Perché le CFL non sono un'idea così brillante

CFL toxicity
Se i CFL sono tossici, dovremmo metterli a riposo?

I colpevoli ambientali che scatenano reazioni di stress, disregolazione del sistema nervoso o reazioni di sensibilità fisica sono spesso trascurati e sottostimati. Le lampadine fluorescenti compatte ("CFL") sono diventate sempre più ubiquitarie, poiché le lampadine a incandescenza per la salute mentale vengono gradualmente eliminate negli Stati Uniti, in Canada e in Europa. Mentre i sostenitori affermano che risparmiano i costi energetici, * se i bulbi efficienti dal punto di vista energetico aumentano il carico di malattie mentali e fisiche, anche se di piccola entità, il costo collettivo per la salute pubblica può essere enorme.

L'attenzione per quanto riguarda gli effetti potenzialmente dannosi delle CFL è in genere focalizzata sulla presenza di mercurio neurotossico all'interno del bulbo, sulle varie forme di radiazioni emesse, sull'elettricità sporca o sulle quantità relativamente elevate di luce blu che causano disturbi del sonno attraverso la soppressione della melatonina. 1 Ma sembrano esserci altri aspetti che riguardano anche.

Che dire di "Flicker"?
Qualsiasi lampadina fluorescente (tubi o lampade fluorescenti compatte) emetterà uno "sfarfallio", che può innescare eventi del sistema nervoso come emicrania, tic o convulsioni in individui sensibili. I produttori affermano ora che qualsiasi sfarfallio presente nei nuovi bulbi è impercettibile per l'occhio umano e pertanto è considerato privo di sfarfallio. Ma come facciamo a sapere che il cervello non si irrita da un guizzo che l'occhio non può "vedere"? Io stesso sono sensibile alle luci fluorescenti in alto mentre mi disturbano gli occhi e mi fanno sentire svuotato. E dal momento che vedo pazienti con autismo, tic e disturbi convulsivi, ho cercato di usare solo la luce a incandescenza in qualsiasi ufficio in cui lavoro, soprattutto perché molti dei miei pazienti più sensibili si sono lamentati o mi hanno chiesto di spegnerli nei giorni in cui sono stato costretto a usarli. I pazienti con trauma cranico possono anche segnalare intolleranza alla luce fluorescente.

Le lampade fluorescenti compatte, d'altra parte, mi sembrano ancora peggiori delle lampade fluorescenti: non riesco a sopportare di stare in una stanza con una. Mi fanno sentire nervoso, frammentato e irritabile. Mi rendo conto che mi infastidiscono più della maggior parte delle persone, tuttavia l'esperienza mi ha convinto che la luce prodotta dalle CFL colpisce direttamente il sistema nervoso. Sentivo che doveva esserci qualcosa riguardo la stessa qualità della luce – non solo la radiazione o la soppressione della melatonina – che irrita i neuroni (cellule cerebrali), sia per eccitabilità elettrica (causando segnali caotici nel cervello) o per uno stress fisiologico generale (lotta o volo) risposta – o entrambi.

La luce fluorescente induce una risposta allo stress
Abbastanza sicuro, numerosi studi puntano alla luce qualità, temperatura del colore, o determinati modelli spettrali che inducono una risposta allo stress. È interessante notare che gli effetti sono non visivi, nel senso che sono causati da segnali luminosi che colpiscono la retina dell'occhio ma che non viaggiano da lì alla corteccia visiva (dove percepiamo le immagini), ma piuttosto ai percorsi circadiani.

Sebbene la reazione allo stress da CFL sia probabilmente causata da diversi fattori, qui ci sono due meccanismi separati da considerare.

  1. La temperatura elevata (più fredda / più blu) della luce fluorescente stimola i percorsi non visivi dall'occhio alle varie parti del cervello che coinvolgono i bioritmi (ad esempio "l'orologio biologico"), gli ormoni dello stress, le emozioni, i livelli di eccitazione e la tensione muscolare .

