Perché l'ansia è inevitabile e necessaria

Mentre scrivo questo, sono ansioso. Avrà senso? Vale la pena leggerlo? Mi prenderò gioco di me stesso?

Anche i giovani nelle scuole stanno scrivendo cose. Devono anche essere visti in pubblico, interagire in pubblico, parlare in pubblico. L'unica differenza tra la loro ansia e la mia è che ho avuto decenni per abituarmici. So che dubito di me stesso e mi preoccupo di quello che gli altri penseranno. So che è normale, almeno per me. So che non dormirò bene la notte prima di una giornata difficile. So che avrò sentimenti contrastanti riguardo all'incontro con nuove persone e all'essere in situazioni non familiari. So perfettamente che una parte di me si sveglierà al mattino e vuole scappare da ogni responsabilità.

Ma per una persona giovane queste angosce sono nuove, nello stesso momento in cui il loro cervello sta cambiando, i loro corpi stanno cambiando e il modo in cui vedono se stessi e il modo in cui sono visti dalle altre persone sta cambiando. L'adolescenza non è mai accaduta prima ad un adolescente. Quindi, ovviamente, sono ansiosi.

Potremmo pensare alla parola 'ansioso' come a descrivere un conflitto di qualche tipo, a un conflitto tra l'impulso a scappare dalla responsabilità e la fiducia per affrontarlo, tra la parte che vogliamo diventare di nuovo un bambino e la parte di noi eccitata da la prospettiva dell'età adulta. Alcuni giovani si lamentano di "ansia" quando descrivono efficacemente il conflitto che sentono tra il loro amore per i genitori e il loro odio verso i loro genitori, tra la loro lealtà verso le persone importanti nella loro vita e la loro rabbia verso quelle persone. Per alcuni, il conflitto è tra come devono comportarsi esteriormente e come non possono aiutare a sentirsi interiormente. Per gli altri, "ansioso" è il conflitto tra pensare e sentire, tra conoscere una cosa ma sentirne un'altra.

Questi conflitti sono familiari e non vengono mai risolti, gli adulti si abituano a loro. Ma i giovani non sono abituati a loro, quindi si fanno prendere dal panico. Sottopongono a google i loro sintomi e ricevono una diagnosi che implica che sono affetti da un disturbo quando in realtà sono affetti da adolescenza, dalla turbolenza di un mondo che spesso non è giusto e spesso non ha senso, un mondo in cui non sempre sappiamo cosa provare o di chi fidarsi o cosa succederà dopo.

Non sto suggerendo che i disturbi d'ansia dovrebbero mai essere disprezzati o respinti. Sto suggerendo che dovremmo stare attenti nella nostra fretta di diagnosticare, tuttavia, nel caso in cui suggeriamo ai giovani che, in qualche modo, l'ansia è sbagliata e che i giovani veramente ben adattati dovrebbero attraversare la vita senza cure.

A volte sembra che una diagnosi sia diventata il modo in cui cerchiamo di curare noi stessi l'ansia quando, infatti, la vita è un affare ansioso e abbiamo bisogno di un grado di ansia per sopravvivere: stare all'erta, consapevoli di cosa potrebbe andare storto, anticipando il possibile pericolo. L'aiuto della maggior parte dei giovani non è la diagnosi o il suggerimento che ci sia qualcosa di sbagliato in loro. Piuttosto, hanno bisogno di qualcuno che ascolti e capisca, assicurando loro che le loro ansie sono inevitabili e hanno un senso completo. Quelle ansie diventano trincerate e cronicamente debilitanti quando noi, gli adulti esperti, non comprendiamo e non reagiamo eccessivamente, cercando una diagnosi piuttosto che ascoltare, ascoltare, ascoltare.

Solutions Collecting From Web of "Perché l'ansia è inevitabile e necessaria"