimo lavoro, un partner / coniuge fantastico, una bella casa, bambini brillanti, successo, felicità, ecc. In secondo luogo, ci sentiamo male per l'invidia stessa. Sentire questi sentimenti ci fa sentire come se fossimo cattivi.

La psicanalista britannica Melanie Klein dice che parte del motivo per cui proviamo malumore di sentirsi invidiosi è che insieme al desiderio di avere ciò che qualcun altro ha, sentiamo anche di distruggerli, o almeno vogliamo danneggiare sia i loro buoni sentimenti sia qualunque altra cosa è che possiedono ciò che crediamo li stia facendo sentire bene. Questo di solito è, anche se non sempre, non un desiderio consapevole; ma è una potente emozione inconscia che non fa nulla per aiutarci a sentirci meglio con noi stessi.

Per le donne, come sottolinea Harris, c'è la sensazione aggiuntiva di essere poco femminili, non amabili e poco attraenti (divertente quanto spesso queste idee vanno insieme) avendo questi sentimenti arrabbiati, antagonistici e potenzialmente offensivi nei confronti di qualcun altro. Un'altra scrittrice psicanalitica, Ruth Moulton, scrive che sentiamo che perderemo l'approvazione degli altri se siamo troppo chiari riguardo al nostro desiderio di vincere, e, anche oggi, nei nostri periodi di "lean in", sembra che l'invidia sia spesso vista come un segnale di competitività "sopra le righe". Per non sentirlo ci mettiamo giù; oppure nascondiamo i nostri risultati; o ci siamo effettivamente dati da perdere. Ma ovviamente questi stratagemmi non funzionano. Ci fanno solo sentire peggio di noi stessi.

Quindi, dove ci lascia questo?

Mi sembra che, per parafrasare la vecchia idea dell'imitazione e dell'adulazione, l'invidia sia in realtà la più alta forma di adulazione. Chi ha mai invidiato tutto ciò che non ha ammirato? Vogliamo quello che qualcun altro ha perché pensiamo che li renda speciali in qualche modo, e pensiamo che se ce l'avessimo, ci sentiremmo anche speciali.

Penso che un problema con l'invidia sia che lo teniamo sepolto, lontano dalla luce del giorno, perché pensiamo che sia così grave; ma seppellirlo è in realtà ciò che lo rende infame. Quando possiamo parlarne, spesso si apre in una sensazione molto più mite.

Ciò accade in parte perché spesso risulta che la stessa persona che invidiamo ci invidia, a volte per la stessa cosa che ammiriamo in loro. Quando esprimiamo la nostra invidia in termini di ammirazione, spesso riceviamo ammirazione in risposta. E quando non lo facciamo, spesso riceviamo vera sorpresa e piacere dall'altra persona, che a volte è altrettanto buona!

Questo è quello che è successo con Virginia e me. Un giorno dopo aver iniziato a parlare dei suoi sentimenti invidiosi, dissi: "Ti è mai venuto in mente che potrei invidiare qualcosa che hai?" All'inizio lei fu inorridita, ma dopo aver parlato ancora, era curiosa. "Che cosa potrei avere che ti farebbe invidia?" Domandò.

Le dissi che c'erano molte cose che ammiravo e invidiavo in lei, ma una importante era il modo in cui andava dopo i suoi obiettivi. "Sei così deciso su di loro", ho detto. "Non ti lasci distrarre. Lavori a lungo, a volte fino a notte inoltrata, fino a quando non realizzi ciò che hai deciso di fare. Invidio questa capacità. Mi sembra di avere un limite di tempo interno automatico, dopo il quale devo fermarmi. "

Mi guardò in un silenzio attonito. "Lo invidio? E tu non mi odi per questo? "

Ho riso. "Certo," dissi, "A volte ti odio un po '. Ma è solo perché vorrei avere quell'abilità da solo. "

Abbiamo parlato per molte sessioni sull'idea che l'invidia sia sempre distruttiva. Dovevo essere d'accordo con Virginia quando disse: "Suppongo che sia distruttivo quando non si può parlare di questo. Una volta uscito allo scoperto, abbiamo la possibilità di condividere la nostra invidia – e la nostra ammirazione – l'uno dell'altro. Invidiarmi mi rende molto più facile abbandonare il mio desiderio di distruggerti. Perché ora so che ho anche qualcosa. "

L'invidia, tenuta nel profondo, si nutre di se stessa perché non lascia spazio alla reciproca ammirazione. Parlato, apre la stanza per il riconoscimento del fatto che quando invidiamo qualcuno, è spesso reciproco. Molto più spesso di quanto si pensi, entrambe le persone hanno qualcosa che l'altro vuole; e questa idea è molto importante per alleviare il dolore di sentimenti invidiosi su ciò che non abbiamo.

* nomi e informazioni identificative modificati per proteggere la privacy

Fonte immagine Teaser: http://4.bp.blogspot.com/-ZJ4JvKiQWoM/TnVVfdn_JFI/AAAAAAAAAi4/AIBnCl2NGw…

Solutions Collecting From Web of "Perché le donne invidiano la paura e perché non ne abbiamo bisogno"