    Secondo un riassunto della ricerca sull'effetto delle CFL sulle reazioni di stress, la composizione spettrale dei bulbi CFL non sopprime solo la melatonina, ma attiva direttamente una risposta di combattimento o di volo attraverso ormoni, interruzione del bioritmo e stimolazione del centro di eccitazione del cervello. ** 2 La ricerca dimostra costantemente che luci fluorescenti aumentano i marcatori di stress, come ridotta variabilità della frequenza cardiaca, aumento della pressione sanguigna, aumento della conduttanza cutanea, maggiore risposta allo startle, riduzione della caduta della temperatura corporea durante il sonno, aumento del cortisolo e riduzione dell'onda lenta (fase 4, la fase più profonda ) rispetto all'illuminazione a incandescenza a spettro completo. 3 4 5 Poiché vi sono prove che le radiazioni e l'elettricità sporca inducono anche reazioni di stress, l'effetto di stress delle CFL è problematico.

    Il campo emergente di "antropologia fisiologica" si concentra sull'impatto di fattori ambientali tecnologici, come gli effetti biologici della luce artificiale, in modo che possiamo apportare aggiustamenti appropriati e migliorare la qualità della vita. Ad esempio, uno studio ha rilevato che la luce dinamica in un'aula di primo grado che cambiava in base alle esigenze degli studenti durante il giorno ha migliorato la fluidità della lettura orale. 6 Un altro studio ha dimostrato aumenti del comportamento prosociale negli adulti quando esposti a luce più calda, come misurato preferibilmente per risolvere il conflitto con la collaborazione piuttosto che evitare, e aumentando il tempo speso a fare volontariato non retribuito. 7

    Sebbene l'illuminazione fluorescente a spettro completo (FSFL) sia stata proposta come soluzione per imitare più da vicino la luce naturale, gli studi riguardanti i suoi effetti sull'umore e sulla cognizione sono incoerenti; una teoria sugli effetti incoerenti è che FSFL può produrre più sfarfallio sia in luminosità (luminosità) e colore (cromatica). 8

  2. Il "flutter" pupillare causato dal pattern spettrale a spillo emesso dalla luce fluorescente innesca una segnalazione aberrante. Questo meccanismo è più speculativo, e se dimostrato vero può avere un effetto più pronunciato in quegli individui con autismo o altre sensibilità / disfunzioni neurologiche. Poiché la luce fluorescente per natura emette picchi spettrali (ad esempio "scoppi" blu e rossi) come le fluorescenze di fosforo contro l'uscita a spettro completo e continua della luce a incandescenza, la luce fluorescente è più difficile da elaborare per gli occhi e il cervello. Quindi, un'ipotesi è che la natura a spillo causi una costrizione irregolare della pupilla, alternando la costrizione a picchi spettrali blu o raffiche e relativa dilatazione da lampi di luce rossa, che poi agita il cervello. 9

    Il supporto per questo effetto è la scoperta che gli individui autistici hanno una risposta pupillare più lenta alla luce, 10 e questa è una delle popolazioni che si ritiene siano più sensibili alle fluorescenti. Forse questa risposta più lenta della pupilla causa un "carico" visivo più elevato durante l'elaborazione della luce fluorescente, che esaurisce le risorse mentali e rende più probabile che l'individuo sia agitato, dirompente, ansioso o auto-stimolante nel tentativo di regolare il sistema nervoso bloccando fuori l'ambiente esterno.

    Le luci fluorescenti provocano un comportamento dirompente?

