Perché l'attuale sistema di istruzione superiore non è sostenibile

Il costo sempre crescente dell'istruzione superiore rende il sistema insostenibile. È giunto il momento di esaminare un diverso modello di consegna, e in effetti un modello di business diverso.

Secondo il National Center for Public Policy and Education, negli ultimi 25 anni, il costo dell'istruzione superiore è cresciuto del 440%, quasi quattro volte il tasso di inflazione e il doppio del tasso di aumento dei costi dell'assistenza sanitaria. Questi aumenti dei costi si sono verificati in entrambi i college pubblici e privati. Basta dare un'occhiata agli articoli con titoli come: "La fine dell'istruzione per l'istruzione superiore come la conosciamo"; "Il college vale l'investimento?"; "L'istruzione superiore sarà la prossima bolla da scoppiare?"; e "Annegamento nel debito: la crisi emergente dei prestiti studenteschi". E l'insegnamento universitario è fuori controllo, creando una crisi del debito. Il numero di laureati in debito è aumentato del 27% rispetto agli ultimi cinque anni. E, non sorprendentemente, il tasso di default è cresciuto ogni anno. Nel giugno dello scorso anno, il debito dei prestiti studenteschi ha superato il debito delle carte di credito in America.

Un articolo del Los Angeles Times ha evidenziato alcuni dei tristi fatti, come il debito scolastico per gli studenti che supera ora i mille miliardi di dollari; e a differenza di altre forme di debito, i prestiti agli studenti sono praticamente impossibili da liquidare attraverso la bancarotta. Il governo federale degli Stati Uniti frequenta spesso stipendi, rimborsi fiscali, persino i pagamenti di sicurezza sociale da persone che non hanno pagato i loro prestiti garantiti dal governo.

L'idea della bolla dell'istruzione superiore si basa sulla proposta del fenomeno speculativo di boom e busto nell'istruzione superiore, creando il rischio di una bolla economica che potrebbe avere ripercussioni sull'economia in generale. Secondo la teoria, mentre i pagamenti per le tasse universitarie sono in aumento, il tasso di rendimento di un titolo universitario sta diminuendo e la solidità del settore dei prestiti agli studenti potrebbe essere minacciata dall'aumento dei tassi di insolvenza. Gli studenti universitari che non riescono a trovare un lavoro al livello necessario per rimborsare i loro prestiti in un ragionevole lasso di tempo sono stati paragonati ai debitori sotto ipoteche subprime le cui case valgono meno di quanto dovuto alla banca.

Glenn Reynolds, l'autore di The Higher Education Bubble , prevede che la bolla esploda "in modo disordinato". Da tempo le persone credono che "qualunque sia il costo, un'educazione universitaria è un biglietto necessario per la prosperità futura." Il credito facile ha permesso loro di pagare sempre di più, e le università hanno aumentato le tasse per assorbire i soldi extra. Tuttavia, questo non può andare avanti all'infinito, dice Reynolds, soprattutto quando le persone iniziano a chiedersi se una laurea in studi esoterici valga il debito di $ 100.000 sostenuti per pagarla.

Più recentemente, un rapporto basato sul libro Academically Adrift: Limited Learning on College Campus ha rilevato che dopo due anni di college, il 45% degli studenti ha imparato poco o niente. Dopo quattro anni, il 36% degli studenti non ha imparato quasi nulla. (Vedi: Brain Drain: la maggior parte degli studenti universitari imparano vicino a nulla, afferma il nuovo studio).

Un articolo del 2009 su The Chronicle of Higher Education riguardava la preoccupazione dei genitori che si chiedevano se valesse il prezzo per mandare i loro figli all'università. L'Economist a sua volta ha ipotizzato che la bolla scoppiare potrebbe rendere più difficile per le università riempire le loro classi e che alcuni progetti di costruzione si fermeranno. Il Boston Herald ha inoltre suggerito la possibilità di fusioni, chiusure e persino bancarotte di college più piccoli che hanno speso troppo e hanno assunto troppi debiti. Lo scrittore di National Review Dan Lips ha proposto che lo scoppio della bolla possa far abbassare i prezzi dell'istruzione superiore.