Sebbene la ricerca su questo argomento sia scarsa, ci sono stati una manciata di studi che indicano un aumento dei comportamenti ripetitivi (nell'autismo) 11 12 o l'iperattività 13 quando i soggetti sono esposti a luce fluorescente o incandescente. Le bacheche dei genitori di bambini con tic / Tourette citano spesso luci fluorescenti, specialmente intense, che provocano tic. È importante notare che questi studi hanno esaminato gli effetti immediati o a breve termine; Sospetto che gli effetti a lungo termine, come quelli che si verificano a causa di un'eccessiva durata dello schermo, sarebbero più pronunciati man mano che la disfunzione si accumula.

Lascia che il principio di precauzione sia la tua guida

Il principio di precauzione o l'approccio precauzionale afferma che se un'azione o una politica è associata a un presunto rischio di causare danni al pubblico o all'ambiente, tale azione può e deve essere intrapresa per prevenire tali danni, anche se il danno non è ancora scientificamente provato . In particolare con i bambini, dovremmo procedere con estrema cautela, dal momento che i bambini hanno vulnerabilità uniche (ad esempio alle radiazioni UV), sono ancora in fase di sviluppo e potrebbero non sopportare il peso maggiore delle esposizioni tossiche per decenni. Inoltre, alla luce dell'aumento dei tassi di autismo e di altri problemi di salute mentale nei bambini, tutti i cambiamenti ambientali negli ultimi decenni dovrebbero essere esaminati molto attentamente.

La giuria potrebbe essere fuori per quanto riguarda le CFL causando o esacerbando specifici disturbi o comportamenti neurologici o psichiatrici. Ma l'evidenza sembra abbastanza solida che le lampade fluorescenti compatte e altre luci fluorescenti inducano una risposta allo stress e incidano negativamente sul sonno, che sappiamo influire sulla regolazione emotiva, sulla memoria, sulle risposte immunitarie appropriate, sull'equilibrio ormonale e sui meccanismi di riparazione.

La luce più salutare è la luce del sole o la luce delle candele, seguita da incandescenza, quindi alogena, quindi LED, quindi CFL. Raccomando ai genitori di bambini con patologie psichiatriche, neurologiche, di apprendimento o croniche di spegnere tutte le lampade fluorescenti compatte in casa per lampadine a incandescenza o alogene. Questo è particolarmente importante da fare dentro e vicino alla camera da letto di tuo figlio. E poiché è probabile che l'aula di tuo figlio abbia fluorescenza in testa – aggiungendo ore al giorno di esposizione – chiedi a tuo figlio di sedersi vicino a una finestra, e se alcune delle luci in alto vicino alla finestra possono essere spente. Infine, puoi anche aiutare a sincronizzare i ritmi circadiani di tuo figlio esponendoli a una luce brillante prima cosa al mattino, che non solo migliorerà il sonno ma aiuterà a tamponare contro eventuali effetti negativi della luce artificiale.

Per ulteriori informazioni su come la luce proveniente dai dispositivi elettronici dello schermo può causare disregolazione del sistema nervoso, visitare www.drdunckley.com/videogames e controllare Reset Your Child's Brain: Un piano di quattro settimane per eliminare Meltdowns, Raise Grades e Boost Social Skills invertendo gli effetti di Screen-Time elettronico.

* Perché non ridurre semplicemente l'uso dell'aria condizionata? Quanti di noi portano un maglione in ufficio anche d'estate perché si gela ??

** SCN = nuclei suprachiasmatici, PVN = nuclei periventricolari, MFB = fascio mediale del proencefalo, RF = formazione reticolare. Ho realizzato un grafico per dimostrarlo ma non ho potuto aggiungerlo: la versione tecnica di questo fenomeno è che la luce colpisce la retina, viaggia verso l'SCN che regola i ritmi circadiani e la melatonina. Il segnale quindi va al PVN che proietta sia il sistema endocrino (ormoni, compreso il cortisolo) che il sistema nervoso autonomo (lotta-o-volo vs equilibrio riposo-digestione). Dal PVN, i segnali viaggiano verso l'MFB, che riguarda l'emozione e la ricerca della ricompensa, e la RF, che è il centro di eccitazione che proietta "in alto" al cervello e "in basso" al midollo spinale, innescando la tensione muscolare nel arti.