Richard Vedder, economista dell'Ohio University, ha commentato sul PBS Newshour : "La realtà è: c'è una crescente disconnessione tra ciò che il mercato del lavoro ci sta dicendo da una parte e quali sono le iscrizioni all'università dall'altra. Per un modo di misurare le cose, usando i dati statistici del Bureau of Labor del governo degli Stati Uniti, almeno un laureato su tre oggi lavora in posti che in passato o storicamente sono stati occupati da persone con un'istruzione inferiore, lavori che non richiedono un livello superiore capacità di apprendimento, capacità di pensiero critico o capacità di scrittura o qualcosa di quella natura. "

L'economista Joseph Schumpeter, scrivendo nell'Economist, sostiene che il passato non è una guida affidabile per il futuro: "l'attuale recessione dovuta alla recessione della domanda di laureati occidentali si trasformerà in qualcosa di strutturale. Il vento di distruzione creativa che ha scosso tanti operai negli ultimi decenni sta cominciando a scuotere anche l'élite cognitiva ". Schumpeter prosegue dicendo che le economie emergenti, in particolare la Cina, stanno riversando risorse nella costruzione di università in grado di competere con l'élite di America e Europa. Stanno anche producendo società di servizi professionali come Tata Consulting Services e Infosys che prendono nuovi laureati e li trasformano in programmatori e consulenti informatici di livello mondiale. Il migliore e il più brillante del mondo ricco deve sempre più competere con i migliori e i più brillanti dei paesi più poveri che sono disposti a lavorare di più per meno soldi.

Allo stesso tempo, la richiesta di lavoro educato, sostiene Schumpeter, è stata riconfigurata dalla tecnologia, in modo molto simile a come la domanda di lavoro agricolo è stata riconfigurata nel 19 ° secolo e quella per il lavoro in fabbrica nel 20 ° secolo. I computer non possono eseguire solo compiti mentali ripetitivi molto più velocemente degli esseri umani. Possono anche autorizzare i dilettanti a fare ciò che i professionisti hanno fatto una volta: perché assumere un contabile in carne ed ossa per completare la dichiarazione dei redditi quando Turbotax (un pacchetto software) farà il lavoro a una frazione del costo? E la varietà di lavori che i computer possono fare si moltiplica quando i programmatori insegnano loro a gestire il tono e l'ambiguità linguistica.

Altri economisti stanno aggiungendo a questo scenario "doom and gloom" per l'istruzione superiore. Paul Krugman sostiene che le società postindustriali non saranno caratterizzate da un aumento inarrestabile della domanda di persone istruite, ma da un grande "svuotamento", in quanto i posti di lavoro di medio livello vengono distrutti dalle macchine intelligenti e la crescita dei posti di lavoro di alto livello rallenta.

Mentre un'istruzione universitaria è ancora un prerequisito per l'accesso a professioni consolidate come medicina, legge e mondo accademico, afferma Schumpeter, queste professioni stanno iniziando a vacillare. I giornali stanno combattendo una battaglia persa con la blogosfera. Le università stanno sostituendo i professori di cattedra a tempo indeterminato con personale non di ruolo. Gli studi legali stanno appaltando lavori di routine come "scoperta a specialisti della ricerca computerizzata come Blackstone Discovery. Persino i medici sono minacciati, poiché i pazienti trovano consigli online e cure nei nuovi centri sanitari di Walmart.

Thomas Malone del MIT sostiene che questi cambiamenti – automazione, globalizzazione e deregolamentazione – possono essere parte di un cambiamento più grande: l'applicazione della divisione del lavoro al lavoro sul cervello. Proprio come i direttori di fabbrica di Adam Smith hanno rotto la produzione di spilli in 18 componenti, così le aziende stanno sempre più rompendo la produzione di brain-work in fette sempre più piccole. TopCoder riduce a pezzi i progetti IT e li offre a una forza lavoro mondiale di programmatori freelance.

Schumpeter conclude: "Questi cambiamenti miglioreranno indubbiamente la produttività degli operatori del cervello. Permetteranno ai consumatori di eludere le gilde professionali che hanno estratto rendite elevate per i loro servizi. E permetteranno a molti operatori del cervello di concentrarsi su quello che sono i migliori e affidare compiti più noiosi agli altri. Ma la riconfigurazione del lavoro sul cervello renderà la vita molto meno accogliente e prevedibile per la prossima generazione di laureati ".

Non sono solo i costi dell'istruzione superiore e il volatile mercato del lavoro a influire su di esso, ma anche la nostra visione degli scopi dell'istruzione superiore. Le nozioni tradizionali sul valore dell'istruzione superiore o un'educazione liberale consistevano nello sviluppare una cittadinanza istruita e l'acquisizione di conoscenze socialmente utili. In qualche modo, quegli scopi nobili sono stati sostituiti da un processo per garantire certi tipi di lavoro. E col tempo, i programmi di istruzione superiore che avevano un chiaro compenso per i lavori professionali, in particolare quelli scientifici e tecnici, avevano i maggiori guadagni, mentre quegli studenti impegnati in programmi di arti liberali venivano retrocessi a trovare posti di lavoro entry level (se esistenti) e la nozione di educazione liberale è diminuita.