*** La luce a incandescenza viene emessa in un'onda sinusoidale liscia e simmetrica, mentre le lampade fluorescenti compatte creano perturbazioni nell'elettricità attraverso il riflusso in quanto trasformano l'energia per renderla "efficiente".

1. Magda Havas, preoccupazioni per la salute associate all'illuminazione efficiente sotto il profilo energetico e alle loro emissioni elettromagnetiche , comitato scientifico dei rischi sanitari emergenti e recentemente identificati (SCENIHR), (giugno 2008).

2. Akira Yasukouchi e Keita Ishibashi, "Effetti non visivi della temperatura del colore di lampade fluorescenti su aspetti fisiologici nell'uomo", Journal of Physiological Anthropology e Applied Human Science 24, n. 1 (gennaio 2005): 41-43.

3. MR Basso, "Relazioni neurobiologiche tra l'illuminazione ambientale e la risposta immediata allo stress acustico negli esseri umani", International Journal of Neuroscience 110, no. 3-4 (1 ° gennaio 2001): 147-57, doi: 10.3109 / 00207450108986542.

4. Tomoaki Kozaki et al., "Effetto della temperatura del colore delle fonti di luce sul sonno ad onde lente", Journal of Physiological Anthropology e Applied Human Science 24, n. 2 (marzo 2005): 183-86.

5. Yasukouchi e Ishibashi, "Effetti non visivi della temperatura di colore delle lampade fluorescenti su aspetti fisiologici nell'uomo".

6. MS Mott et al., "Illuminare gli effetti dell'illuminazione dinamica sull'apprendimento degli studenti", SAGE Open 2, n. 2 (1 giugno 2012), doi: 10.1177 / 2158244012445585.

7. Robert A. Baron, MarkS. Rea e SusanG. Daniels, "Effetti dell'illuminazione per interni (illuminazione e distribuzione spettrale) sull'esecuzione di compiti cognitivi e comportamenti interpersonali: il ruolo di mediazione potenziale dell'affetto positivo", motivazione ed emozione 16, n. 1 (1 marzo 1992): 1-33, doi: 10.1007 / BF00996485.

8. JA Veitch e SL McColl, "Un esame critico di effetti percettivi e cognitivi attribuiti a luci fluorescenti a spettro completo", Ergonomia 44, n. 3 (20 febbraio 2001): 255-79, doi: 10.1080 / 00140130121241.

9. "Flicker di illuminazione a fluorescenza", Seattle Community Network , accessibile dal 15 settembre 2014, http://www.scn.org/autistics/fluorescents.html.

10. Xiaofei Fan et al., "Riflessi di luce pupillare transitorio anormale in individui con disturbi dello spettro autistico", Journal of Autism and Developmental Disorders 39, no. 11 (novembre 2009): 1499-1508, doi: 10.1007 / s10803-009-0767-7.

11. DM Fenton e R. Penney, "Gli effetti dell'illuminazione fluorescente e incandescente sui comportamenti ripetitivi di bambini con handicap intellettuali e autistici", Journal of Intellectual and Developmental Disability 11, no. 3 (1 gennaio 1985): 137-41, doi: 10.3109 / 13668258508998632.

13. RS Colman et al., "Gli effetti dell'illuminazione fluorescente e incandescente su comportamenti ripetitivi nei bambini autistici", Journal of Autism and Childhood Schizophrenia 6, n. 2 (giugno 1976): 157-62.

14. Marylyn Painter, "Luci fluorescenti e iperattività nei bambini: un esperimento", intervento a scuola e clinica 12, n. 2 (1 ° dicembre 1976): 181-84, doi: 10.1177 / 105345127601200205.

Solutions Collecting From Web of "Perché le CFL non sono un'idea così brillante"