Larry Cuban, professore emerito alla Stanford University e autore di As Good As Get: What School Reform Brought To Austin, riassume il problema dell'istruzione superiore:

  • In California, 260.000 laureati al di sotto dei 30 anni lavorano in posti di lavoro a bassa retribuzione che sono storicamente andati a diplomati e abbandoni scolastici come i servizi di ristorazione, le vendite al dettaglio e il lavoro di ufficio.
  • Pathways in Technology Early College High School-P-Tech è stato aperto a breve a 230 studenti a Brooklyn (NY) quest'anno per preparare gli studenti a lavori tecnici. Un programma di sei anni in collaborazione con IBM e altre aziende produrrà laureati con lauree associate preparate per lavori a livello di ingresso, pagando $ 40.000 come specialisti di software che rispondono alle domande dei clienti.

Cuban dice: "So che potrebbe essere un tratto, ma ecco come lego questi fatti insieme. Quando gli studenti delle scuole superiori iscrivono un programma tecnologico di sei anni per conseguire diplomi associati che porteranno a lavori della classe media in luoghi come IBM, e quando i laureati BA e BS svolgono lavori a basso costo di servizio e di vendita al dettaglio mentre altri laureati tornano in comunità collegi per ottenere una formazione per lavori medici e tecnici, sorgono serie domande sull'attuale mantra che tutti devono frequentare al college ".

Secondo Louis E. Lataif, Dean Emeritus della School of Management dell'Università di Boston ed ex presidente di Ford Europa, il capitalismo del libero mercato aborre il vuoto, quindi il costo crescente dell'istruzione ha inevitabilmente dato origine a alternative, tra cui una nuova, a scopo di lucro l'industria del college. Oggi ci sono circa due milioni di studenti iscritti a istituzioni come l'Università di Phoenix, Corinthian, Kaplan e DeVry University. Secondo le stime, 5,6 milioni di studenti, o quasi il 30% di tutti gli studenti di istruzione superiore, sono iscritti ad almeno una lezione online. La tecnologia digitale offre approcci affascinanti per migliorare la cognizione. Se è possibile acquistare un corso di calcolo ad autoapprendimento su DVD per $ 67, vale la pena spendere $ 5.000 per seguire lo stesso corso in un'università privata? Saprai più calcoli? Ovviamente l'apprendimento reciproco che avviene al college ha un valore. Ma vale la pena spendere 75 volte di più per lo stesso corpo di conoscenze? The Chronicle of Higher Education ha riportato: "Diversi studi hanno dimostrato che gli studenti imparano il valore di un intero semestre in metà del tempo in cui viene aggiunto il corso online."

Quindi parte della discussione sul futuro dell'istruzione superiore deve ruotare attorno al modello di business dell'istruzione superiore. Il vecchio modello, come molti vecchi modelli di business, è sopravvissuto alla sua utilità?

John O. Harney, che scrive nel New England Journal of Higher Education, cita la ricerca di Jay A. Halfond della Boston University e Peter Stokes della Northeastern University che ha condotto recentemente un sondaggio non scientifico di presidenti in piccole istituzioni del New England sulle loro opinioni sui nuovi modelli. I presidenti hanno generalmente convenuto che per diventare più sostenibili, le università devono cambiare il loro modello finanziario, abbassare i tassi di sconto, raggiungere nuovi pubblici attraverso l'apprendimento online e rafforzare la differenziazione competitiva delle loro istituzioni.

Certamente l'intera area dell'istruzione online nelle sue varie manifestazioni deve essere seriamente esplorata. Così anche i modelli di business dell'istruzione in altri paesi. Ad esempio, l'istruzione superiore è gratuita per i cittadini di Finlandia, Norvegia, Svezia e Germania, sottoscritti dai governi statali. Come gestiscono le loro strutture di costo e rendono l'istruzione superiore pertinente agli scopi originali dell'educazione e del mondo del lavoro?

È arrivato il momento di dare uno sguardo serio all'istruzione superiore, prima che la "bolla" scoppi.

Solutions Collecting From Web of "Perché l'attuale sistema di istruzione superiore non è sostenibile"